Martedì 17 Luglio 2018

*

*

***MACHEDICE...DOTTO'***(PSICOLOGIA)***

***BRANI 328**************************

*

*

*

**1***A B U L I A***

*

*

*

Dar greco, vordì senza volontà,

è na depressione che butta giù.

Vorebbero però nun je va de fa,

e così allora nun se prova più.

Voja de lavorà sarteme addosso,

ma viè n'artra vorta che mò nun posso.

*

*

*

**2***A D A T T A M E N T O***

*

*

*

C'è chi se move da casa e ce sta male:

guasi tutti semo fatti così;

c'è chi a movese fa un carnevale:

de sta fermo, dopo un pò, vò sparì.

Bè, a girà c'è l'equilibbrio interiore,

e quell'artro a pensà cjà er mal de core.

*

*

*

**3***A D O L E S C E N Z A***

*

*

*

E dopo l'infanzia viene st'età,

che sò sentimenti mai provati

pe sesso opposto e le contrarietà

a vedeccese d'un tratto cambiati.

Te ce senti ridicolo...n'insurto?

No, spece se ce ripensi da adurto.

*

*

*

**4***A F F E T T I V I T A'***

*

*

Ognuno è formato dall'emozzioni,

certo sò mejo avelle positive;

e, adesso, vedi in giro solo musoni:

le persone de gioje ne so' prive.

C'è solo da sognà le cose belle...

ma saranno finite pure quelle.

*

*

*

**5***A F F E T T I V O (RITARDO)***

*

*

Se l'infanzia te c'è rimasta a core

dentro de te ce starà sempre er sole;

sennò dentro te è come se ce more.

Pure cò na ricchezza de gran mole

pensi sempre ch'è de quello vicino...

er bon giorno se vede dar matino.

*

*

*

**6***A F O N I A***

*

*

Lì, fori dell'arbergo c'era er coro(*)

a "Sivori" er calciatore argentino,

nell'anno che prese er pallone d'oro:

stavo in fissa, era er mio begnamino.

Cercai de cantà...m'ero bloccato:

poi ho saputo...ero traumatizzato.

*

*

(*)Albergo "Quirinale"

***Via Nazionale (1961).

***Gara di campionato

***Lazio-Juventus.

*

*

**7***A L L U C I N A Z I O N E***

*

*

Arcune allucinazioni "normali"

se riferiscono a sogni notturni.

Scambiando le macchie per animali

(o parlanno a voto) quelli diurni.

E dopo ce sta chi sente le voci,

un grande club che cjà parecchi soci.

*

*

*

**8***A M B I E N T E***

*

*

Elementi fisici e biologgici

nei quali se vive e ce se move,

assieme a stimoli psicologgici,

formano e accompagnano ogni dove.

E dice che ce se trova a propio aggio...

se nun se vive ner posto marvaggio.

*

*

*

**9***A M B I V A L E N Z A***

*

*

*

Sentimenti arterni nella persona

de amore-odio e de gioia e tristezza;

c'è l'istinto dell'idea cattiva e bona;

convive er pensiero...schiaffo e carezza.

Ma s'è accentuato sto dualismo,

potrebbe generà pure strabbismo?

*

*

*

**10***A M B I Z I O N E***

*

*

Oggi in famijia chi ce n'ha de più...

però per i figli...so' i genitori.

Qui anche nei sogni lo spread sta lassù:

se spera sempre nelli spread mijori...

Ecco, l'unica ambizzione sociale

è speracce che lo spread nun sale.

*

*

*

*11***A M N E S I A***

*

*

D'amnesia c'è anche quella affettiva:

pare te poi scordà le delusioni.

Prima ce provavo, nun me riusciva

e cjò provato tanto...che illusioni.

Già, da vecchio la memoria m'aranca...

eppure ce sto sempre a pensà a Franca.

*

*

**12***A M O R  -  P R O P R I O***

*

*

*

Se sa che un pò tutti semo orgojosi

e, così, er giudizzio dell'artri conta;

ma troppo è troppo e se prenne a dosi...

artrimenti l'artarino se smonta.

E senza dell'artarino a chi preghi:

l'artri ce stanno, mica te ne freghi.

*

*

*

**13***A N A L I S I***

*

*

*

Er medico greco sciojeva i dubbi

co' la loggica de' raggionamento:

"Sta polenta equivale a...metri cubbi...",

"...ma riggettavo, dottò, controvento...

che fischiava dai monti sulla valle...",

"...n'artra vorta riggirate de spalle...".

*

*

*

**14***A N A M N E S I***

*

*

*

Sempre in Grecia, ad un medico novizzio,

un "ipocondriaco",tutti i mali

je li enumerava, cjaveva er vizzio

de dì de quelli inventati e madornali.

Fori c'era la gente...aspetta e spera...

se ne so' annati, s'era fatta sera.

*

*

*

**15***A N G O S C I A***

*

*

*

E' questo un termine...vestito bene,

come nei vecchi film...la mano in fronte.

Mò se dice stress però nun se sviene

ma s'è centrifugati: na guerra ar fronte.

Dice:" Me lamento e nun me regolo...

guido...". E' la malattia der secolo.

*

*

*

*

**16***A N N U L L A M E N T O***

*

*

*

Dentro nojartri c'è no spiritello,

che quanno ce se fa na cavolata,

gira quello ch'è brutto,diventa bello.

Così è come riggirà na frittata:

se coceva prima, coce anche adesso,

solo che fesso eri e rimani fesso.

*

*

*

**17***A N O R E S S I A***

*

*

*

Diminuisce o perde l'appetito

quanno ar depresso je viè na mania;

e nella pischella:"Lo amo e se n'è ito...",

lei ce diventa na radiografia.

E la peggio è della linea, appunto:

nun la vedi più,che diventa un punto.

*

*

*

**18***A N S I A***

*

*

*

Malessere continuo e indefinito:

causa dubbi, senso de impotenza.

Nun deriva da un fatto definito,

è immagginario nell'adolescenza.

Lo dice er manuale der dottore

ma se scorda l'ansia der genitore.

*

*

*

**19***A N S I O G E N O***

*

*

*

Qui per l'ansia dice che c'è er motivo

e, allora, questo ce sta da capì.

Io me lo ricordo che pe n'ulivo

alle "Palme" nun me riuscì a dormì:

da solista a cantà ma ero...sonato,

me ricordo in chiesa che j'ho stonato.

*

*

*

**20***A N S I O L I T I C O***

*

*

*

Dice der metodo psicologgico

pe fa passà dell'ansia la sensazzione:

"Abbracad." no, dev'esse loggico

anche de pasticche,na confezzione.

Poi, però, prenne l'ansia pe l'orario,

e cerchi un ricovero allo stradario.

*

*

*

**21***A N T I D E P R E S S I V O***

*

*

*

Qui se parla der cambio dell'umore

tramite na cura, anche de sciroppo.

Ce so' così boni: fragole e more,

che alla fine te ne prenni troppo.

E quanno finisce che delusione:

insomma, guarisce sta depressione?

*

*

*

**22***A P A T I A***

*

*

*

Quello? Era un "tifoso", come tifava:

er bandierone, sciarpa e scoppoletta.

Poi della partita se ne scordava

e da abbonato fece la disdetta.

Gnente, aveva l'impassibbilità:

curò la...tiroide pe tornà.

*

*

*

**23***A R C H E T I P I***

*

*

*

I miti, le leggende...viene un dubbio:

anche san Francesco ha contribbuito

pe avvicinà er lupo; da quello a Gubbio

quarcuno su sta razza s'è istruito.

E chiunque pò avé visto un filmato:

ce vive in mezzo l'omo ed ha...ululato.

*

*

*

**24***A R T - T E R A P I A***

*

*

*

Ogni quadro der pittore è na...lastra:

a seconda der tipo de pittura

er medico na diagnosi ce incastra

e pare che sia efficace la cura.

Ar medico ch'è obberato de impegno,

je basta dì: "Famme vedé er...disegno

*

*

*

**25***A S S E N Z A***

*

*

*

L'occhi ar celo e se batteva er petto, 

nun je credevano più nella via;

certo la corona faceva effetto,

diceva d'avecce... l'epilessia.

Tanti j'hanno richiesto i sòrdi, pensa,

ma cjaveva perdita de coscenza.

*

*

*

**26***A S S E R T I V I T A'***

*

*

*

Più o meno: affermazzione de...sé,

pe difennese ma senza attaccà.

E vò sta in equilibbrio se je viè,

ma pensa se l'artro vò...litigà:

l'assertivo lo fa sfogà e lo calma,

lui se ritrova areola e palma.

*

*

*

**27***A S S O C I A Z I O N E - DI - I D E E***

*

*

*

Dimo a caso na parola: città

e te richiama tutto in movimento:

na centrifuga sempre a girà

e, gnente, nun se ferma un momento.

Se ce riesci d'annà via è na festa:

ar paese te passa er mal de testa.

*

*

*

**28***A S S U E F A Z I O N E***

*

*

*

Farmaci da cui c'è dipendenza

e pure se t'è finita la cura

senti de nun poté rimané senza:

così n'artra malatia è sicura.

Che bei tempi della sora Camilla:

ce se prenneva solo camomilla.

*

*

*

**29***A S T E N I A***

*

*

*

"E' quanno le forze...scemano-

disse La Palisse- che sei malato...(*)

Guardate i gondolieri che remano:

stando male nun hanno mai remato".

Questo qui ha lasciato detti, aforismi:

je venivano dopo i gargarismi.

*

*

*

(*)Da La Palisse: verità lapalissiana,

***verità ovvia, evidente.

*

*

*

**30***A T T A C C A M E N T O***

*

*

*

Ce se nasce e poi continua er bisogno

de inquadrà nella vita na persona;

se sceje che te viè come ner sogno,

e, poi, per te ce diventa n'icona.

Prima de nasce a vorte se so' presi

e rimangono attaccati i siamesi.

*

*

*

**31***A T T I T U D I N E***

*

*

*

Dice ch'è na predisposizzione

che te attira come na calamita

a svorge n'attività co' passione.

Chissà da prete ar papa com'è ita

e, magara, dell'elezzione è l'artefice:

che ce s'è allenato da...pontefice.

*

*

*

**32***A U T I S M O***

*

*

*

Diogene, er filosofo, in una botte

ce viveva come dentro no scafandro.

E' re ne sentiva dì crude e cotte

e je bussò: "A' Diogene so' Alessandro-

stava sur cavallo de grande mole-

chiedeme tutto..."; "Levate dar sole...".

*

*

*

**33***A U T O   A N A L I S I***

*

*

*

La terapia de Freud pe le nevrosi,

dell'autoanalisi su de sé:

uno dei sistemi meravijosi

pe vedé nell'interno cosa c'è.

Ma da soli nun se capisce gnente:

te la pò spiegà solo n'assistente.

*

*

*

**34***A V A R I Z I A***

*

*

*

Totò, su sto film fa lo spilorcino:(*)

pe na fettina de carne sottile,

sotto alla bilancia usa er bastoncino.

Però come... barone cjà lo stile,

ed ar "garcon" su sta carne ch'è un fojo

(sto sprecone) fa usà tre gocce d'ojo.

*

*

(*)Film : TOTO',47 morto che parla-1950

*

*

*

************************************************************

*

*

*

**35***B A L B U Z I E***

*

*

*

Disse ar popolo: "VVVeveeeniteme aappresso,

sstateme ddietro cche vve cce pporto iiio-

e ar fratello- vvièèè, jje llo sspieghi te adesso,

aaannamo aaar mmonte, mm'ha cchiamato IIIIdddio...".

Sur monte se dovettero nasconne:

parlò Mosè e lo tradusse Aaronne.

*

*

*

**36***B A R B I T U R I C I***

*

*

*

"A me gli uocchi...", pe ridece se dice,

che l'ipnotizzatore incuriosisce;

e sta medicina è na direttrice

ch'è sedativa, calma e t'assopisce.

Però è n'acido e mica no sciroppo:

se ce se sbaja ce se dorme...troppo.

*

*

*

**37***B E N Z O D I A Z E P I N A***

*

*

*

Forse a dì sto nome ce stava male

e, sta de fatto, ne faceva n'uso

ch'era capace de un cambio umorale;

ma c'era annato a finì nell'abbuso.

E da immusonito alla...cantarella:

e, der sud, ballava la tarantella.

*

*

*

**38***B U L I M I A***

*

*

*

Co' sta malatia viè da magnà,

ma pure de notte e anche de nascosto:

tutta la spesa sparisce da qua.

Se è nervoso s'abbuffa a ogni costo

e, cosicché, metti che nun je sona,

divora tutto, è la giornata bona.

*

*

*

************************************************************

*

*

*

**39***C A P R O - E S P I A T O R I O***

*

*

*

L'ebbrei cacciati ovunque ai ghetti,

ma Hitler fece de più, li sterminò,

e pe finanzià la guerra, in effetti,

quarsiasi colpa a loro j'addossò.

De ogni neo cjanno colpa? E' notorio:

so' stati er vero capro espiatorio. 

*

*

*

**40***C A R A T T E R E***

*

*

*

Già, quello der giuramento...Ippocrate

l'ha diviso in vari temperamenti;

poi ognuno, manco fosse un burocrate,

n'ha scritti tanti e detti ai quattro venti.

Ma Jung, più sintetico e senza...versi,

li classificò: introversi...estroversi.

*

*

*

**41***C A R E N Z A - A F F E T T I V A***

*

*

*

Se nun senti l'affetto da bambino

è come sta dentro er Limbo, nun campi:

ner Brefotrofio, co' l'artri vicino,

me ritrovavo ar bujo...tòni e lampi.

Perché de vive nun me ne so' accorto:

anzi ho capito ch'ero nato...morto.

*

*

*

**42***C H O C***

*

*

*

Già, so' patetico in prima persona:

ogni giorno c'era na punizzione.

La più in voga "la sora che bastona":

ogni mano te diventava un...guantone.

Pijava le mani sotto l'ascelle:

ce piagnevi e vedevi le stelle.

*

*

*

**43***C I C L O T I M I A***

*

*

*

Quest'umore che sta sempre a cambià:

trasmette entusiasmo ed euforia,

e tristezza che nun se pò spiegà...

perciò ce diventa malinconia.

E ce lo sa da com'è (brutta o bella)

la giornata se...arza la tapparella.

*

*

*

**44***C L I N I C O***

*

*

*

Vai dar medico e te fa parlà

e lui te se guarda e t'osserva bene;

tu pensi... chissà a che sta a pensà;

poi te prenne er polso e sente le vene.

Sembra che nun te calcola, ch'è cinico:

e no, t'ha fatto n'esame clinico.

*

*

*

**45***C O G N I T I V O (P R O C E S S O )

*

*

*

La mente cjà er processo cognitivo

quann'è sollecitata e vò capì.

Dice...lo stimolo è superlativo

pe' volesse imparà...dimo così.

E, difatti, senza sòrdi pe' campà,

ma come ce provi a volé studià.

*

*

*

**46***C O L L E R A***

*

*

*

Provoca st'emozzione n'ingiustizzia:

s'accelera er battito all'impazzata,

ogni cosa a vedé nun è propizzia,

anche la respirazzione è arterata.

Eccome, pressappoco e manco a dì:

è tempo de crisi...e gira così.

*

*

*

**47***C O L P A  (S E N S O - D I)

*

*

*

Perfino Iddio cjà avuto sto senzo:

dar diluvio sarvò Noè e famijari.

Volava sopra n'acquitrino immenzo:

"Ecco, ce risò fiumi, laghi e mari;

fa uscì l'animali...attento a que' riccio...

però n'artra vorta nun me ce impiccio".

*

*

*

**48***C O M P L E S S O - D I - C A I N O***

*

*

*

Geloso odiava sù fratello Abbele

(je se manifesta ai primoggeniti).

Sto Caino cjaveva addosso er fiele,

e Dio: "No, nun lo fa, trattieniti...";

gnente dalla rabbia era...sordomuto:

nun ha sentito...nun s'è trattenuto.

*

*

*

**49***C O M P L E S S O - D I - D I A N A***

*

*

*

Dea romana, la donna gueriera

che viveva ner bosco della caccia.

Era mascolina, virile e altera,

insomma guasi n'omo, anche de faccia.

Se dice sto complesso, annamo bene,

viene perché c'è l'invidia der pene.

*

*

*

**50***C O M P L E S S O - D I - E D I P O***

*

*

*

Senti un pò st'Edipo che ha combinato:

j'era antipatico e l'uccise er padre;

qui è l'odio per genitore ch'è stato...

è annato de là e ha sposato la madre.

"Ma sti fatti ponno succede...ponno...-

je dicevano ar vecchio- attento,nonno...".

*

*

*

**51***C O M P L E S S O - D I - E L E T T R A***

*

*

*

Er "complesso d'Edipo" ar femminile:

insomma, questa fece uccide la madre

quanno seppe dell'aggressione vile

de un sicario che mannò dar padre.

Freud e Jung d'accordo: "E' la rivale...",

detto così sembra tutto normale.

*

*

*

**52***C O M P L E S S O- D I- I C A R O***

*

*

*

Bè, verso er sole cercò de...volà,

cò le ali fatte de cera...s'arzò.

"Bò -dissero tutti- ma dove andrà...";

vabbè, sto complesso lo dominò...

d'esse er mijore, d'essece er più bravo:

ma l'hanno ripreso dopo 'no scavo.

*

*

*

**53***C O M P L E S S O - D I - I N F E R I O R I T A'***

*

*

*

Nun se pò capì senza sentimento,

pe ogni cosa e quarsiasi motivo.

Già, senza affetto gnente apprendimento:

me ricordo in colleggio nun capivo.

La vita la sentivo...sotto traccia,

prima de sor Vitalba, che vitaccia.

*

*

*

**54***C O M P L E S S O - D I - V I R I L I T A'***

*

*

*

Da regazzine sto complesso qua:

se sentono prive dei genitali...

maschili fino alla maggiore età:

sapranno de avecce artro tipo...d'ali.

Poi tante artre cose capirà:

damo tempo, se è rosa fiorirà.

*

*

*

**55***C O M P U L S I O N E***

*

*

*

I vari tic, l'azzioni ripetute

pe avé na sicurezza de controllo;

e, dopo, margrado le prove avute,

a ricontrollà ancora a scapicollo:

er gas è chiuso ma da ricontrollà,

aò, Cristo, lascia fa e nun strafà.

*

*

*

**56***C O M U N I C A Z I O N E (TEORIA DELLA)***

*

*

*

Dice sta teoria che i conflitti

nun derivano dall'animo umano,

ma dalla coppia e allora semo fritti:

così nun se chiederà più la mano.

Comunque anche dall'ambiente sociale...

ma va ar posto der prete...mica male.

*

*

*

**57***C O N D I Z I O N A M E N T O***

*

*

*

L'influenza psicofisica scocca

se c'è 'no stimolo, tipo in cucina:

senti quarcosa, viè l'acquolina in bocca

de quanno hai magnato 'na fettina.

Sazzio all'odore dei prosciutti:

sarebbe pensà a sé e Dio a tutti.

*

*

*

**58***C O N D O T T A***

*

*

*

Nun è inventata, ce vò chi te insegna,

che te forma come n'orientamento,

e nun solo all'infanzia te ce impegna,

ma devi avé n'eco ogni momento:

ce so' regole che te devi legge

e, ognuno, cjà er santo che lo protegge.

*

*

*

**59***C O N F L I T T O  - I N T E R I O R E***

*

*

*

Ce so' conflitti dentro de sè stessi

da scioje sempre co' raggionamento:

so' na sorta de pensieri riflessi

che la morale  dà de orientamento.

Te ripulisce de qualunque scoria

e tutti i salmi finiscono in gloria.

*

*

*

**60***C O N S C I O***

*

*

*

E tutti li stimoli della mente

fanno riflette e s'è consapevoli.

St'intimità se usa solo in Oriente:

lì ste tradizzioni so' notevoli;

e ce meditano pure sui prati...

se dice: la pazzienza è pei frati.

*

*

*

**61***C O N T R A D D I Z Z I O N E  (S P I R I T O DI)***

*

*

*

Dice ch'è dell'adolescenti...cresciuti:

sentono un giudizzio e scatta er contrario;

però quarsiasi e de che...discuti.

Per le parole cjanno er...brontolario,

dice ch'è un tipo de difesa acuta:

Dio nun ajuta chi nun s'ajuta.

*

*

**************************************************************

*

*

**62***D E' J A - VU***

*

*

*

Dar francese, significa "già visto":

è la spiegazzione d'avé vissuto

lo stesso fatto che vivi e no un misto.

Dice, succede spesso, nun discuto,

e pensa se de rinasce...ritorna:

diavolo nun sa...se gratta le corna.

*

*

*

**63***D E L I R I O***

*

*

*

E' disturbo psichico ed ossessivo:

c'è n'idea fissa, nun se cancella.

E' un treno che parte senza l'arivo,

e sta sempre a sonà la campanella.

Aò è questa l'idea fissa in testa...

però er giorno der santo fa la festa.

*

*

*

**64***D E P R E S S I O N E***

*

*

*

Significa "caduta de pressione":

pare ch'è propio seria, anzi ch'è grave

perché nun vole la libberazzione.

Se trova impalato come un trave:

chi ce casca de sta mejo nun ce crede...

se conosci Roma perdi la fede.

*

*

*

**65***D I A G N O S I***

*

*

*

Entri dar medico, stai a tossì,

stai sulla porta e comincia a scrive;

manco te siedi è riuscito a capì:

questa è la diagnosi, mica invettive.

"Nun discuto, er monno l'aregge Iddio

e, però, qui dentro ce comanno io".

*

*

*

**66***D I F F I D E N Z A***

*

*

*

Senza fiducia c'è la diffidenza:

se sta sempre a pensà d'esse ingannati.

Ce fossero le prove, abbi pazzienza,

dice ch'è paranoja...se nun l'hai sgamati.

Cristo ce morì a forza de tormenti,

e l'omini vivono fra i lamenti.

*

*

*

**67***D I P E N D E N Z A  -  A F F E T T I V A***

*

*

*

Me sentivo a casa pieno d'affetto:

da sempre Adriana m'ha preso er core;

ma visto n'angelo m'ha fatto effetto,

ho capito ch'era er grande amore...

ce se semo lasciati verso...er centro:

'gni vago d'uva cjà er diavolo dentro.

*

*

*

**68***D I S A D A T T A M E N T O***

*

*

*

De scrive de colleggio me n'astengo,

ma ovunque sta nevrosi pò corpì.

Nella scola (a ripensacce ce svengo),

mi fija na maestra nun poteva soffrì:

"Chi non sa, lo spuntino non lo fa...",

sapé magnà, dai preti devi annà.

*

*

*

**69***D I S A R M O N I A***

*

*

*

L'equilibbrio interiore je trabballa,

ma nun je se pò dì propio gnente...

ad eccezzione...nun te la dà calla:

aò, te lo dice anche "deficente".

Convinto poeta: "Chi magna e caca-

ce disse da...astemio- campa da papa".

*

*

*

**70***D I S C O R D A N Z A***

*

*

*

Se ritrova sempre in contraddizzione,

e nun je va de sentisse...banale:

"I proverbi so' na maledizzione

che nun se ponno cambià e questo è male....".

Latte e vino s'è bevuto, perfino

(sta male) a smentì "ch'è un veleno fino".

*

*

*

**71***D I S L E S S I A***

*

*

*

A lègge, da regazzino, è confuso

e, spece ad alta voce, se capisce

che salta le parole e je vjè er muso,

e sti svarioni nun li concepisce.

E' così, senz'affetto ce se sbrocca,

già, nun se beve cor boccone in bocca.

*

*

***72***D I S O R I E N T A M E N T O***

*

*

*

'Na sora la tenda chiamò...mussola:

de seta, ce dormivano vicine.

In colleggio nun c'era la bussola...

la notte facevi e' rumore der crine...

Te magnavi l'avanzi der mercato;

loro er mejo: er naso der curato.(*)

*

*

(*) cioè il culo della gallina.

*

*

*73***D I S S O C I A Z I O N E -DELLA- P E R S O N A L I T A'*  

*

*

*

E pure qui c'è disorientamento:

vabbè, pensa na cosa, ne fa n'artra.

Insomma, sente che je gira er vento,

ma chi lo gira è na persona scartra.

E je viene pure un pò de...scemenza:

magni cicoria...nun sputi semenza.

*

*

*

**74***D I S T I M I A***

*

*

*

E c'è chi nun se stima da sè stesso:

de solito nun frequenta nessuno

e, ner pensiero, se ritiene un fesso;

no, nun se vole bene...sarvoggnuno.

Poi scappa all'osteria lì vicino:

l'omo de vino, nun vale un quatrino.

*

*

*

**75***D I S T R A Z I O N E***

*

*

*

Lo scolaro a na mosca je va appresso:

spera che va ar naso dell'insegnante...

solo na cosa lo sveja, se striscja er gesso,

e je ce viene un brivido all'istante.

Nun c'è de peggio quanno er gesso struscja,

come a sta vicino ar foco che brucia.

*

*

*

**76***D I S T U R B O  -  S E S S U A L E***

*

*

*

Qui è come entrà dentro de na foresta:

so' disturbi de personalità?

De difetti ne riempi na cesta:

se pò dì guasi ciascuno ce n'ha.

Ce n'è un montarozzo, ce vò la pala:

la luna (e amore) se nun cresce...cala.

*

*

*

**77***D U B B I O***

*

*

*

Er dubbio pò venì all'ossessione:

avessi fatto così...ma porca vacca,

ormai ho fatto cosà, che situazzione.

Se te confidi forse ottieni na pacca:

avresti potuto...ner gioco a bocce!

Moje e marito, un còrpo e du capocce.

*

*

***************************************************************

*

*

**78***E C C I T O- M O T O R I A (EBBREZZA)***

*

*

*

"E' n'aggitazzione psicofisica-

dice er dottore- che nun è normale...",

apre bocca e...ma questo nun risica:

se tocca in testa come se fa male.

Mejo se fosse toccato più giù:

lepre scappata nun se pija più.

*

*

*

**79***E C O L A L I A***

*

*

*

E' regazzino che impara a parlà

regolare che fa sta cantilena;

però se insiste fa preoccupà:

allora pe l'affetto è crisi piena.

Ce so probblemi a fa la canzoncina:

famme indovina, che te fo reggina.

*

*

*

**80***E F F E T T O - P L A C E B O***

*

*

*

Un finto farmaco che dà piacere,

e pensa che piacere chi lo vende...

ma le faranno le "Placebo" vere?

Aò 'na limonata quanto rende:

chissà a chi je s'è accesa la luce;

nun è tutt'oro quello che riluce.

*

*

*

**81***E G O***

*

*

*

Un calciatore "altruista" de certo

(ma sto football è un gioco collettivo?)

era FALCAO  Paulo  Roberto:

mille "veli", della palla... schivo.(*)

Dicono artri "io",e voi fateve er mazzo:

"io" so' "io" e voi nun contate un cazzo".

*

*

(*)schivare il pallone per

**lasciarlo a un compagno

*

*

**82***E M O Z I O N E***

*

*

*

Dice che dura poco l'emozzione,

e de Adriana, che j'ho dato er core,

forse devo parlà de na passione

e, per lei, ho lasciato er più grande amore.

Anche i più grandi amori se tarlano...

pensieri da innamorati... parlano.

*

*

*

**83***E M P A T I A***

*

*

*

Comunicazzione de...sentimenti

e de capì l'artri capacità;

ma n'artri millecinquecentoventi...

questi so' i requisiti per curà.

E, però, er cervello, mica la panza:

l'urtima che more è la speranza.

*

*

*

**84***E N D O G E N O***

*

*

*

Cjà l'origgine interna alla persona:

è un blocco che nun riesce a capì.

Lo fa rimugginà, nun lo perdona:

allo psicologo je lo pò dì.

"Senta un pò -dice- ma sento un richiamo...",

"...fa gnente, tutti ce n'avemo un ramo".

*

*

*

**85***E N E R G I A***

*

*

*

"Sì, ce sta quella vurcanica, è vero...

poi c'è chi se sforza ma ne risente;

a na certa poi annà a n'artro...impero,

e mica je vòi dì addio a sta gente-

j'ha detto er medico- mettece 'a zeppa:

no pippa, scarza pappa e poca...peppa".

*

*

*

**86***E P I L E S S I A***

*

*

*

Mica pija sempre, viene a momenti,

ce so' varie cause tra cui l'ascessi:

fatte conto gonfio in bocca te ce senti;

e va a finì per questo te ce stressi.

Così ce dormi o cadi, cambia poco;

all'acqua e foco, Iddio je da loco.

*

*

*

**87***E P I S O D I O***

*

*

*

"Un disturbo nervoso der momento-

dice- ar medico je lo devi dì...".

Sembra d'esse piccioni ar monumento,

ma questo manco te pò sta a sentì.

Totò su sto vocabbolo scherzava:

difatti "esipodio" lui lo chiamava.

*

*

*

**88***E Q U I L I B R I O***

*

*

*

Pe' esse equilibbrato devi sapé...

pe' sapé, quarcuno te deve dì...

se nessuno pe' insegnattelo c'é...

me dici tu come lo poi capì...

Ecco, a chjedese fino a santa calla:

chi sa navigà ce sta sempre a galla.

*

*

*

**89***E R E D I T A R I E T A'***

*

*

*

Per l'auto c'è un corso per guidà:

un ber pò de lezzioni uno se sente,

de sapé je lo devi dimostrà:

come na medaja c'è la patente.

Fai famija, senti er nonno...gioca,

dice lui: "Chi nun s'ajuta s'affoca...".

*

*

*

**90***E R O S***

*

*

*

Sto termine greco vordì amore,

ce se mettono l'istinti vitali:

quello che pe' l'artro accelera er core,

fino ai comportamenti sessuali.

Je disse alla Lena: "Sei come un raggio...",

mentre la dipigneva er Caravaggio.

*

*

*

**91***E S ***

*

*

*

Leggo e così so che vjé dar tedesco:

"Es, io e super io" è della triloggia,

de certo a capillo nun ce riesco.

E' "la cosa" la...mentale energia.

Ce se chiede perché è un trattato fino...

er perché è sotto er culo de Pasquino.

*

*

*

**92***E S O G E N O***

*

*

*

In psichiatria, alterazzione mentale

da una malattia dell'organismo:

infettiva, trauma cerebbrale,

arterosclerosi oppure alcolismo...

guarda che cavoli, drizza l'antenne,

chi vò rischià ce lascia le penne.

*

*

*

**93***E S P A N S I V I T A'***

*

*

*

Co' sto carattere uno è troppo forte:

cjà sempre entusiasmo in continuazzione;

se sona j'aprono ar volo le porte,

ma perché tiene allegri è mattacchione.

Pissi-pissi, invidia..."spero nun torni...",

ogni meravija dura tre giorni.

*

*

*

**94***E S P E R I E N Z A***

*

*

*

Te s'accumula un giorno dopo l'artro,

però per quanto capisci...sai poco;

perché anche se pensi d'essece scartro

nun sai tutte le regole der gioco.

All'artro monno ce se pò pensà:

lassù più se pensa e meno se fa.

 

 

*

*

**95***E T A' -  E V O L U T I V A***

*

*

*

Da quanno nasci alla maggiore età,

che pare ariva all'età de vent'anni,

c'è solamente tutto da imparà,

te sembra de sapé tutto, te inganni.

Te senti cresciuto ma bono...stacce:

tutte le cose ar monno hanno du' facce.

*

*

*

**96***E T A' - M E N T A L E***

*

*

*

Dentro er colleggio un...paleolitico,

ma propio un troglodita co' la clava;

linguaggio a monosillabbi, asfittico:

ecco er prete chi era, a noi nun parlava...

Ma lì dentro le cose erano brutte:

un fesso c'era... le pagava tutte.

*

*

*

**97***E U F O R I A***

*

*

*

A me Gandhi me cjà fatto st'effetto

che, de sentinne parlà l'obbiettori,

è dar sordato che so' n'angioletto:

da allora ho perdonato i genitori;

co' gioia ho preso all'Ospizzio zia-nonna;

ar monno chi la vò quadra e chi tonna.

*

*

*

**98***E Z I O L O G I A***

*

*

*

Studio de' disturbi all'origgine:

è l'analisi da ricercatore;

magara a fa sapé la vitiliggine

come s'attacca e tutto quer prudore.

Ar sapé ce credi, nun sei eretico:

dov'entra er sole, nun entra er medico.

*

*

**************************************************************

*

*

**99***F I S I O L O G I C O***

*

*

*

E' naturale, nun è patologgico,

de fasse un sonno quanno c'è bisogno.

E' un punto de vista fisiologgico:

fisiologgicamente se fa un sogno.

La prima cosa chiara... te la dico:

a piscià chiaro...nun vedi er medico.

*

*

*

**100***F I S S A Z I O N E***

*

*

*

Ero fissato d'essece fissato

che ho chiesto na visita dar dottore.

La segretaria 'na data ha fissato,

così me so' fissato a contà le ore.

"Pronto dottò, sto in fissa ad aspettà,

ma sto in fissa a nun famme visità...".

*

*

*

**101***F O B I A***

*

*

*

"De fobbia -dice- se pò scherzà:

pe un gatto, un posto bujo, pe na cosa...

poi, quanno vedi che se st'allargà...

fa male e te diventa dolorosa.

E nessuno mai ce s'è divertito:

mejo esse invidiato che compatito".

*

*

*

**102***A C R O F O B I A***

*

*

*

"E te fa ride -prosegue tutto de un fiato-

nun sei stato in alto e cjài paura...";

"Già, solo a pensà (nun me so' trovato),

pe questo sta sulla scala m'è dura...";

"E de salì nun se sa che te perdi...";

"Vabbè...me ricordo montagne verdi...".

*

*

*

**103***A G O R A F O B I A***

*

*

*

Nei spazzi aperti quarcuno sviene

ma, se trova un portone, se ripara.

Se lo vedi sai er malore che tjene...

insomma a rifuggiasse fanno a gara.

Nelle strade larghe nun je se doma...

e le strade...strette portano a Roma.

*

*

*

**104***A N T R O P O F O B I A***

*

*

*

Dalla presenza de artre persone

c'è la paura dell'assembramento;

perciò co' sta paura se stanno bone

e, co' l'artri, nessun avvenimento.

Ce sta da solo, a sto male s'attacca:

dice che vive...in un ventre de vacca.

*

*

*

**105***C L A U S T R O F O B I A***

*

*

*

La paura de restà dentro un posto

je impedisce l'ingresso dapertutto;

se fa le scale ovunque a ogni costo,

anche un grattacelo, scale de brutto...

e dopo... cento pijeno l'affanni:

ma chi fa a modo suo campa cent'anni.

*

*

*

**106***D I S M O R F O F O B I A***

*

*

*

E' un disturbo che fa abbolì lo specchio,

che ce se sente co' quarche difetto:

naso, occhi, bocca o da giovane...vecchio.

Ma pe' fasse la barba...poveretto...

le bracjole in faccia a tremà i ginocchi:

triste è quello che se strigne l'occhi.

*

*

*

**107***E R E U R O F O B I A***

*

*

*

Qui chi è timido cjà la sofferenza:

arossisce come na mammoletta;

emotivo all'ennesima potenza:

se nasconne a vedé quarcuno,de fretta.

Pe' esse così bisogna fa le...scole...

ma ce pensa ar malanno chi je dole.

*

*

*

**108***E R I T R O F O B I A***

*

*

*

Vede rosso er toro e pija coraggio,

invece a quarcuno crea l'angoscja;

der colore rosso ne resta ostaggio:

dar prenneje i tremori e l'erre moscja.

Così, per lui er rosso è un pericolo...

de sta abbandonato dentro ar vicolo.

*

*

*

**109***F O T O F O B I A***

*

*

*

La paura della luce che scocca

fa venì alla mente quella de Adamo

che s'accecò (co' la mela in bocca)

quanno Iddio te lo sorprese su' ramo:

"Adà, nun me risponni a prima voce,

è segno ch'er discorso nun te piace".

*

*

*

**110***I D R O F O B I A***

*

*

*

Le mosche fastidiose? Ariva la pioggia:

quarcuno ce se sente male davero,

guarda er celo e nun sa dove s'appoggia

pe vedé lassù dov'è ancora nero.

Quanno vede chiaro più nun je importa,

però, na nuvoletta...acqua nun porta.

*

*

*

**111***I P O C O N D R I A***

*

*

*

Er medico cjà l'urtimo pazziente,

ma sa che poco-poco fa pe tre:

parla de continuo e nun lo sente

che de malatie ce n'ha...trentatre.

Parla e se cura, pure er mal de panza:

già, l'urtima che more è la speranza.

*

*

*

**112***N O S O F O B I A***

*

*

*

Sta malatia tutti ce l'avemo,

er nosocomio artrimenti ospedale

(che se chiama così ce lo sapemo),

cercamo d'evitallo, er peggior male.

Pensa a sapé navigà se sta a galla:

e pensa da vecchi annà a...santa calla.

*

*

*

**113***O N C O F O B I A***

*

*

*

Mannaggia "onco" significa tumore,

e dimmelo te chi nun cjà paura;

questi a venì nun fanno rumore,

avoja a dì l'aria: ar mare o pianura...

Mejo nun pensacce e faccese un sonno;

nonna co' li carzoni, era mì nonno.

*

*

*

**114***P A N T O F O B I A***(*)

*

*

*

"Viemme dietro che te presento Ignazzio,

ha vinto la partita, fanno festa...

però, tutta sta gente qua, che strazzio...";

comunque, quanno gira la testa,

Alberto nun ce sta più, se n'è annato,

anzi, pe mejo dì, questo è scappato.

*

*

(*)Timore per le persone nuove.

*

*

**115***P I R O F O B I A***

*

*

*

No, nun pò lavorà coi pompieri:

questo solo a guardà er foco ce sviene.

Co' li cerini cjà scompensi seri,

ma nun fuma e je fa solo che bene.

D'artronne, chi ce se contenta gode,

e ce se gratta.........si je rode.

*

*

*

**116***P O T A M O F O B I A***

*

*

*

Pe attraversà un corso d'acqua, er panico,

nun solo a nuoto, anche a n'imbarcazzione...

e ce rimane de legno...un manico;

più che mare pensa a n'inondazzione.

Quanno se deve lavà: "E come fo-

poi se decide -quanno ce vò, ce vò".

*

*

*

**117***S I T I O F O B I A***

*

*

*

Resta famoso er veleno dei "Borgia":(*)

de arsenico e interiora...putrefatte;

ar papa je curò la pappagorgia,

e je levò er vizzio delle cjavatte.

"Santità, er vino è bono...",era na balla...

fa scappà er bove poi chiude la stalla.

*

*

(*)papa Alessandro VI  (RODRIGO BORGIA),

**morto avvelenato Roma 18 agosto 1503.

*

*

**118***T A F O F O B I A***

*

*

*

Tafo, ch'è greco, seporcro vordì:

"C'è, d'esse seppelliti la paura,

ma questo ce s'è sarvato...",stava a dì

mentre se magnava un pò de verdura.

Rispose uno a bocca piena, ma forte:

"A tavola nun se parla de morte".

*

*

*

**119***T O S S I C O F O B I A***

*

*

*

S'è tossici anche co' la sigaretta,

e ce sta pure scritto sopra che "uccide".

Dov'è er guadagno, anche se maledetta,

na cosa se pò fa...nun te fa ride?

Per la Chiesa all'inizzio era "erba santa"...

e tutte le matine er gallo canta.

*

*

*

**120***X E N O F O B I A***(*)

*

*

*

Dice,ma questi so' fatti vecchi:

"mamma li turchi" e venivano qui.

E quell'artri, pure i Lanzichenecchi,

fino ad arivà ai Tedeschi-ya...sì.

A difennese co' la croce er papa:

li svizzeri in quattro a cavà na rapa.

*

*

(*) Xenofobia: la paura degli stranieri.

*

*

**121***Z O O F O B I A***

*

*

*

La paura de ragni, topi, insetti,

te ce fa venì li brividi addosso.

Fa paura più de un toro, in effetti,

vedé un sorcjo pure se nun è grosso.

Le purci nun cjanno nemmeno la tosse,

ma le zanzare te danno le scosse.

*

*

*

**122***F R E D D E Z Z A***

*

*

*

So' stato da sore e preti, che noja:

cjanno raggione, so' senza soriso.

Dice che la religgione è na gioja,

e questi cjanno na smorfja sur viso.

Come ner "cinema muto" è na moda:

sanno dove er djavolo tjè la coda.

*

*

*

**123***F R E N O L O G I A***(*)

*

*

*Hitler ce se pettinava a...gnoccolo,

ch'era er modo mejo de pettinasse,

visto ch'era na testa de broccolo:

per sapello je bastava toccasse.

Coi montarozzi in testa, era no schianto:

je scoreva na lagrima de pianto.

*

*

(*) Frenologia: studio del cranio.

*

*

**124***

*

*

*

F R E U D  -  S I G M U N D  (1856-1939)

*

*

*

Morto lui, s'è propio spenta la luce,

è cominciata la guerra mondiale,

finita a testate, Fuhrer e Duce,

senza più cure...la fine normale.

Dice che magnavano solo pesce:

se nun ajuti er còrpo, l'anima esce.

*

*

*

**125***F R U S T R A Z I O N E***

*

*

*

Edison cjaveva mille brevetti,

ma vide Tesla e fece la...frittata:

quanno c'è l'invidia dò vai, pe tetti.

Tesla je inventò la corente arternata;

così er "gegno" lo volle scredità:(*)

er bisogno abbassa la nobbirtà.

*

*

(*) La corrente continua (Edison)venne

**  soppiantata dalla corrente alternata

**  di Tesla.

*

*

**126***F U G A ( D A L L A - R E A L T A' )***

*

*

*

Sotto na cassetta della frutta

da regazzino me ce nasconnevo;

dalle fessure a vedé meno brutta

la vita der colleggio me credevo.

Me illudevo de passammela liscia:

er rospo do' nun cjariva ce piscia.

*

*

*

**127***F U N Z I O N A L E***

*

*

*

Mettemo un proggetto "Area emotiva",

che sviluppa un pensiero funzionale:

ma quanto c'è da scavà, dò s'ariva

pe' capì prima che ce se fa male.

Diceva er vecchio: "Libbro sentenzioso-

e ce pensava- è fatto pe' l'ozzioso".

*

***************************************************************

*

**128***G E L O S I A***

*

*

La Tosca, amante de Mario er pittore,

gelosa della marchesa Attavanti,

se vive un dramma tale che lo spettatore

nun capirà bene da lì in avanti.

Anvedi sto Sardou che grande acume:(*)

Tosca, pe' st'intreccio...se butta a fiume.

*

*

(*) Victorien Sardou(1831-1908)- La Tosca,

** Fédora, Robespierre...

*

*

**129***G E N E***

*

*

*

E' una sequenza "DNA" er gene:

reggioni codificanti so' esoni,

fanno na trascrizzione bene, bene;

le sequenze che se chiamano introni

te le regolano tutte a' ritorno:

co' tanti galli nun se fa mai giorno.

*

*

*

**130***G E N O M A***

*

*

*

Ce so' cromosomi tetraploidi

nell'organismo pluricellulare;

ma le copie murtiple, triploidi

cjanno materiale unicellulare.

C'è da laureasse in... Genetica,

chi vole apparì, curi l'estetica.

*

*

*

**131***G E R O N T O L O G I A***

*

*

*

Mò se campa n'era geologgica,

che ce so' parecchie comodità;

e così co' le cure è na loggica

per la gente a cent'anni d'arivà.

Er vecchio in giro prima nun ce stava,

se mi nonno nun moriva... campava.

*

*

*

**132***G I U D I Z I O***

*

*

*

Ce se pò fissà che nun è successo gnente

e, invece, è propio vero ch'è successo.

Anche n'amore, che più nun se sente,

te ce trovi a pensallo come un fesso.

Nun fa gnente er tempo, anche se distanti:

'gni carcjo addietro, manna un passo avanti.

*

*

*

**133***G R A F O M A N I A***

*

*

*

C'è mancata nell'addio na carezza:

da quarant'anni ce so' innamorato.

Ce semo lasciati per la chiarezza

e, però, ce so' rimasto schoccato.

M'ha detto de scrive, me sto a imparà:

magnà e scrive tutto sta a comincià.

*

*

*

***************************************************************

*

*

*

**134***H A B I T A T***

*

*

*

D'ambiente ognuno cjà l'ideale

secondo er carattere che cjà:

uno nella foresta tropicale

e l'artro tra l'Eschimesi a ghiaccià.

Bè, chi cjà er pepe lo mette alle rape,

e chi nun ce l'ha, se le magna scjape.

*

*

*

***************************************************************

*

*

*

**135***I D E A  -  F I S S A***

*

*

*

'Na vorta  che je s'è rotta la sedia,

s'una catasta ce s'è messo a sede:

i foji della... Divina Commedia.

Scriveva a na luce che nun se vede,

ne parlavano come de un "gigante":

era n'omo, lo chiamavano...Dante.

*

*

*

**136***I D E N T I F I C A Z I O N E***

*

*

*

Già, me prese co' "Gioventù bruciata",

e James Dean cercavo de imità:

la brutta copia, tutta na risata;

manco me stesso ce sò interpretà.

Ma de esse sempre triste ne ero stufo:

già, na cosa è civetta e n'artra gufo.

*

*

*

**137***I D I O Z I A***

*

*

*

Er tempo va e tutto quanto trascore,

ma se me rivorto ar tempo passato:

ho subbìto "abbandono de minore"...

dove "idiota" c'ero diventato.

Regazzino, anni da solo, che rabbia:

mejo uccello de fratta che de gabbia.

*

*

*

**138***I M I T A Z I O N E***

*

*

*

Un artro che ammiravo, Marlon Brando,

quello der "Selvaggio" in motocicletta;

ma da solo me l'annavo imitando

e lo imitavo bene...na trombetta.

Aò, me l'annavo a capà li mejo:

ma (quanno dormivo) ero un tipo svejo.

*

*

*

**139***IMMATURITA'  A F F E T T I V A***

*

*

*

Sedici anni de colleggio...na fata,

sì sta zia che veniva de festa;

dopo, uscito...nella fuga è scappata,

che m'ha lasciato solo...lesta-lesta.

Nun ero bono manco a comprà er pane:

la catena nun fa mai un bon...cane.

*

*

*

**140***I M P U L S I V I T A'***

*

*

*

Ar "militare" ho sentito parlà

de Gandhi che ha libberato l'indiano

e ho deciso, de impulso, a rispettà

l'animali ed esse veggetariano.

Solo Pandoro, sconosciuto a Roma,(*)

strada facenno s'addrizza la soma.

*

*

(*)Verona, Caserma M. della Scala,1962

*

*

**141***I M P U L S O***

*

*

*

Bè, ho vissuto l'impulso ridicolo

de celebbrà quell'attori borghesi,

e me ritrovavo in mezzo ar vicolo:

già, da isolato tutti malintesi.

Cor "gandismo" st'idee se scontrano:

solo le montagne nun s'incontrano.

*

*

*

**142***I N C O N S C I O***

*

*

*

"Er tutto risale alla prima infanzia-

dice er professore in psicologgia-

e, margrado er tempo ce se distanzia,

li stimoli nun se ne vanno via...".

L'hanno sentito un pò e se ne so' annati;

nun basta un fiore pe' infiorà li prati.

*

*

*

**143***I N C O N S C I O  -  C O L L E T T I V O***

*

*

*

Er sole diventa divinità;

nella luce c'è er simbolo de vita;

padre è simbolo d'autorità;

de proverbi la fantasia è riempita;

e...rivivono i nonni, evviva, evviva:

solo a ricordà nun se paga l'IVA.

*

*

*

**144***I N D I F F E R E N Z A***

*

*

*

Forse un momento nun te frega gnente,

ma se dura dice ch'è depressione;

te ce separi pure dalla gente,

certo, sarà pe' quarche delusione.

Però, senza motivo, mamma mia,

qui ce sta scritto ch'è schizzofrenia.

*

*

*

**145***I N D I V I D U A L I T A'***

*

*

*

Dalla culla se comincia a formà

er carattere da cose che vedi;

e percjò a cent'anni è da completà:

c'è sempre quarcosa de novo, anvedi.

Quer proverbio è propio azzeccato qui:

la vecchia a cent'anni nun vò morì.

*

*

*

**146***I N D O L E***

*

*

*

Emotività der temperamento:

quella che cjai la tieni per te,

e te la vivi per ogni momento:

come avvertì quarcosa che nun c'è.

Te senti come un radar che...indovina:

la fontana dà acqua, mica farina.

*

*

*

**147***I N F A N T I L I S M O***

*

*

*

E' na forma de ritardo affettivo

che cjò d'avé in testa com'er cappello:

gnente genitori e nun sò er motivo,

a me m'hanno lasciato solo quello,

ma strigne."Ar bervedé famo li conti-

disse Trilussa- l'acqua spalla i ponti".

*

*

*

**148***I N F A N Z I A***

*

*

*

Cò la guerra so' stato internato,

e pensa chi la stava a fa...che jella.

Me...lamento io, quello era sfortunato:

dalla bracja a finì nella padella.

E stò lamento che sempre me ce esce...

campa cavallo mio, che l'erba cresce.

*

*

*

**149***I N I B I Z I O N E***

*

*

*Er divieto inconscio che te fa corre,

ma all'indietro, che te blocca l'azzione.

Me ricordo de na "dea" a discorre,

ero cotto, però ho preso er fugone.

Già, com'er prete, l'amore nun sgama,

a fa come lui nessuno che s'ama.

*

*

*

**150***I N Q U I E T U D I N E***

*

*

*

S'è 'no stato d'animo quotidiano,

nun causato da motivo certo,

c'è da vedé in testa ad un meridiano:

te ce vò 'n'oasi dentro er deserto.

Dice chi ha provato...carmo rientra;

è na processione che dov'esce...entra.

*

*

*

**151***I N S O N N I A***

*

*

*

Senza disturbi fisici è nevrosi,

magara cò angoscia e vari complessi:

se dimagrisce e s'è sempre nervosi

che s'ariva ar matino cotti-lessi.

Co' l'occhi rossi e in testa co' le pigne:

chi ner monno...troppo vò, gnente strigne.

*

*

*

**152***I N S T A B I L I T A' - DEL-  C A R A T T E R E***

*

*

*

Nella lirica: "Laa donnaa è mobileee...

qual piume al vento, ne muta l'accentoo...".

Eh, già, cambià l'idea, è volubbile

e come se dice qui...ce va a vento.

Dice ch'è un sintomo de paranoja;

"Quanto -diceva er papa- sgobba er boja...".

*

*

*

**153***I N T E L L I G E N Z A***

*

*

*

Einstein è notoriamente "er più"

nella graduatoria dei più capoccioni.

La "materia grigia" è salita su

più de chiunque alle misurazzioni:

er nummero più alto mai scritto...

l'ojo è la morte sua per pesce fritto.

*

*

*

**154***I N T E R I O R I T A'***

*

*

*

E' quer complesso dell'avvenimenti

e delle emozzioni delle persone,

che interessano tutti i sentimenti:

dall'intimità va alla riflessione.

I sentimenti so' come i birilli:

so' così, quanno a tordi e quanno a grilli.

*

*

*

**155***I N T E R P R E T A Z I O N E***

*

*

*

Analizzà er propio comportamento:

è atteggiamento sempre de scusa.

"Vabbè, uscivo dallo stop, ma un momento...

poteva fermà... la cortesia...se usa...".

Porcamiseria, guarda si che aggeggio...

le donne ce s'attaccano ar più peggio.

*

*

*

**156***I N T E R P R E T A Z I O N E***

*

*

*

Freud s'è inventato sto sistema:

"Sì, dimme tutto che te spiego er sogno...".

Snocciola er pazziente l'idea estrema

e, lui: "De artri particolari cjò bisogno...",

ce pensa un ber pò, ce se lambicca...

lenticchia, tre giorni sempre ripicca.

*

*

*

**157***I N T R O S P E Z I O N E***

*

*

*

De esse capaci analizzà emozzioni,

sì, però, le propie e come se fa:

te ce devi vedé a fa delle azzioni

e rivedelle indietro a rallentà.

E' reggista l'azzione mejo capa...

è ito a Roma ma nun ha visto er papa.

*

*

*

**158***I N T R O V E R S I O N E***

*

*

*

La tendenza a ripiegà su se stessi:

vive pulsioni emotive all'interno,

insomma rimané da pesci lessi

perché li blocca i rapporti all'esterno.

Te devi scioje a inventà na trovata...

quann'é notte è passata na giornata.

*

*

*

**159***I N T U I Z I O N E***

*

*

*

Come na rivelazzione improvvisa,

nun c'è bisogno de' raggionamento,

nun se pò provà, de mistero è intrisa:

un faro s'accenne, è subbito spento.

E' na sensazzione veloce e corta...

la nuvola vagante, acqua nun porta.

*

*

*

**160***I N V I D I A***

*

*

*

Deriva dalla fortuna dell'artri:

è na forma de odio che cova dentro;

lo tengono emarginato i più scartri,

che de solito er "nemico" sta ar centro.

E' odio come se l'oste er vino annacqua...

quanno er gatto s'alliscja è segno d'acqua.

*

*

*

**161**IO***

*

*

*

Un elemento della triloggia

che Freud studiò degli istinti innati:

l'inconscio nell'omo in psicologgia

e tre-elementi-tre ne so' bastati.

L'IO è equilibbrio ma che cavolo...

chissà dove cjà la coda er diavolo.

*

*

*

**162***I P E R E M O T I V I T A'***

*

*

*

Tendenza d'emozzionasse parecchio

e, magara, d'essece esaggerato...

e ce vò na tirata d'orecchio

perché er "super-IO" nun è studiato.

E' dell'infanzia, però se nun c'è stata...

a ojo e aceto se magna l'insalata.

*

*

*

**163***I P N O S I***

*

*

*

E' no stato de trance simile ar sonno,

viene adoperata sulle persone,

pare a libberà da fobbie...ponno,

e c'è sempre chi ce se sottopone.

Nun so' bufale, nun so' suggestioni...

bè,le chiacchiere le fanno i minchioni.

*

*

*

**164***I P N O T I C O***

*

*

*

I farmaci, le benzodiazepine

so' ansiolitiche , ipno-sedative:

danno ar pazziente quella calma incline

ar sonno come le...onde sulle rive...

Però, nun ce se deve esaggerà...

ma più ce se pensa e meno se fa.

*

*

*

**165***I P O C R I S I A***

*

*

*

La cosa peggio è la finta bontà:

chi la riceve rimane fregato;

deriva da nevrosi da curà

e, pure co' le cure è tanato.

"La sora, occhi ar celo e na pizza ariva...

la bona socetà quant'è cattiva.

*

*

*

**166***I R R I T A B I L I T A'***

*

*

*

Me trovo in argomento delle sore:

ogni giorno un regazzino a scappà

e co' la monaca appresso a lui a core:

"Nun ho fatto gnente e me vò menà...".

Dopo un pò se sentiva strillà: "Aja, aja...":

alla fine della corsa ce se scaja.

*

*

*

**167***I S O L A M E N T O***

*

*

*

E' na chiusura ermetica in sé stessi,

sta malatia tra capo e collo ariva

e ce se ritrova impijati come fessi:

vjè elencata come nevrosi ossessiva.

Er bello è che nun se trova la chiave...

"Fijolo dì du' Pater Noster e du' Ave...".

*

*

*

**168***I S T E R I A***

*

*

*

Dice ch'è na nevrosi galoppante,

anche un pianto incontrollato pò dà,

succede de tutto seduta stante;

vordì "utero" ma l'omo pò pijà.

Ce sta un minuto...paralizzato...

dopo se ripija e ce sta incazzato.

*

*

*

***************************************************************

*

*

*

**169***L A B I L I T A'***

*

*

*

Dentro de sé ce se sta indebboliti,

de tutte l'energie s'è svotati;

ogni cosa a scalà le Dolomiti;

du' passi, na marcja so' diventati.

Pe guaricce ce vò n'occhio da lince;

tutto no stress, chi la dura la vince.

*

*

*

**170***L A P S U S***

*

*

*

E' n'erore dello scrive, du' cose storte,

dì n'artra parola invece che quella:

a n'amico dije la... malasorte...

però a questo je manca na rotella.

Dice ch'è na distrazzione, da nun fa caso;

aò, anvedi Pinocchio sì che naso.

*

*

*

**171***L A T E N Z A***

*

*

*

Undicjanni inizzio de pubbertà,

incomincja a sentì più amico er padre,

diminuisce la... rivalità

che c'era forte riguardo alla madre.

Nun se sa gnente, oppure a pezzettini,

tocca falli parlà  sti  regazzini.

*

*

*

**172***L I B I D O***

*

*

*

Se rivorge ar piacere in generale,

bè, anche de fa na bella passeggiata;

però, se rivorge a quello sessuale

quanno l'attenzione viene svejata.

Insomma, in giro comincia a guardà,

l'innamorato parla ner... pensà.

*

*

*

**173***L I V E L L O - I N T E L L E T T I V O***

*

*

*

Dice che s'ottiene co' l'istruzzione,

percjò...pare più studio pe sapé;

poi, magara è tutta n'illusione,

e manco te interessa, pensa te.

Però a studià rimane er senso acuto:

er discorso corto dell'omo saputo.

*

*

*

*

*174***L O G O R R E A***

*

*

*

Questo qui, ner parlà, nun trova er freno,

cjà na parlantina ch'è travorgente:

te ce fa pensà a na corsa der treno,

ma, senza fermate, velocemente.

Maché, pe frenà nun trova la via:

un pò la depressione, un pò la manìa.

*

*

*

**175***L U D O T E R A P I A***

*

*

*

Er gioco come cura della mente,

percjò chi sta bene e gioca...sta mejo;

de sta solo o de sta insieme se sente:

già, da regazzino pare più svejo.

E, difatti, er mejo studio è de giocà;

fa quer ch'er prete dice e no...che fa.

*

*

*

***************************************************

*

*

*

**176***M A L I N C O N I A***

*

*

*

Condizzione de continua tristezza,

nun lo smove nemmeno...Ridolini:

cjà, addirittura, pure stitichezza,

e la circolazzione a pezzettini.

Se sforza a ride, nun riesce mica...

c'è voja de campà senza fatica.

*

*

*

**177***M A L U M O R E***

*

*

*

Vjè pe tante cose, ma nei tifosi

che seguono der calcio le partite...

pe na sconfitta diventano furiosi:

dopo la rabbia, chiacchiere infinite.

A sentì parlà stanno de malumore:

cjanno speranza e je fa male er core.

*

*

*

**178***M A N I A***

*

*

*

In amore è pe na passione folle,

che ce diventa un pensiero ossessivo:

su e giù, aspettà ne' rizzollà le zolle,

pò prenne de diventà possessivo.

Ma pò pijà...allegria rumorosa...

mica dall'arbero spunta na rosa.

*

*

*

**179***A R I T M O M A N I A***

*

*

*

Qui parla de nevrosi ossessiva

pe fa de continuo conti mentali,

quelli che a scola nun se diggeriva:

co' le virgole, carcoli speciali.

Ma n'informazzione l'avranno data...

l'esito della radice quadrata.

*

*

*

**180***C L A S T O M A N I A***

*

*

*

De rompe l'irrefrenabbile impurso,

ma mica le scatole o i cosiddetti,

nò anche er letto dalla finestra espurso.

Cò uno così ma che je fai, permetti...

scappi, poi provà a carmallo na vorta...

nun se cacheno i fiji dalla sporta.

*

*

*

**181***C L E P T O M A N I A***

*

*

*

Se te pija sta malatia sei compreso

che te "prenni" quarcosa e porti via

e, difatti, ce stai male, mica per peso,

ma te fa senso la cleptomania.

Pijano i rimorsi: "Che cazz'ho fatto...",

contropelo, allisciato, graffia er gatto.

*

*

*

**182***D I P S O M A N I A***

*

*

*

Meno male che succede ogni tanto

de attaccasse alla boccia pe scordà;

ma s'er pensiero è grosso, d'artro canto,

anche du' boccioni se pò scolà.

Poi beve pe' scordà d'avé bevuto...

se rivedemo dopo, te saluto...

*

*

*

**183***D R O M O M A N I A***

*

*

*

Bisogno ossessivo a corre qua e là,

insomma de sta fermo ce sta male.

La mosca tze-tze è quello che fa,

ma armeno vola, quella lì cjà l'ale.

Questo qui, invece, cjà la tarantella...

c'è chi ascjuga er pianto de donna bella.

*

*

*

**184***E R O T O M A N I A***

*

*

*

La prima fase è de vedé dò sta

e, poi, passa all'avvicinamento;

torce le mani e se st'avvicinà

alla fonte sacra der tormento.

Er contraccambio se nun se lo vede...

ce se fa spazzio e ce se mette a sede.

*

*

*

**185***M E G A L O M A N I A***

*

*

*

Vjè in mente: mano sinistra alla schiena

e quella destra infilata ar gilé:

Napoleone, je somija appena,

però er fissato ce sta anche ar bidè.

"Pazzienza vita mia se paghi pena,

andrà pe quanno hai fatto vita bona".

*

*

*

**186***M I T O M A N I A***

*

*

*

Cjà la forza dell'immagginazzione:

travisa i fatti e racconta così

delle storie, che inventa a profusione,

dov'è protagonista...nun poi capì.

Dice che cjà la vanità dei pavoni:

già, l'omo è fijo delle proprie azzioni.

*

*

*

**187**O N O M A T O M A N I A***

*

*

*

C'è chi riggira le carte, chi i nomi

e, percjò, je risurta, bono o cattivo,

come ner bowling se scergono i...pomi:

ne accarezzano er colore giulivo.

A dà retta alle cjarle der marano,

cerchi er mare e trovi er pantano.

*

*

*

**188***P I R O M A N I A***

*

*

*

A questo piace de vedé scintille,

però dà foco anche alla propietà

e a vedello a casa nun fanno faville:

temono che na crisi je pò pijà.

L'importante è strillà quanno c'è puzza:

testa nun parla... se chiama cucuzza.

*

*

*

**189***Q U E R U L O M A N I A***(*)

*

*

*

Delle paranoje è forma cattiva:

che se pensa a un torto subbito e scatta

sta manja ch'è anche vendicativa:

così je prenne la frenesia e schiatta

se na risposta  ce ritarda a dalla:

chi sa navigà ce sta sempre a galla.

*

*

(*) Querulomania: subìto un torto,

*** vuole vendicarlo.

*

*

**190***R U P O F O B I A***

*

*

*

Dei rapporti intimi ce n'ha paura,

che le considera le "cose zozze".

Rimane anche cò la massima cura,

nun je ce basta sta nelle tinozze.

Pensà alla sporcizzia je vjè la scossa;

senz'acqua sporca er fiume nun ingrossa.

*

*

*

**191***T O S S I C O M A N I A***

*

*

*

Uso de sostanze stupefacenti,

ma abbituale che c'è dipendenza

per "coca" e tutti l'artri "componenti".

Prova cò l'uva, mica è na scemenza:

te ne magni un chicco e uno tira l'artro...

girà cò la vorpe, anche er gatto è scartro.

*

*

*

**192***T R I C O T I L L O M A N I A***

*

*

*

Er vizzio a gingillasse coi capelli,

giocacce cò le dita, arotolà;

ce se vole bene e ce se sente belli:

ogni carezza je vjè da sognà.

Dice ch'è narcisismo, da Narciso

che dentro er fiume se specchiava er viso.

*

*

*

**193***T R I C O M A N I A***

*

*

*

L'inverso de Narciso è questo qui

cò ...l'ambizzione a diventà più brutto,

e je riesce bene a fa così:

se tira i peli ar corpo, strappa tutto,

pure i capelli se li leva tutti

che vole diventà er mejo dei brutti.

*

*

*

**194***M A N I A C A L E***

*

*

*

E' quanno se ripete all'infinito,

na mossa che diventa na manja;

però s'è bono è un gesto...ripulito,

ma quann'è cattivo chiama "mamma mia".

Gallina che se la canta da gallo,

è l'inizzio certo de quarche sballo.

*

*

*

**195***M A N I A C O -  D E P R E S S I V A (PSICOSI)

*

*

*

Maniaco triste...per carità:

è capace de parlà da solo

mentre in giro se mette a camminà,

nun s'accorge, dall'uno all'artro polo.

Poco vabbè, er continuo ammazza l'omo,

diceva Adamo: "Che bono sto pomo...".

*

*

*

**196***M E C C A N I S M O  -  DI - D I F E S A

*

*

*

Conosco uno ch'è un vecchietto adesso:

er sottoscritto pieno de conflitto;

tutta la vita me ce sò depresso,

nun cjò capito e ce sò... sconfitto.

Gnente de gnente, ma che mal de panza:

l'urtima che pò morì è la speranza.

*

*

*

**197***M E M O R I A***

*

*

*

Nella mente ce stanno l'emozzioni,

ce sò l'avvenimenti e le persone;

nella memoria quelle situazzioni

come n'antenna cerca quelle bone.

Quarcosa riaffiora, gratta-gratta,

ma c'è chi nun inghiotte a pappa fatta.

*

*

*

**198***M E N O P A U S A***

*

*

*

La donna se ricorda der...triciclo

e, già, se rivive la propia storia

che quanno che je finisce er...ciclo

cjà l'insonnia e viaggia cò la memoria.

Ce se cancellano i ricordi brutti...

chi pianta l'arbero pensa avé frutti.

*

*

*

**199***M E N T E***

*

*

Come avecce le idee nell'intelletto:

i pensieri ce se mettono a posto,

se puliscono, fanno un bell'effetto,

ed escono lucidi ad ogni costo.

E' inteso che chi nun fa quanto pò...

bè, dopo, nun pò fa quanno che vò.

*

*

*

**200***M E T O D O***

*

*

*

Er pazziente impazziente qui pazzienta

ch'er medico misura la capoccja,

je strigne la cintura poi l'allenta

e te lo spreme bene, goccja a goccja;

come un pedalino... gira la vita...

le pecore se contano all'uscita.

*

*

*

**201***M I T O***

*

*

*

Disturbi della sfera intima e mito:

tipo Crono, dio der tempo, un esempio

per la psiche quello che n'è sortito

è l'invidia per i fiji, er peggio scempio:

se li magna e li sente un pò...amari...

li confetti nun sò per i somari.

*

*

*

**202***M O D E S T I A***

*

*

*

In nessuno che accusa sta nevrosi

ce potrà mai esse sta qualità:

nun è der carattere dei tignosi.

Vabbè, la modestia è semplicità:

chi fa chiasso lo senti da laggiù...

gallo canta male...canta de più.

*

*

*

**203***M O T I V A Z I O N E***

*

*

*

Raggiunge n'obbiettivo pò esse conscio,

er motivo, che pò esse abbituale,

oppure transitorio ma anche inconscio,

ner dormì e sognà ch'è un fatto normale;

un sordato diventa... colonnello?

A un gatto vecchio un sorcjo tenerello.

*

*

*

**204***M U S I C O T E R A P I A

*

*

*

Trent'anni e imbrojavo musica rock

pe' scordà n'amore che nun te dico;

ma Franca m'ha lasciato sotto schock:

da quer giorno me sento er "vento amico".

Me pare d'essece in due a sentilla,

però nun pò esse un foco, è na scintilla.

*

*

*

***************************************************

*

*

*

**205***N A R C I S I S M O***

*

*

*

Ninfa dei boschi, Eco, amava Narciso

che la snobbò e ne rimase la voce.

Nemesi lo punì, d'amore intriso

ma per se stesso, ed in modo atroce:

Narciso un fiore fu quanno morì...

più scuro de notte nun pò venì.

*

*

*

**206***N E G A T I V I S M O***

*

*

*

C'è anche la malatia de rifiuto:

"Su, lavate le mani... va a dormì...",

e c'è nato pure er consijo astuto

de dì l'inverso pe fasse ubbidì.

Basta a nun sbajasse, sai che pacchia...

vesti na brutta e te diventa racchia.

*

*

*

**207***N E U R O P S I C O L O G I A***

*

*

*

"Dottore, me ce sento un pò nervoso...";

"Allora nun c'è da preoccupasse,

che a riferitte dell'artri nun oso...";

"Ma cò sto sistema conviè... curasse...

dottò sto male... me vojo curà...";

"...donna ricca nun dovevi sposà...".

*

*

*

**208***N E V R A S T E N I A***

*

*

*

E' psicofisico affaticamento

che causa l'ansia e la depressione,

se usava dì ai primi der novecento:

la mano in fronte, attaccati ar tendone.

Senza de Freud se diceva: "E' l'ora...",

er dente der giudizzio viene fora.

*

*

*

**209***N E V R O S I***

*

*

*

Se dice così quann'uno è nervoso,

cjà de tutto fino all'infantilismo:

je girano l'occhi, diventa bavoso,

tremano le mani dar nervosismo,

fa la scjanghetta a passaje vicino...

scanzate ma...s'è destino è destino.

*

*

*

**210***N E V R O S I - I N F A N T I L E***

*

*

*

Sò sensibbili tutti i regazzini,

così dentro casa na litigata

li riduce der tutto a pezzettini:

nun potranno scordà quella scenata.

Allora quarche incubbo a notte spunta...

er fruttarolo ce mette l'aggiunta.

*

*

*

**211***N O S T A L G I A***

*

*

*

Rimpianto der passato così acuto

che dar distacco ho solamente scritto;

ma lei tranquilla e sò rimasto muto:

nun l'avessi amata facevo er dritto.

Me ne sò annato cò la confusione:

me rivedo solo n'apparizzione.

*

*

*

***************************************************************

*

*

*

**212***O B L A T I V O***

*

*

*

Vordì esse artruista in modo morboso,

fatto che cò Franca m'è successo;

ma, comunque, oramai è un fatto annoso:

cò la mejo bellezza ho fatto er fesso.

Però je s'è sarvata la famija:

l'avrei seguita pe...mija e mija.

*

*

*

**213***O D I O***

*

*

*

Però, lì ce sò diventato odioso

cò du' strofe...ero no scemo cor fiocco:

e je sò diventato triste, uggioso,

e ce sò...emblema der peggjo tarocco.

Da allora a sta donna je sò sparito...

l'asino quanno raja cjà appetito...

*

*

*

214***O N I R I C O***

*

*

*

La rivedo solamente ner sogno

che me sta a rimproverà fitto-fitto;

je dico che de parlà cjò bisogno...

cor dito alla bocca me fa sta zitto.

Me svejo che l'umore me sta giù...

lepre scappata nun l'acchiappi più.

*

*

*

215***O R A L E  ( S T A D I O )***

*

*

*

Prima fase in vita de' regazzino

che prenne latte dar seno materno;

forse l'ho preso in porvere, perfino,

anzi che l'ho preso ho fatto un terno.

Me sò trovato in colleggio cò l'affido...

ogni uccellaccjo se trova er nido.

*

*

*

**216***O R G O G L I O***

*

*

*

Ce devi avé disprezzo pe avé orgojo,

percjò cor titolo e la nobbirtà

ce lo poi superà er più grosso scojo,

e ce vole er tic ch'è la... blesità.

La pronuncja fatta cor birignao...

ma lo fa mejo er gatto er maramao.

*

*

*

**217***O R T O F R E N I E***

*

*

*

Uno se chiede ma questo cos'è...

dice "orto" significa esatto, giusto;

la cura de' linguaggio, anche Mosè

zagajava, era de du' metri, un fusto;

spiegava er fratello: " Popolo ascorta...",

nuvola vagante, pioggia nun porta.

*

*

*

**218***O S S E R V A Z I O N E***

*

*

*

E' lo studio de come te comporti:

sala d'attesa, aspetti lì un ber pò,

vonno vedé come aggisci coi torti;

passa avanti quarcuno, come nò...

er dottore scrive, cjà fatto caso:

"Nun se fa posà la mosca sur naso".

*

*

*

**219***O S S E S S I O N E***

*

*

*

Pensiero fisso dà angoscja, ossessione:

tipo Hitler che voleva comannà;

se moriva pe...subbordinazzione:

l'obbrigava tutti stesi a striscjà.

Fu la fine der monno, sarvoggnuno...

la panza piena nun crede ar diggiuno.

*

*

*

***************************************************************

*

*

*

**220***P A N I C O***

*

*

*

All'improviso na sudorazzione

cò le vertiggini da fa aggità

che j'aumenta la respirazzione

e nell'insieme comincja a tremà.

La moje je dice i "moccoli" novi...

aò, mejo fai e peggjo te ritrovi.

*

*

*

**221***P A R A N O I A***

*

*

*

"Dottò me sento d'avé na manja:

penso che tutti ce l'hanno cò me,

sò appostati ai lampioni della via...",

a casa a dije: "Tutti aspettà a te...

va dar medico...t'avemo insistito...".

Mejo esse invidiato che compatito.

*

*

*

**222***P A R O S S I S M O***

*

*

*

La malatia je c'è sbomballata,

i sintomi der male sò de più,

va dar medico: "Sì, è deggenerata,

la cura drastica la tiene giù...".

E, cor sedativo...pare che dorme...

sempre dello yeti le più grosse orme.

*

*

*

**223***P A S S I O N E***

*

*

*

M'è rimasto impresso: "Duello al sole",(*)

che ce se inseguono du' innamorati:

ce se fanno male e ognuno se dole

d'avé offeso l'artro...du' disperati:

morono a trascinasse sui ginocchi...

soffià sulla cenere riempie l'occhi.

*

*

(*)FILM,interpreti Gregory Peck 

** e Jennifer Jones.

*

*

**224***P A S S I V I T A'***

*

*

*

Ce sta un libbro de 'no scrittore russo(*)

che scrive de "sindrome de apatia";

er termine scentifico indiscusso

dà origgine ar nome de malatia.

Oblomov, che cjà sto menefreghismo...

adesso in medicina è..."oblomovismo".

*

*

(*) Goncarov - Oblomov - ed. Feltrinelli

*

*

**225***P A T O L O G I C O***

*

*

*

Penso d'avecce sto disturbo:

per la riflessologgia a patì...

perché funziona, nun c'è da esse furbo:

se cjai le "mappe" se pò...guarì.

Delle mani e piedi ce stanno i punti...

prenno carta e penna e me pijo appunti.

*

*

*

**226***P A T H O S***

*

*

*

'N'emozzione me prenne, un groppo in gola

ar "Mago di Oz", er firm de rivedé:

l'unico film visto (grasso che cola)

regazzino in colleggio, pensa te.

Pensavo...fori era così quaggiù...

naso all'insù, uno a casa e no de più.

*

*

*

**227***P A U R A***

*

*

*

Dice ch'è na fobbia (s'è inventata),

però, metti che c'è er motivo, bè...

famme capì se l'hai superata...

cjò na paura...de paura avé...

da quanno che un...cane de grossa mole...

pensa ar malanno solo chi je dole.

*

*

*

**228***P A Z I E N Z A***

*

*

*

Pazzienza vita mia se paghi pena,

va pe quanno hai fatto vita bona...

se sente dì sto detto a pranzo e cena:

uno dei proverbi che ancora sona.

Mejo de sopportà, è più decente...

e quanno se racconta nun è gnente.

*

*

*

**229***P E R C E Z I O N E***

*

*

*

Penzi de sta a percepì...è n'illusione,

perché, dice, la fantasia te lavora

che tu vòi che te va così n'azzione

e te ritrovi là fino a bonora.

Comunque, ogni pazzienza ce se scassa...

se ariva ar gargarozzo, poi te lassa.

*

*

*

**230***P E R F E Z I O N I S M O***

*

*

*

Aò, è... complesso de inferiorità

che fa adoperà sto comportamento:

le cose precise se vò dimostrà

che se fanno e se vò er complimento.

Bè, de tutti ce vò diventà er cocco...

a un ber portone, ce sta un ber batocco.

*

*

*

**231***P E R S O N A L I T A'***

*

*

*

E' quanno n'equilibbrio s'è trovato

che se sa er bene,se fronteggia er male;

riesci a dà er giusto significato

anche se intorno a te c'è er temporale.

Aò, a raggionacce è l'unica via...

er cervello vince la fesseria.

*

*

*

**232***P E R V E R S I O N E***

*

*

*

C'è nell'istinto de conservazzione

e ce s'ariva a diventà avari;

poi ce pò esse de riproduzzione:

er partner è n'oggetto da somari.

Se prenne contro chi je sta vicino...

pò venì la...sindrome de Caino.

*

*

*

**233***P E S S I M I S M O***

*

*

*

Nun vede gnente...anzi vede nero,

nun ride nemmeno cor solletico,

perfino er gatto passa e tocca fero,

de quarsiasi cosa è n'eretico.

Sente sempre che je fa male er core...

ma se Dio nun vò...l'omo nun more.

*

*

*

**234***P I A C E R E***

*

*

*

Le soddisfazzioni e felicità

se identificano cò le virtù;

oppure, senza spiritualità,

der benessere ma sempre de più:

simbolo è l'arbero della cuccagna...

l'omo campa quaggiù de quer che magna.

*

*

*

**235***P I G R I Z I A  -  M E N T A L E***

*

*

*

Pò capità che prenne er malumore

e che vjè un pensiero come un macigno:

viene na fiacca, nun je va a discore,

dice: "Cjò due de pressione e me intigno,

ma mò me ripijo è solo na botta...",

se taja er fjeno quanno er sole scotta...

*

*

*

**236***P L A C E B O***

*

*

*

Eh, cjanno pensato a fa na pastija,

però dentro nun c'è nemmeno l'aria:

è finta ma cura na meravija

quarsiasi malatia, la più varia.

Leva cento dolori, mica poco...

è na cazzata de morì pe gioco.

*

*

*

**237***P O S S E S S I O N E  (DELIRIO DI)***

*

*

*

Insomma da quarcuno è...posseduto:

se dice ch'è er demogno imbestialito,

e lo fa strillà e poi lo lascia muto,

ma a chiedeje chi è nun s'è mai capito.

L'occhi sbarati, racconta le gesta...

l'acqua rovina i ponti, er vino la testa.

*

*

*

**238***P R O D I G A L I T A'***

*

*

*

Pare che sò carenze dell'affetto

a provocà sta generosità:

se cerca d'avecce un legame stretto,

ma l'amicizzia nun se sa dò sta.

L'amico è sempre fraggile...è de vetro...

se butta avanti, pe nun cascà indietro.

*

*

*

**239***P R O D R O M O***

*

*

*

Basta un sintomo che se pò capì

na malatia che sta lì a covà.

Na vorta dar medico sentivi dì:

"Dica trentatre..." e cominciava là...

Adesso te vedi le scene mute:

batte du' tasti e te vede ar compiute...

*

*

*

**240***P R O F I L A S S I***

*

*

*

Virus nun patoggeno preparato(*)

se inietta nell'organismo e stimola

l'anticorpi che tengono bloccato

er germe e l'infezzione l'elimina.

Quanno lo salto nun è che ce godo...

e già, er vaccino è chiodo scaccia chiodo.

*

*

(*)Non provoca malattie...anzi...

*

*

**241***P R O G E T T O***

*

*

*

Tipo na donna ch'è stata frustrata

nella passione a fa la ballerina

e nella fija ce l'ha riversata.

L'ambizzione fallì che, signorina,

poteva frequentà co' l'affanno...

comunque, se so' rose fioriranno.

*

*

*

**242***P R O I E Z I O N E***

*

*

*

Se projetta l'emozzione interna

(perché troppo forte) fori de sé:

l'odio che ha lo dà alla persona esterna

che naturarmente nun pò sapé.

Come i regazzini: " Ma chi è stato...

ma Giordano Bruno chi l'ha bruciato...".

*

*

*

**243***P S E U D O***

*

*

*

E' un prefisso pe indicà farsità:

pseudomedico..."E' contro er dolore...";

pseudodentista...: "...so' da levà...";

pseudoprete: "...è' per Nostro Signore...".

Dice l'apparenza è come er tamburo:

è vòto e sona mejo s'è più duro.

*

*

*

**244***P S I C A N A L I S I***

*

*

*

Metodo d'analisi e terapia:

cura l'istinti quanno so' repressi

da convenzioni sociali; è la via

pe rimove l'ossessioni e connessi

quali fobbie e de nun raccontà balle...

le cose ce vo' più a dille che a falle.

*

*

*

**245***P S I C H E***

*

*

*

Della persona è la parte più interiore:

fa parte dell'insieme de emozzioni,

de piaceri e desideri der...core;

insomma ce sò stimoli e passioni

che fanno parte dei segreti tua...

però ognuno pensi a li fatti sua.

*

*

*

**246**P S I C O F I S I C O***

*

*

*

Aò, oggi in giro chiunque è stressato,

cor "training" se ottiene rilassamento;

e st'esercizzio, quanno s'è imparato,

te dà equilibbrio e te calma un momento.

Già, pe sta bene nun devi fa...gnente...

chi s'arisente è fijo a mala gente.

*

*

*

**247***P S I C O G E N O***

*

*

*

Qui dice che un comportamento strano

pò esse solo d'origgine mentale:

ce se sente malato invece è sano.

Dice nun è la parte razzionale;

pe ste malatie...ce vò coraggio...

guarda le nuvole, nun andà in viaggio.

*

*

*

**248***P S I C O L O G I A***

*

*

*

La psiche è anima, logo vordì scenza,

sarà anche dello spirito percjò...

ma so' diversi nun è na scemenza,

che nun è metafisica...però.

Bè, dimo che studia er comportamento...

da casa esci, guarda er foco s'è spento.

*

*

*

**249***P S I C O M O T O R I O***

*

*

*

E' la riabbilitazzione applicata:

'na tecnica ch'educa er movimento.

L'attenzione e la memoria è curata,

e riaccenne quanno prima era spento.

Tanto li cavalli, cattivi o boni,

c'è da puncicalli co' li speroni.

*

*

*

**250***P S I C O P A T I A***

*

*

*

Ner carattere ce so' anomalie

come impursività senza controllo,

le deviazzioni, le mitomanie,

disadattamento fra capo e collo...

Questo qui co' le cure ce se scontra...

chi scansa l'acqua, la grandine incontra.

*

*

*

**251***P S I C O P E D A G O G I A***

*

*

*

Già, e' regazzino ha fatto sempre così:

triste entra a scola, esce è...ricreazzione;

e chissà se lo riuscirà a capì

chi studia probblemi d'educazzione.

C'è na scola che e' regazzino vole...

pensa ar fastidio solo chi je dole.

*

*

*

**252***P S I C O S I***

*

*

*

"Sembrerebbe na comune nevrosi-

dice- come chi sta a fa...Garibbardi;

ma è tutta n'artra cosa la psicosi:

è chi sente d'essece...Dio ne guardi.

Speramo che nun sia così...magara...

tutti li matti nun stanno alla Longara.

*

*

*

**253***P S I C O S O M A T I C A  (  MALATTIA)***

*

*

*

Da come sta a gesticolà...conversa,

sì, però, è solo e lui guarda lassù;

cammina veloce, ogni tanto sterza

e, parla ma adesso strilla de più.

Ma forse er sedativo l'ha sartato...

regalà è morto, sta a morì Donato.

*

*

*

**254***P S I C O T E R A P I A***

*

*

*

Nun se cura er disturbo solamente,

ma sto metodo ariva a curà dentro:

cerca l'origgine completamente

e, daje e daje, riesce a fa centro.

Se nun guarisce sta mejo de prima...

er tempo passa, è peggio de na lima.*

*

*

*

***************************************************************

*

*

*

**255***Q. I.  (QUOZIENTE DI INTELLIGENZA)***

*

*

*

Tra l'età cronologgica e mentale

se fa er test: fino a ottantacinque è scarsa;

ma, se stai in crisi o anche male... vale?

Ah, già l'asticella neppure s'arsa;

pe' Einstein s'è rotta, gnentemeno...

a li fichi la nebbia j'è un veleno.

*

*

*

***************************************************************

*

*

*

**256***R A G I O N A M E N T O***

*

*

*

Se capiva, Hitler aveva sbroccato,

ma chi je diceva che stava male?

S'era n'artro l'avrebbero...curato:

e s'evitava la guerra mondiale.

"Ce penso io ar genere umano..." disse

er peggio che ar monno (da sempre) visse.

*

*

*

**257***R A N C O R E***

*

*

*

Tra la razza ebbraica er comunismo

fu ideato dall'intellettuali;(*)

ma er matto je scaraventò er nazzismo

che li trattò peggio dell'animali.

Pagarono guerra e deportazzioni:

so' scomparsi a decine de mijoni.

*

*

(*) Karl Marx-Il Capitale;

** Vladimir Lenin;

** Lev Troskj.

*

*

*

**258***R A P T U S***

*

*

*

Chi direbbe che la malinconia

se trasforma in angoscia e depressione;

pò diventà attacco d'epilessia,

fino a sfocià all'estrema confusione.

Allora è mejo de ride e scherzà...

chissà do' passa la felicità.

*

*

*

**259***R A Z I O N A L E***

*

*

*

Se pò tradurre pe "raggionevole",

de sti tempi prevale a liticà

perchè alla T. V. è l'uso che ce vole:                                                    

"Sei noto... nun cjai gnente da fa...

me sale lo...share,così nun s'abbassa...".

La nebbia come trova in giro lassa.

*

*

*

**260***R E A T T I V O***

*

*

*

E co' sti test che te fa er terapista...

pò dì... te conosce più de te stesso;

brancoli ner bujo, te dà na pista:

sei reattivo, sei tanato...un fesso.

Co' un test, questo a conoscete riesce...

e te nò...chi dorme nun pija pesce.

*

*

*

**261***R E G R E S S I O N E***

*

*

*

"Ecco, se nun pensi alla socetà

regredisci a guardatte...l'ombelico:

è nell'insieme che devi guardà,

ma nun è facile fa quer che dico-

er medico me guarda pe traverso-

spero cjò che senti nun vada perso".

*

*

*

**262***R E I N S E R I M E N T O***

*

*

*

Riportà na persona nell'ambiente

dopo che da tossico s'è curato:

senza lavoro, a nun sapé fa gnente

sarebbe come s'è... miracolato.

Senza scole che insegnano i mestieri,

tutti li giovani a spasso come...jeri.

*

*

*

**263***R E L A Z I O N E  -  S O C I A L E***

*

*

*

Rapporti sociali che fanno unì:

relazzioni possono avvicinà

e ce se formano gruppi così

che in associazzioni so' da formà.

Insieme se va d'accordo su tutto..

però, ogni pianta ha da produce er frutto.

*

*

*

**264***R E P R E S S I O N E***

*

*

*

M'è capitato de reprime in me

er più grande amore e lei, co' disdoro,

ma co' l'amore più grosso che c'è

m'ha visto sparì, collega a' lavoro.

Pure lei l'ha represso un sentimento...

sentivo amore...ce credeva a stento..

*

*

*

**265***R E T T I T U D I N E***

*

*

*

Ch'ero generoso me dicevano

le monache (in colleggio sempre a dì);

e ad assiste l'artri me mettevano:

senza scola (in prima) a dové pulì.

Zia capì che nun sapevo...lègge...

ma ero pure contento...se pò aregge.

*

*

*

**266***R I C E T T I V I T A'***

*                                      

*

*

 

In effetti è come esse calamita:

stimoli esterni e così l'impressioni

le succhi come fossero granita;

sennò nun se vivono l' emozzioni.

Allora è mejo vivela una ad una...

chi spizzica, alla fine, nun diggiuna.

*

*

*

**267***R I F I U T O***

*

*

*

Negazzione de na situazzione penosa,

e se ne crede una de fantasia:

vittime de guerra (San Lorenzo esplosa)

mi madre e padre...ma dò stavano via?

Anche questa fra l'artre cose ingrate...

chi a Roma vo' gode, s'ha da fa frate.

*

*

*

**268***R I F L E S S O***

*

*

*

Me misero ai "tipografi" dai preti:

bella Fra, na cifra me ce piaceva;

de fantasia viaggiavo tra i...pianeti...

e "Va ai "meccanici"..." zia diceva.

De riflesso me sentivo 'no straccio...

triste ar monno chi se mostra poraccio.

*

*

*

**269***R I F L E S S O - C O N D I Z I O N A T O***

*

*

*

Psicologgia comportamentale:

er cane pò magnà anche a...tamburella;

dieci vorte ar giorno 'na prova vale:

dall'inizzio a sonà la campanella..

Ma nun solo noi così, anche li cani

se ponno fa li pranzi lucujjani.

*

*

*

**270***R I L A S S A M E N T O***

*

*

*

Dopo pranzo te senti er sugo in bocca,

e te scoli un pò de Valpolicella;

lasci l'acqua a... bagnasse nella brocca

e te pija un colpo è... la pennichella:

caschi e pènni, cjai piena la panza...

era la fame... la mejo pietanza.

*

*

*

**271***R I M O Z I O N E***

*

*

*

Bè, 'na vorta c'era 'na filastrocca...

da vecchio la memoria me sta peggio...

famme ricordà ce l'ho sulla bocca,

comunque pò esse solo der colleggio.

Gira e riggira sto sempre là...embè...

ah, zibbi-dì, zibbi-dè in buca c'è.

*

*

*

**272***R I N F O R Z O***

*

*

*

Qui, in ordine arfabbetico, pe' ironia,

sto termine vordì "eloggio"...hai da vede:

nun ho finito de dì "Grazzie zia",

nun ho fatto a tempo a metteme a sede,

che m'ha lasciato da solo là...

Fortuna è amica a chi se dà da fa.

*

*

*

**273***R I T A R D O  -  A F F E T T I V O***

*

*

*

Come i mistici predicava bene,

sta zia, e spece d'amore e de core,

però co' me era rimasta ar...chissene:

gnente da fa...a lascià così er minore.

Passava er tempo a pregà fra l'Osanna!

de fa nasce l'artri...io aspettavo la manna.

*

*

*

**274***R I T M I A***

*

*

*

La geremiade piagnucolosa

potrebbe continuà all'infinito

e, strano, ritmia vordì "dondolosa"

come un pupo ner dondolà insistito

oppure quell'ebbrei a pregà ar muro...

c'è crisi, se magnamo er pane duro.

*

*

*

**275***R I T U A L I***

*

*

*

Me lo dico da me "Machetelagni...

der colleggio l'ho fatti a peperini".

A dije ar prete: "Parla come magni,

cor "Te deum" sete tutti latini...".

Se dice: "Chi nun vole lavorà

prete o frate sceje de diventà".

*

*

*

****************************************************************

*

*

**276***S C H I Z O F R E N I A***

*

*

*

Se dice "uno che va a vanvera", bò:

le cause sò guasi sconosciute;

sbarella nei discorsi, anzichenò;

de colpo sta zitto mentre discute.

Questa nun è 'na malatia sola...

chi corre, corre, ma chi scappa vola.

*

*

*

**277***S C H I Z O F R E N I C O***

*

*

*

Cjà l'ammalato de schizzofrenja

personalità diverse che vive:

la sua e l'immagginaria che sia,

e se pensa d'esse...Manzoni, scrive.

Fanno all'ospedale la terza croce...

lo guardano e restano senza voce.

*

*

*

**278***S C H I Z O I D E***

*

*

*

Pare ch'è meno grave, un mattacchione:

come er "frenico" se move più o meno;

se chiede s'è er vero Napoleone.

Magara dici de nò e perde er freno;

ecco, ce sembra 'na persona sana,

ma dicono che tocca sta in campana.

*

*

*

**279***S C O N F I T T A***

*

*

*

De chi nun tocca terra cjò paura:

zia, chiesa,preghiere e...nun parlà

pe' avé tra noi vicendevole cura.

Per fortuna l'ho potuta aiutà...

però triste je rimaneva er viso:

solo ad uscì dall'ospizzio ha soriso.

*

*

*

**280***S E D U T A***

*

*

*

De avé 'na terapia c'è l'orario

pe'na diagnosi a visita medica

o, magara, pe' riempì un questionario.

Ma sta nei sogni, chi te se dedica:

dar medico pipinara affluente...

ma quanno se racconta nun è gnente.

*

*

*

**281***S E N I L I T A'***

*

*

*

Vedo le foto, nun me sembra vero:

a guardà i particolari cambiati,

a quello prima ce somijo zero

e lo sento, i dolori sò arivati.

Quarsiasi dolore è de 'n'artrosi,

l'idee vecchie sò arterosclerosi.

*

*

*

**282***S E N S I B I L I T A'***

*

*

*

Vabbè, percepì stimoli affettivi

e, così, doveccese regolà;

slanci che d'amore ne erano privi...

dije t'amo senza volé lascià.

E lascialla annà, 'no slancjo de core...

l'amore se ripaga cò l'amore.

*

*

*

**283***S E N T I M E N T O***

*

*

*

Sento sonà i Pink Floyd e stò a palla,

le voci sò strumenti musicali:

je dò l'importanza, nun è 'na balla.

Pe' rivedella nun me servono ali:

eccola, sta a 'n'arcobbaleno, ar centro...

sò scemo a dillo: "Ce stò anch'io dentro".

*

*

*

**284***S E P A R A Z I O N E  (ANGOSCIA DA)***

*

*

*

Me ritrovo nei fatti personali,

e ner patetico me stò a trovà:

cò mì fratello ce s'era rivali

pe' sta zia che la stav'avversà.

E dispiaciuto ch'èra allontanato:

subbito dopo avevo perdonato.

*

*

*

**285***S E R E N I T A'***

*

*

*

Quanno ho letto de Gandhi (ar militare),

ce sò rimasto così furminato

a capì che lo scopo in vita è dare

ma nun è propio nell'istinto innato.

Chi nun t'arigala e chi nun te impresta

devi evità come fosse la pesta.

*

*

*

***286***S H O C K***

*

*

*

C'è sto shock, però a livello affettivo,

ch'è quello che m'ha dato mì fratello:

l'hanno cacciato, sò rimasto...privo,

già, come n'eremita, un...fatterello.

M'hai detto gnente: l'adolescenza...

ma la terra gira, dice la scenza.

*

*

*

**287***S I M B O L O***

*

*

*

L'ammirazzione a Gandhi ho concepito

da quanno l'ho saputo della storia;

e solo a frequentà l'artri l'ho capito:

fa abbassà le penne e abbassa la boria;

e l'animali nun ho più magnato...

gallina che nun becca ha già beccato.

*

*

*

**288***S I M P A T I A***

*

*

*

Ce sta l'intesa delle sensazzioni

cò 'na persona che te sta a sentì;

poi, ner sentillo, cjai l'emozzioni

che l'amicizzia in più te fa capì.

E più me lo sento e meno me ne stufo...

'na cosa è civetta ma 'n'artra è gufo.

*

*

*

**289***S I M U L A Z I O N E***

*

*

*

Me viene in mente dei finti invalidi:

se danno malati pe' guadagnà.

Ma dimostrano esse un sacco...validi;

pensa quanto hanno dovuto girà:

va de qua e de là e magara nun c'era...

povera Roma nostra forestiera.

*

*

*

**290***S I N D R O M E***

*

*

*

L'insieme dei sintomi fa capì

'na malatia che devi curà;

er medico deve approfondì

e analisi e ricerche sò da fa.

Poi, tutti a girà i poveri-cristi...

ma quanti ce ne sò de specialisti.

*

*

*

**291***S I N T O M O***

*

*

*

Sintomo è come un tic che t'accompagna:

pò esse artrosi a 'na gamba la zoppìa;

o, de notte, er lenzolo te se bagna:

"enuresi notturna", mamma mia.

E ce sta chi gira, quanto je rode...

ma c'è scritto: chi se contenta gode.

*

*

*

**292***S O C I O T E R A P I A***

*

*

*

Cò lo stesso disturbo stanno insieme

pe' discute (nun è solo artruismo)

ma è pe' risorve er male che se teme:

nella fattispece pò esse arcolismo.

Ce se capisce mejo a sta vicino...

alla prima Osteria a cercà er vino.

*

*

*

**293***S O G G E T T O***

*

*

*

Un "soggetto linfatico" è in subbujo:

la circolazzione je gira male;

pe' le tonsille se prenne 'n'intrujo,

'na pomata ar linfonodo inguinale.

"Eppure -dice- è venuto 'sti giorni...",

tempo passato, perché nun ritorni?

*

*

*

**294***S O G N O***

*

*

*

Nella mente c'è quarcosa riposto

che magara 'na vorta era importante;

insomma, adesso ce se sta nascosto,

se lo vòi ritrovà? Magna pesante;

lo vòi rivedé, nun cjai... foto...

ce resta sempre un budelluccio vòto.

*

*

*

**295***S O M A T I Z Z A R E***

*

*

*

Magari te ce ritrovi a pensà,

sur viso t'allisci come un cuscino

e ce insisti sur mento accarezzà...

oddio chedè... quarche cigulino.

Nun li vòi fa venì...pensa de meno...

li fumantini dopo se carmeno.

*

*

*

**296***S P E R S O N A L I Z Z A Z I O N E***

*

*

*

Nun cjai lo sprint, sei giù de tòno,

aò, nun te se riconosce più:

cjai anche la voce diversa ar sòno;

tutti l'amici a dì: "Sta propio giù",

ed è così facile da vedé...

ma è propio difficile...prevedé.

*

*

*

**297***S P O N T A N E I T A'***

*

*

*

Confidà de slancjo, spontaneamente,

dei regazzini c'è 'na qualità;

ma nell'omo è considerata un gnente,

perché sintomo de credulità.

Ma quanno se sta male ce se imbosca

e, a bocca chiusa, nun c'entra 'na mosca.

*

*

*

**298***S Q U I L I B R I O  -  E M O T I V O***

*

*

*

Pò venì se ce stanno l'ossessioni,

lo squilibbrio emotivo è conseguente;

sull'armonia mentale arterazzioni

da fa perde i rapporti cò l'ambiente.

Certo che ce vorebbe esse curato...

ma nun ariva er zoppo e lo scjancato.

*

*

*

**299***S T A T O***

*

*

*

"Der momento psicologgico -dice-

è lo stato d'angoscja e depressione:

quale n'è l'idea generatrice...

ne pò derivà pure 'n'ossessione.

Qui c'è scritto tutto, nun sò cartacce...".

Tutte le cose ar monno hanno du' facce.

*

*

*

**300***S T I M O L O***

*

*

*

Se t'ariva 'na sollecitazzione

de rimedià a un fatto che te dispiace:

"Vacce, questo te cambia la situazzione,

chiunque c'è stato, dice, è capace...".

A sto modo se pò girà er broccolo...

quarcuno le va a cercà cor moccolo.*

*

*

*

**301***S T R E S S***

*

*

*

'Na cosa dopo l'artra, daje e daje,

uno se deprime che je va male;

sò trapassate le giornate...gaje:

oramai la tristezza l'assale;

ogni sganassone è come che gnente,

però la capoccja se n'arisente.

*

*

*

**302***S T U P O R E***

*

*

*

Quanno vidi la sosia, para-para:

Gene Tierney, l'attrice prediletta.

Cjamammo, cò la fine (poco) amara:

ritrovò (d'accordo) casa de fretta

dò l'ama la famija cor pittore...

vò l'acqua er prato e la donna amore.

*

*

*

**303***S U B C O N S C I O***

*

*

*

Quarsiasi cosa faccjo...ce sta;

se ce stavo insieme n'era così:

quarche vorta la...potevo scordà;

dentro de me er viso me lo scorpì.

Er sole cala indove c'è pennenza,

l'amore torna indove c'è speranza.

*

*

*

**304***S U B L I M A Z I O N E***

*

*

*

Ho svorto, finchè ho potuto girà,

er massaggio dello shiatsu orientale

per piacere, senza famme pagà,

e tanta gente s'è levata er male.

A ricordà "Lei" me sò subblimato:

come a cercà "Lei" me ce sò trovato.

*

*

*

**305***S U G G E S T I O N A R E***

*

*

*

Uno ch'è timido è da rispettà:

spece s'er carattere nun se trova;

mica da robot lo poi comannà:

nun devi fa er gatto...gatta ce cova,

che 'n'amico de solito consija...

le chiacchere er Monte nun se le pija.

*

*

*

**306***S U P E R  -  I O***

*

*

*

E' de Freud uno dell'elementi

formulato come comportamento;

le censure da cui nun semo esenti:

la prima è la coscenza, ogni momento.

Poi er senso religgioso e morale...

vicino ar papa...presto cardinale.

*

*

***************************************************

*

*

*

**307***T A B U'***

*

*

*

Risale a prima dell'età der foco,

cioè all'epoca der bujo ancestrale:

"Così l'entità maggica l'invoco-

disse- e ce fa paura er temporale.

E' naturale che ognuno ce se lagna".

Ogni prelato cjà la "bolla" magna.

*

*

*

**308***T E M P E R A M E N T O***

*

*

*

E' l'insieme de come ce se move:

la personalità che forma er tempo;

l'indole de cui se fanno le prove

da abbitudini de cui me riempo.

Così l'indole emotiva prevale...

nun cjai giudizzio se manca er sale.

*

*

*

**309***T E N S I O N E***

*

*

*

Stato d'animo, lo stress emotivo,

er fastidio se pò manifestà

e der sistema nervoso è lesivo

cò muscoli tesi e mani a sudà;

così n'è ansioso, impazziente, malato...

cavallo senza freni è assicurato?

*

*

*

**310***T E O R I A***

*

*

*

E' un fenomeno che dà da pensà:

nun ce sò prove concrete e se pensa.

Insomma, 'na supposizzione da provà:

fenomeno, ar pensiero se condensa.

'Na cosa che a parlà tre ore te tjene...

tutti l'ucelli se penseno de cantà bene.

*

*

*

**311***T E R A P I A  -  P S I C O L O G I C A

*

*

*

E' stato dar psicologo e j'ha detto:

"Ce saresti annato anche all'Equatore:

l'hai vista co' in braccio er fijoletto...

te sò rimaste du' strofe d'amore:

"Me sò magnato er fegato e...l'intorno:

amore, amore, amore, amore un corno...".(*)

*

*

*

(*)Me sò magnato er fegato 

**di Claudio Baglioni,

**canta Alvaro Amici.

*

*

*

**312***T E R R O R E  -  N O T T U R N O***

*

*

*

Sì, ero emotivamente disturbato:

tutta notte aspettacce quer "moretto"

che le sore avevano minaccjato

e ce stavi svejo, mica un pochetto.

A letto co' le galline...pe' iggiene?

A sta valle de lacrime va bene.

*

*

*

**313***T E S T***

*

*

*

Ce sò quelli de personalità

che fanno capì i lati più nascosti;

quello de intelliggenza se pò fa

cor valore de studi più tosti:

qui nun c'è manfrina che se presta...

er giorno der santo se fa la festa.

*

*

*

**314***T I C***

*

*

*

Un comportamento ripetitivo:

a dondolà 'na gamba, arzà 'na spalla;

poi, carattere abbastanza schivo,

cò l'artri a malapena ce sta a galla;

ogni tanto pija che zagajano...

la fava dura, i confetti squajano.

*

*

*

**315***T I M I D E Z Z A***

*

*

*

Qui la mancanza d'affetto è importante,

e dà rossore o pallore der viso;

poi sudorazzione in dose abbondante;

ce vorebbe l'allegria e soriso,

ma a fajelo notà se ne secca...

e torna a casa cò la sora Checca.(*)

*

*

*

(*) Si dice di chi torna a casa ubriaco.

*

*

*

**316***T I P O  (P S I C O L O G I C O)

*

*

*

Je ce dipenne dar comportamento,

er tipo che se definisce "orale":

la bocca come fosse 'no strumento,

e tjè sempre 'na cica, mica male.

Richiama all'infanzia sto vizzjo qua...

'na vorta o due, vabbè, tre infermità.

*

*

*

**317***T I P O L O G I A***

*

*

*

C'è quello studio dei tipi fisici,

dalle forme e fisionomie afferma;

ma sò collegati ai tipi psichici:

quant'è bono uno ch'è...pachiderma.

S'è così a magnà nun se ne fa a meno:

o de paja o fieno er corpo sii pieno.

*

*

*

**318***T O L L E R A N Z A***

*

*

*

La vorei da "Gene" sta comprensione...

m'hai detto gnente...gnent'artro, aò;

ce vò la capoccia mia, capoccione:

ma è giusto è 'na cosa che nun vivrò.

Nella testa me ce sona 'no squillo...

è come de puncicà senza lo spillo.

*

*

*

**319***T R A I N I N G  -  A U T O G E N O***

*

*

*

E' 'na tecnica de rilassamento

ch'è autoggeno, bè automatico.

Ce se sdraja sul lettino un momento

a occhi chiusi...te vedi (è più pratico);

respiri- inspiri, nun movi le cija...

c'è chi pija er tappo pe' la bottija.

*

*

*

**320***T R A N S F E R***

*

*

*

Forse  ce vedi 'na rassomijanza

de chi hai condiviso ar sentimento

e nun te pensa...se ne va in vacanza.

Insomma se trasferisce un momento

forse sul..."ramo del lago di Como"...

che te frega, è l'idea der poveromo.

*

*

*

**321***T R A U M A  -  E M O T I V O***

*

*

*

E' la peggio situazzione  per me

ritrovasse dopo 'na vita intera

rinchiusi, peggjo de così nun c'è.

Zia uscì dall'Ospizzio, gioia vera:

un momento...volava, ne sò certo...

Inferno perso, paradiso aperto.

*

*

*

**322***T R I S T E Z Z A***

*

*

*

Se te lamenti che cjai tristezza

e pensi che nessuno sia più triste...

invece c'è chi più fa tenerezza,

e cerchi de sta zitto...Dio esiste.

Già, Cristo morì a forza de tormenti,

l'omini a campà a forza de lamenti.

*

*

*

***************************************************

*

*

*

**323***U M O R E***

*

*

*

Cjaccompagna durante la giornata,

e ce sta chi è dell'umore stabbile:

sta bene e la vita nun è cambiata.

Poi, ce sta chi ce l'ha variabbile

e magari uno nun sa la raggione...

tutti cjavemo l'ora der minchione.

*

*

*

**324***V A N I T A'***

*

*

*

La vanità è la virtù der pavone

che vole fa la rota a esse ammirata.

'Na rota nun basta...esaggerazzione,

questo la vò esibbì pure s'è spennata.

Ma se capisce che a fa così sballa...

da 'na vacca nun esce 'na cavalla.

*

*

*

**325***V I G L I A C C H E R I A***

*

*

*

Quell'educazzione fu repressiva:

s'abbituarono all'obbedienza ceca;

che preparavano la guerra se capiva:

se predicava prepotenza bieca

e, per fortuna, quell'idea è sgombra...

indove c'è più sole c'è più de ombra.

*

*

*

**326***V I T A L I T A'***

*

*

*

Se nun cjai la salute te spegni

e, percjò, te ce dipenne tutto da là,

poi e' resto de corsa sali e scegni,

però pure un pò de capacità

devi d'avella, armeno de un pelo...

né acqua né gelo restano ner celo.

*

*

*

**327***V O L O N T A'***

*

*

*

Cò la "Gene" cjò avuto volontà:

da se stessa de dovella...difenne;

de st'amore usai la capacità.

Margrado questo se dovette offenne,

come nei più bei racconti de Liala

e,d'allora,a lei la luna nun...cala.

*

*

*

**328***Z O N A  -  E R O G E N A***

*

*

*

Ce pò esse 'n'ascella ch'è sensibbile,

a quer punto er solletico te fa;

ma c'è 'n'artro punto ch'è ipersensibbile

che la scintilla ce s'accenne là.

Cò sto sistema ce se nasce tutti:

bè, chi pianta l'arbero pensa ai frutti.

*

*

*

venerdì, 31 maggio 2013**********F I N E*******