Mercoledì 13 Dicembre 2017

 

********TROPPO FORTE****************

*****DAL FILM DI CARLO VERDONE********

*

*****(STROFE 63)**********************

*

1

"Maché funziona er flipper, sor maé...";

"Devi accenne l'interuttore sotto...".

Ar bar er pischello ce s'addanna pe' tre:

se sgranchisce, è "porco Giuda" er motto;

però le palle... cascano e... da sé:

che catorcio er flipper, pare ch'è rotto".

Gnente da fa, da lì nun ce se leva

e poi continua a prennesela cò...Eva.

*

2

Oscar, dentro er bar parla cor barista

e sente sta cacjara e tutti stì strilli;

corre ar flipper, dò ce sta stò Battista

che cjà i dolori come un... puntaspilli.

"Moré usi male er braccio...me rattrista,

te insegno da 'na vita, giochi a birilli...

scanzete và... ste cose se vedono...

e dille in giro... che se ripetono...".

*

3

"E'lì sur ventre,er porso accompagna...

ecco, così...é l'energia universale...";

e lo sbatacchia e ce se lo magna.

"Lì mortacci tua...sei 'n'animale...",

ar pischello qui je pija 'na papagna...-

sta quasi sur...mijone, nun è normale...".

"Scrivi er numero cò le mani tue...

quattr'occhi vedono mejo de due...".

*

4

Novecentonovantacinquemila...

sta scritto lì e nessuno lo cancella;

ponno mettese pure mille in fila...

gnente da fa, la stessa pappardella.

Ma st' Oscar de record ce n'ha 'na pila

e de ribbattelo je gira la rotella.

Un record nun lo sopporta stò tizzio...

lo deve batte sennò pija er vizzio.

*

5

Oscar, de virpelle va foderato,

la bandana j'avvorge la capoccja;

fa lo "stuntman" a chiunque vjè  filmato,

e de buttasse dovunque nun je scoccja;

è "troppo forte"...nun hanno scherzato

perch'è uno che fa trabboccà la goccia.

Vanno cò le moto a Cinecittà...

e lì quarche fllm ce sta da girà...

*

6

"Eccoli...", sopra le moto in paranza,

ognuno nei firm è 'na comparsa;

li porta Oscar, nun è solo...speranza:

a ogni firm la faccia giusta è comparsa.

Qui ce vonno cattivi anche cò la panza...

lui cjà questa e la bile è scomparsa.

Nun lo vonno e li porta, sarvoggnuno,

ahò, fa er trenta ma nun fa er trentuno.

*

7

E difatti era stato sur caretto

a spiegà come svorge sto mestiere;

lì 'na ventina d'amici ar vialetto

a risentisse tutto er frottojjere:

"Da 'na foto ce poi capì pochetto...

ce vonno in faccia cicatrici...vere...

e se sa che m'è capitato a me,

famo a capisse, chi nun cjà nun è..."

*

8

"Quali firm...cjavessi 'na faccja bona...

poi "La palude der caimano":

"A moré, solo a te sta parte sona...-

fa er mister-te cjabbastano le mano...".

"A stì stragneri tutto je rintrona:

de tuffasse nun vò l'americano...

a mister batti er ciak e, a chiappe nude,

te faccio un tuffo dentro sta palude".

*

9

"Dalle liane dentro sta marana:

baracuda, coccodrilli, anaconde...

e, poi, peggio de tutti er pirana...

ahò, sento un mozzico che me...confonde...

ma è 'na scarica...'na cosa strana...

la cannuccia ma la... merda cò le onde...

resiste ar siero nun sò tutti boni:

cjò l'anticorpi cò i controcojoni".

*

10

Oscar racconta sempre cor fiatone

perché ce se immedesima alla trama:

quante pappole cò l'aggitazzione

e solo quanno le dice le... sgama.

'Na lucertola diventa un pitone,

e un cavallo je pò diventà un lama.

L'amici nun se moveno da là...

la croce cor zeppo uno se la fa.

*

11

Ar piazzale, Oscar adesso se la gira,

nun ricorda d'esse stato scartato;

soprapensiero tra li stand s'aggira.

"Scusami giovane","Che m'ha chiamato...",

"Sei solo tu e non ci vuole la mira,

ma sò fregnacce che hai raccontato?".

E'avvocato, motto: "una de più...salla",

e chi sa navigà... sta sempre a galla.

*

12

Un vaso vortato er cappello floscjo

sopra la faccja espressiva der matto;

parla cò la voce che fa 'no scroscjo,

e: "Finora a questi che gli hai fatto...

devi cambiare, non devi esse' moscjo...

la merda la mangiano loro: è il patto".

"Li mannamo pe' stracci, famo i patti:

pe' avé fortuna c'è da esse coatti".

*

13

L'avvocato giusto: Pigna Corelli,

che nun fa mica tanti complimenti.

No, nun ce se fa prenne pe' i fondelli

da chi vò sartà i regolamenti.

Sequestro d'elefanti...mica ucelli...

se proceda senza tentennamenti.

"Si cerca di corrompermi con...gioje,

"lassa fa"...se fece rubbà la moje.

*

14

L'impresario de morale sta giù

e pe' le bestie ce se raccomanna...

j'ariva er moro che nun lavora più.

"Bè, tanti ce sò, nun ce se addanna,

e tu -je fa- torna alla tua tribbù...

de pensà a te mica è 'na condanna...".

Ma quello lì era duro come er mulo,

poi l'ha mannato dritto a ffa 'n culo.

*

15

"Feeermo così...di profilo...feroce...

se pò avè seminfermità mentale,

e un "Legale" dà demenza precoce;

qui ce vò 'na cartella processuale.

Solo io a questi fatti je dò la voce,

ricorda:cjò che dici in giro non vale;

"ubi major minor cessat", sta sveglio:

il peggio viene spazzato dal meglio".

*

16

"Eh già, ti pare poco quest'imbeccata:

guarda laggiù la star e produttore

che se ne vanno a fare la nottata...

Fai lo stuntman a tuo favore:

allora, l'auto è metallizzata...

l'impatto è la tua prova...d'attore:

giovane...asportazione della milza,

senza quest'organo c'è n'è una sfilza...".

*

17

"Per lui saresti "il buono" ricorda:

come averti detto "faccia da scemo"

e, nel cinema, questo non si scorda:

per la tua immagine è...blasfemo.

Ti ha definito di emozione...sorda:

come togliere al barcajolo un remo".

Oscar, in testa, aveva quella foto,

corre subbito a prennese la moto.

*

18

Da 'na cabbina c'è l'appostamento,

così je telefona all'avvocato...

ner mentre sbuca l'auto e...contento

la moto t'ha acceso e je cjà sprintato...

sulla fiancata ma... se sarva a stento.

Viè soccorso: "'A targa avete pijato....".

Eh, quanno la fortuna te vò bene,

pure a casa a ricercà te ce vjene.

*

19

Ricoverato Oscar, in cammerata

sta cor piggiama fra quattro malati:

dalla bandana la testa è fasciata

e te l'ha tutti quanti sbomballati.

La Rodhesia è quella più nominata

e, armeno, cento zompi ce sò stati

attaccando serpenti e caimani,

naturarmente, solo cò le mani.

*

20

E' 'na voce tutt'artro che distesa:

cerca der "giovane Oscar" dapertutto

e, finché lo inquadra, a mano tesa

j'annuncja cor fojo: "Si vince tutto,

ti ho fatto risultare parte lesa.

Ma c'è un però: non è maturo il frutto.

C'è l'imponderabile, c'è un icchese,

qui chi troppo vuole piglia nicchese".

*

*

*

21

*

*

*

"Parliamo...dà... la sedia malato...

e allontanati che è brutto spiare...";

"Ma mi sento male, sono ingessato...";

"Ecco, vai, continua a bighellonare...";

"Me ne vado ma... come m'ha trattato...".

"Giovane...Oscar... devi collaborare...

c'è uno sbocco, no che non me ne lagno...";

"Ma...tanto m'abbusco e tanto me magno...".

*

*

*

22

*

*

*

"Giovane suona la tromba vincente

perchè alla guida c'era quell'attrice

che andava in giro tra la gente

(veniva riconosciuta si dice),

e così in tutti i modi è solvente:

la citazione a lei, è...la direttrice.

Gliela porti dovunque, vedi tu...

i quattrini mandano l'acqua insù".

*

*

*

23

*

*

*

Er medico s'affaccja in cammerata

cò la cartella clinica sottobraccjo:

"Nove...la milza non è lesionata...",

"Ce l'ho ridotta ch'è 'no strofinaccjo...",

"Certo, rimane un pochino gonfiata...",

"Ecco, il punto legale non taccio-

je dice Pigna Corelli d'un fiato-

dal gonfiore si evince che è malato...".

*

*

*

24

*

*

*

"Comunque il paziente è in uscita adesso,

vada in Medicheria per questo fatto...".

Soli, in silenzio e: "M'hai fatto fesso,

la milza spappolata, ma sei un matto...

e va bene, comunque...calma e gesso...

la milza si toglie...la diamo al gatto...";

"Co-co-come, avvocà, maché ce sbarelli...

a chi piace la trippa e a chi i budelli..."

*

*

*

25

*

*

*

"Stamo a stò punto, chi dice ch'è in più...",

"Giovane, ci sono organi...legali...

li ha fatti...Dio, che ne sai tu...",

"Avvocà, me vjè er dubbio se...vali...

a senticce ce se incazza...lassù...",

"Ci sono i soldati e i generali,

certo, togliere la milza ti ha scosso...".

Un bicchiere in più e l'auto è ner fosso.

*

*

*

26

*

*

*

"Oscar...ingiunzione de pagamento...

o quella parte de antagonista:

già me vedo ar cinema, ar firmamento...

Oscar Pettinari, l'attore-artista.

Vabbè, dormì allo "Sherathon" me sento,

stò fojo er lancio mio è 'n'apripista...

Ahò, devo convince sta pischella

e divento anch'io 'na star...'na stella...".

*

*

*

27

*

*

*

"Bada,ariva...ahò,sò la parte lesa...

c'è 'n'ingiunzione de cinque mijoni...";

"Ah, lei, mi sento proprio offesa:

le ho lampeggiato, ho fatto suoni...

e da quel fatto sono sempre tesa...";

"A lamentasse semo tutti boni,

però cjò la precedenza stavorta

e, per me, miss, pò esse 'na svorta.

*

*

*

28

*

*

*

E'lo "Sherathon Roma Hotel" e pensà 

Oscar parla alla Nancy nell'androne;

lì sa che non ha più l'alloggio...là

da lei che chiede le chiavi ar bancone:

"No miss, la "suite" non rinnova qua

mister Adams che adesso è in riunione...".

Da borgataro Oscar vede sta dea:

già sente de sta sur "set", è 'n'idea.

*

*

*

29

*

*

*

Gnente da fa, er produttore s'è dato

pe' poté aggiustà st'incidente qua.

Vabbè, se pò dì che ce s'è squajato 

e sta all'Assicurazzione pe' trattà 

er firm che sta storia ha compricato.

Così se la porta a casa p'aspettà...

a vedella, Oscar viaggia mille mija...

se dice ch'è un cojon se...nun la pija.

*

*

*

30

*

*

*

Ma questa qui sta ar verde come un prato

e cò Oscar se trova a st'appartamento

che da un... lavatojo c'è ricavato.

Telefona e dopo è avvelenamento...

gnente, era "troppo forte", è sbomballato:

insomma questa qui se sarva a stento.

La matina Oscar cjà l'occhi de trija

appena la vede che socchiude le cija.

*

*

*

31

*

*

*

E se ne vanno ar mare cò la moto

e lui è cotto come 'na fettina,

però, così che ce se sente vòto

perché se vede 'na creatura...divina.

Lei se denuda ch'è un fior de loto

e, sotto l'acqua, je ce sta vicina...

Poco prima le poteva immagginalle...

le cose ce vò più a dille che a falle.

*

*

*

32

*

*

*

"Troppo Forte" svota l'"Alimentari":

Nancy vole solo cibbi esotici

e, così, a buffo ce sò elenchi vari

che se riempiono cò scritti "gotici";

insomma liquori sempre più cari,

cibbi pe' ricchi, mica pe' zotici...

Bella, certo, un trattamento...reggio...

se stava mejo quanno se stava peggio.

*

*

*

33

*

*

*

Oscar ar bijardo stava accampato

e lei era sempre a telefonà...

però in America e stò disgrazziato

le bollette se trovava a pagà.

Bella, sì, ma je costava er...fiato:

ogni parola li sòrdi a cascà.

Ormai era "amore" suo diletto...

ama l'amore tuo e er su' difetto.

*

*

*

34

*

*

*

Sempre de lei ce se parla ar "bivacco"

e, nell'aria, lascia er profumo lì...

gnente...è de continuo, senza 'no stacco:

questa la capoccia fa scimunì.

Ma Oscar sta giù, se sente fiacco,

fino che ar telefono lo vonno qui..

"Chi? Er produttore Adams der "Pianeta...",

sì, vengo...cò la bandana de seta".

*

*

*

35

*

*

*

"Ah, nun è 'no scherzo, ma ch'è davero...

sì, sono io Pettinari, attore-artista..

a Cinecittà...domatina... vero...

coosa, a me e' ruolo de antagonista...

me faccia vedé l'aggendina...spero...

cjò 'na recita ar Club romanista

e, poi, se vedemo verso mezzoggiorno,

ahò, finarmente me se fa giorno".

*

*

*

36

*

*

*

"Cinecittà Studios", la produzzione:

Oscar ce sta dall'alba lì appostato.

L'annuncia l'uscere nella riunione

e la segretaria a entrà l'ha guidato.

Eccolo...un plotone d'esecuzzione?

Ma no, ce sta tutto lo staff schierato;

sarta fori un...risarcimento danni...

per lo stesso tre vite te cjaddanni.

*

*

*

37

*

*

*

Oscar firma tutto ma propio ar volo:

sò quaranta mijoni da pijasse,

ma j'entra er...Pigna e cò 'no schiaffo solo

lo blocca e sente la cifra a raddoppiasse.

Urla Adams, manco ha conficcato un...piolo:

ar tribbunale sarà a rincontrasse.

Va Oscar e sente 'na battuta fessa

ar Pigna: "Parigi vale una messa...".

*

*

*

38

*

*

*

Oscar resta strabbico a sta frase,

capisce ch'er Pigna è er mejo de' pazzi.

"Lìmorté i sòrdi lasciati alla...base

e li pijavamo lì pronti a mazzi...

parla de Pariggi, sta fori fase

e, cò l'espressione, a dimme "sti cazzi".

Uno de' proverbi de mi nonna Sara:

tutti i matti nun stanno alla Longara".

*

*

*

39

*

*

*

Ar mucchio de Oscar gnente fa impressione,

ma stò tizzio cò cento esclamativi

te li lascia lì senza discussione...

come de Marte a vedesse i nativi.

Vedono Oscar alla disperazzione,

e ce se ritrovano mezzi vivi:

"Batte tutti Oscar (la moto coccola),

anche er "Murena", fijo de zoccola".

*

*

*

40

*

*

*

"Murena", un marmo de Massa Carrara,

tutto er giorno in moto a Porto Fluviale.

Gira dapertutto, a tutta callara:

sarta li fossi e se legge... er giornale;

questo lo batti Oscar" e fa lui: "Magara,

bada, ogni sfida mijoni ce vale...

'Namo "Capua", annamoce boni, boni...

er monno nun è fatto pe i fregnoni".

*

*

*

41

*

*

*

"Er Murena" eccolo lì, va in picchiata,

ariva da lì ar pizzo der monte:

scenne in moto 'na valanga sterata

e t'ariva dò stanno a fa le conte.

"Capua" dice: "Dopo sta faticata

c'è Oscar che te sfida, dò gira er ponte...".

Dice solo così, un pò de sòrdi scava...

a chi dole la spina se la cava.

*

*

*

42

*

*

*

Già tutti a scommette li spettatori,

e tutti sur "Murena" ce puntano;

Sergio tiene la cassa lì de fori

e un pacco de sòrdi je spuntano.

Qui, perfino der cactus sò i fiori...

senza cavalli e cow boy che montano,

eppure sembra ch'èr Grand Canyon, penza...

ricorda er salame della prudenza.

*

*

*

43

*

*

*

Maché, se pija Oscar un carcio da dietro

e sterza sur percorso e va a finì

dentro 'na pozzanghera arta un metro;

ma lo raggiunge e je s'appaja lì.

Ner porverone "Murena" pija er vetro

e Oscar de filata se v'aricchì.

Pija er malloppo ma è un foco de paja,

che je fa la cappotta la marmaja.

*

*

*

44

*

*

*

Così a Oscar e "Capua" j'hanno menato,

er primo soccorso è la fontanella,

ma "Troppo Forte" l'hanno addobbato

che je ce vorebbe solo 'na barella;

allora "Capua" chiama l'avvocato

e je dice che vaneggia e sbarella.

E' legale pe' levà dai guai...

"Ama come se più tardi odierai".

*

*

*

45

*

*

*

De Cicerone er detto suesposto,

che ce fa bella mostra sur muro;

per lui ch'è giurista (ad ogni costo),

ne è stato sempre un ammiratore...puro;

la statua lì vicino sta ar suo posto.

Er suo motto è "vi assisto e vi curo":

"Giovane, sta male non è una balla?

Chi sa navigare sta sempre a galla".

*

*

*

46

*

*

*

"Giovane, dovete andare a Frascati

a Villa dei Cipressi, dottor Cecconi,

e tutti e due verrete curati,

che pratica giuste medicazioni.

Presso lui sarete ricoverati...

verrò a riscontrarne le condizioni.

Giovane, è un bel posto con le aiuole...

pensa al malanno solo a chi gli duole".

*

*

*

47

*

*

*

Sala operatoria a Villa Cipressi:

sur tavolo operatorio Oscar sta;

je recide dall'organi connessi

la mirza, er chirurgo cò abbilità.

"Mica hai tajato pure l'annessi-

fa er "Pigna" a vedé la forma che cjà.

"Avvocà, questa qui è la forma esatta".

'Na bella scarpa, resta 'na cjavatta.

*

*

*

48

*

*

*

Intanto ar "lavatojo" c'è Nancy,

er "Capua" de' ricovero je dice...

mentre sonano alla porta de lì:

spunta Frank, er marito dell'attrice

che se la vò riportà a Brooklin.

La pò aspettà all'Hotel de via Nietsche:

pò darsi che se fa, cjanno er soriso:

'na mano lava l'artra e poi er viso.

*

*

*

49

*

*

*

"Ajoddiomamma..." dice sur letto

Oscar che sta a soffrì l'operazzione.

L'infermiera è lì e come a un piccoletto

je rimbocca e je prenne la pressione.

C'è "Pigna":"De un chilo, madeché un'etto...

finalmente non c'è più il capoccione...";

e Oscar tiene e' respiro ner sentillo:

se lo sente e nun vole contraddillo.

*

*

*

50

*

*

*

"Madeché... avvocà... nun parlà de fretta...

fatte capì... che nun capisco... gnente...";

"Giovane, la rimozione è perfetta:

la milza era una bomba, non un... niente.

Starai meglio e questa è la ricetta:

per quello che c'è scritto è sufficiente...

Giovane... Oscar, adesso stai male,

quando migliori andremo in Tribunale...".

*

*

*

51

*

*

*

Ridotto cò la testa abbandonata

Oscar nun sente, pare ch'è svenuto,

e fa tenerezza nella cammerata,

ortretutto senza show, resta muto:

st'avvocato j'ha fatto 'na frittata.

"Nun... je... la faccjo -ansima- nun... discuto...

a...quer...che...se...dice... nun te ce inganni...

chi... fa a... modo... suo... campa... cent'anni".

*

*

*

52

*

*

*

L'aula der tribbunale è gremita

e manca solo Oscar, ancora malato;

così a sta defezione," Pigna" invita,

che viste le cause va scusato.

Der grido de dolore l'ha riempita

la gente che all'udienza ha presenziato.

"Bene, mi baso su ideali miei...

muoia Sansone e tutti i Filistei...".

*

*

*

53

*

*

*

"Vostro Onore,il giovane ha una sfilza

di proteste: da mancanza igienica...

poi l'asportazione della milza...

successiva malattia splenica...

giornate grige e uggiose, lui infilza:

non fa festa neanche domenica.

Quello spleen che dà la malinconia...(*)

che pensa sempre al peggio e...così sia".

*

*

*

(*) SPLEEN: milza (malinconia, umore nero)

*

*

54

*

*

*

"Il Piave mormorò...di quello straniero

che non doveva...nel nostro Paese,

invece nella fattispecie, invero,

qui è penetrato e ne facciam le spese:

nel Cinema hanno esteso il loro impero

e ne decantano le loro imprese...

No, il Pettinari non è un mattacchione

e salvo i Filistei e...anche Sansone".

*

*

*

55

*

*

*

"Ecco...il suo curriculum scorrete,

ed in breve vi verrà sottomano

delle folli acrobazie...vedete.

Ma nella "Palude del Caimano"

ha subìto atroci pene, credete.

Chiedo: blocco del Gruppo Americano,

quindi, ogni opposizione, se ci sarà,

non ha terreno fertile...taratarà...".

*

*

*

56

*

*

*

"L'arringa se fa melodrammatica

e l'avvocato cò voce in farsetto,

pensa de sta alla Filodrammatica:

fa smorfie de chi soffre poveretto,

e se fa portà in via Emma Grammatica;

er portiere ce se turba un pochetto.

"Dove va -dice a Oscar- Dio l'ajuta...

sò che fijo maschio è panza pizzuta...".

*

*

*

57

*

*

*

"Panza pizzuta e gravidanza larga...",

dicevano alla madre le comari;

ar padre, mi' padre cambiava targa

e, pure a lui, che i mestieri sò vari.

Adesso sta a casa che balla e inarca

passi: "un, deux, trois, quatre",sò pari.

Fino a che je riprenne 'n'artro attacco...

siamo uomini o caporali... perbacco".

*

*

*

58

*

*

*

"Nò, nun ce posso crede, sor maé...:

a parlà in latino de Cicerone...

lustrà la statua...ahj da vedé...

"verba volant" a toccà er capoccjone...

li sòrdi? J'ho detto, mannaggia a te...

du' palle sentije..."giovanottone..."...

Adesso... te apre 'na scola da ballo...

bè, Giuda tradì quanno cantò er gallo".

*

*

*

59

*

*

*

"Sor maé, sargo a salutallo... mò,

senza la mirza cjò le forze mosce...".

Fa er portiere: "Sempre se li scordò...

quelli de prima nun li riconosce...

ahò... un nipote lo...dimenticò...".

Va su, aprono du' anziane, mezze rosce,

e forte: "Un, deux, trois, quatre" è l'eco:

lui urla e danza, Oscar è ar... vicolo ceco.

*

*

*

60

*

*

*

Eccolo...è lì danzante in carzamaja

che vorteggja anche cò quarche volo;

ner vedé Oscar è come se ce s'abbajja:

"Che giovanotto, chi sei il...fruttarolo...

così nutrito, ahi una vita gaja...".

"Ma cjà avuto -fa Oscar- 'n'attacco solo...

ma de che se parla... de che discuto:

me cjà rimasto solo 'sto cornuto...".(*)

*

*

*

(*).. Monicelli:

*** Film, Audace colpo dei soliti ignoti.

*** (M'hanno rimasto solo 'sti quattro

*** cornuti).

*

*

*

61

*

*

*

"Che manicomio...vado a casa mò,

anvedi er cervello come funziona...

m'anvedi che buca che ho fatto, ahò.

Ma per me er mejo posto che me sona

è er "lavatojo" e Nancy...dò sta, bòh.

Tjè, ha lasciato i sòrdi e na letterona,

la vojo vedé, pò annà tutto storto...

bada che la ripijo all'aeroporto...".

*

*

*

62

*

*

*

"Come fosse un sogno, 'n'apparizzione-

dice a "Capua" dopo st'avventura-

metti ch'esce da 'no schermo...un telone...

me se porta ner firm, me tjè cò cura...

m'ha sbarellato er capoccjone

e conservo stò flash...la vita è dura.

A Nancy cjò provato a staje appresso,

ma 'n'oceano ce separa adesso".

*

*

*

63

*

*

*

"E stò tutti i giorni a...Cinecittà:

se vedete uno sopra er caretto,

quello lì sò io che stò a raccontà

e pare che all'amici je fa effetto.

Sull'occhi appare 'no schermo là,

pòi vive 'na storia da...folletto:

ce trovi l'aria de Sordi, Fellini,

Leone...l'incontri che ce cammini".

*

*

*

*

*

martedì, 2 luglio 2013******f i n e***

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<img src="http://www.thehouseofbard.com/sites/default/files/TROPPO FORTE.jpg" alt="http://www.thehouseofbard.com/sites/default/files/TROPPO FORTE.jpg" width="300" height="200 " height="300 Hspace="50" Vspace="50" border=”1″ align=”right”> <br /> </p> 

 

 

********TROPPO FORTE****************

*****DAL FILM DI CARLO VERDONE********

*

*****(STROFE 63)**********************

*

*

*

1

*

*

*

"Maché funziona er flipper, sor maé...";

"Devi accenne l'interuttore sotto...".

Ar bar er pischello ce s'addanna pe' tre:

se sgranchisce, è "porco Giuda" er motto;

però le palle... cascano da sé:

er flipper, un catorcjo, pare ch'è rotto".

Gnente da fa, da lì nun ce se leva

e continua a prennesela cò...Eva.

*

*

*

2

*

*

*

Oscar, dentro er bar parla cor barista

e sente sta cacjara e tutti stì strilli;

corre ar flipper dò ce sta stò Battista

che cjà i dolori come un... puntaspilli.

"Moré usi male er braccio...me rattrista,

te insegno da 'na vita, giochi a birilli...

scanzete và... ste cose se vedono...

e dille in giro che se ripetono...".

*

*

*

3

*

*

*

"E'lì sur ventre,er porso accompagna...

ecco, così...é l'energia universale...";

e lo sbatacchia e ce se lo magna.

"Lì mortacci tua...sei 'n'animale...",

ar pischello qui je pija 'na papagna...-

sta guasi sur...mijone, nun è normale...".

"Scrivi er numero cò le mani tue...

quattr'occhi vedono mejo de due...".

*

*

*

4

*

*

*

Novecentonovantacinquemila...

sta scritto lì e nessuno lo cancella;

ponno mettese pure mille in fila...

gnente da fa, la stessa pappardella.

Ma stò Oscar de record ce n'ha 'na pila

e de ribbattelo je gira la rotella.

Un record nun lo sopporta stò tizzio...

lo deve batte sennò pija er vizzio.

*

*

*

5

*

*

*

Oscar, de virpelle va foderato,

la bandana j'avvorge la capoccja;

fa lo "stuntman" a quarsiasi, firmato,

e de buttasse dovunque nun je scoccja;

è "troppo forte"...nun hanno scherzato

perch'è uno che fa trabboccà la goccia.

Vanno cò le moto a Cinecittà...

e lì quarche firm ce sta da girà...

*

*

*

6

*

*

*

"Eccoli...", sopra le moto in paranza,

ognuno nei firm è 'na comparsa;

li porta Oscar, nun è solo...speranza:

a ogni firm la faccia giusta è comparsa.

Qui ce vonno cattivi anche cò la panza...

lui cjà questa e la bile è scomparsa.

Nun lo vonno e li porta, sarvoggnuno,

aò, fa er trenta ma nun fa er trentuno.

*

*

*

7

*

*

*

E difatti era stato sur caretto

a spiegà come svorge sto mestiere;

lì 'na ventina d'amici ar vialetto

a risentisse tutto er frottojjere:

"Da 'na foto ce poi capì pochetto...

ce vonno in faccia cicatrici...vere...

e se sa che m'è capitato a me,

famo a capisse, chi nun cjà nun è..."

*

*

*

8

*

*

*

"Quali firm...cjavessi 'na faccja bona...

poi "La palude der caimano":

"A moré, solo a te sta parte sona...-

fa er mister-te cjabbastano le mano...".

"A stì stragneri tutto je rintrona:

de tuffasse nun vò l'americano...

a mister batti er ciak e, a chiappe nude,

te faccio un tuffo dentro sta palude".

*

*

*

9

*

*

*

"Dalle liane dentro sta marana:

baracuda, coccodrilli, anaconde...

e, poi, peggio de tutti er pirana...

aò, sento un mozzico che me...confonde...

ma è 'na scarica...'na cosa strana...

la cannuccia ma la... merda cò le onde...

resiste ar siero nun sò tutti boni:

cjò l'anticorpi cò i controcojoni".

*

*

*

10

*

*

*

Oscar racconta sempre cor fiatone

perché ce se immedesima alla trama:

quante pappole cò l'aggitazzione

e solo quanno le dice le... sgama.

'Na lucertola diventa un pitone,

e un cavallo je pò diventà un lama.

L'amici nun se moveno da là...

la croce cor zeppo uno se la fa.

*

*

*

11

*

*

*

Ar piazzale, Oscar adesso se la gira,

nun ricorda d'esse stato scartato;

soprapensiero tra li stand s'aggira.

"Scusami giovane","Che m'ha chiamato...",

"Sei solo tu e non ci vuole la mira,

ma sò fregnacce che hai raccontato?".

E'avvocato, motto: "una de più...salla",

e chi sa navigà... sta sempre a galla.

*

*

*

12

*

*

*

Un vaso vortato er cappello floscjo

sopra la faccja espressiva der matto;

parla cò la voce che fa 'no scroscjo,

e: "Finora a questi che gli hai fatto...

devi cambiare, non devi esse' moscjo...

la merda la mangiano loro: è il patto".

"Li mannamo pe' stracci, famo i patti:

pe' avé fortuna c'è da esse coatti".

*

*

*

13

*

*

*

L'avvocato giusto: Pigna Corelli,

che nun fa mica tanti complimenti.

No, nun ce se fa prenne pe' i fondelli

da chi vò sartà i regolamenti.

Sequestro d'elefanti...mica ucelli...

se proceda senza tentennamenti.

"Si cerca di corrompermi con...gioje,

"lassa fa"...se fece rubbà la moje.

*

*

*

14

*

*

*

L'impresario de morale sta giù

e pe' le bestie ce se raccomanna...

j'ariva er moro che nun lavora più.

"Bè, tanti ce sò, nun ce se addanna,

e tu -je fa- torna alla tua tribbù...

de pensà a te mica è 'na condanna...".

Ma quello lì era duro come er mulo,

poi l'ha mannato dritto a ffa 'n culo.

*

*

*

15

*

*

*

"Feeermo così...di profilo...feroce...

se pò avè seminfermità mentale,

e un "Legale" dà demenza precoce;

qui ce vò 'na cartella processuale.

Solo io a questi fatti je dò la voce,

ricorda:cjò che dici in giro non vale;

"ubi major minor cessat", sta sveglio:

il peggio viene spazzato dal meglio".

*

*

*

16

*

*

*

"Eh già, ti pare poco quest'imbeccata:

guarda laggiù la star e produttore

che se ne vanno a fare la nottata...

Fai lo stuntman a tuo favore:

allora, l'auto è metallizzata...

l'impatto è la tua prova...d'attore:

giovane...asportazione della milza,

senza quest'organo c'è n'è una sfilza...".

*

*

*

17

*

*

*

"Per lui saresti "il buono" ricorda:

come averti detto "faccia da scemo"

e, nel cinema, questo non si scorda:

per la tua immagine è...blasfemo.

Ti ha definito di emozione...sorda:

come togliere al barcajolo un remo".

Oscar, in testa, aveva quella foto,

corre subbito a prennese la moto.

*

*

*

18

*

*

*

Da 'na cabbina c'è l'appostamento,

così je telefona all'avvocato...

ner mentre sbuca l'auto e...contento

la moto t'ha acceso e je cjà sprintato...

sulla fiancata ma... se sarva a stento.

Viè soccorso: "'A targa avete pijato....".

Eh, quanno la fortuna te vò bene,

pure a casa a ricercà te ce vjene.

*

*

*

19

*

*

*

Ricoverato Oscar, in cammerata

sta cor piggiama fra quattro malati:

dalla bandana la testa è fasciata

e te l'ha tutti quanti sbomballati.

La Rodhesia è quella più nominata

e, armeno, cento zompi ce sò stati

attaccando serpenti e caimani,

naturarmente, solo cò le mani.

*

*

*

20

*

*

*

E' 'na voce tutt'artro che distesa:

cerca der "giovane Oscar" dapertutto

e, finché lo inquadra, a mano tesa

j'annuncja cor fojo: "Si vince tutto,

ti ho fatto risultare parte lesa.

Ma c'è un però: non è maturo il frutto.

C'è l'imponderabile, c'è un icse,

qui chi troppo vuole piglia nicchese".

*

*

*

21

*

*

*

"Parliamo...dà... la sedia malato...

e allontanati che è brutto spiare...";

"Ma mi sento male, sono ingessato...";

"Ecco, vai, continua a bighellonare...";

"Me ne vado ma... come m'ha trattato...".

"Giovane...Oscar... devi collaborare...

c'è uno sbocco, no che non me ne lagno...";

"Ma...tanto m'abbusco e tanto me magno...".

*

*

*

22

*

*

*

"Giovane suona la tromba vincente

perchè alla guida c'era quell'attrice

che andava in giro tra la gente

(veniva riconosciuta si dice)

e così in tutti i modi è solvente:

la citazione a lei, è...la direttrice.

Gliela porti dovunque, vedi tu...

i quattrini mandano l'acqua insù".

*

*

*

23

*

*

*

Er medico s'affaccja in cammerata

cò la cartella clinica sottobraccjo:

"Nove...la milza non è lesionata...",

"Ce l'ho ridotta ch'è 'no strofinaccjo...",

"Certo, rimane un pochino gonfiata...",

"Ecco, il punto legale non taccio-

je dice Pigna Corelli d'un fiato-

dal gonfiore si evince che è malato...".

*

*

*

24

*

*

*

"Comunque il paziente è in uscita adesso,

vada in Medicheria per questo fatto...".

Soli, in silenzio e: "M'hai fatto fesso,

la milza spappolata, ma sei un matto...

e va bene, comunque...calma e gesso...

la milza si toglie...la diamo al gatto...";

"Co-co-come, avvocà, maché ce sbarelli...

a chi piace la trippa e a chi i budelli..."

*

*

*

25

*

*

*

"Stamo a stò punto, chi dice ch'è in più...",

"Giovane, ci sono organi...legali...

li ha fatti...Dio, che ne sai tu...",

"Avvocà, me vjè er dubbio se...vali...

a senticce ce se incazza...lassù...",

"Ci sono i soldati e i generali,

certo, togliere la milza ti ha scosso...".

Un bicchiere in più e l'auto è ner fosso.

*

*

*

26

*

*

*

"Oscar...ingiunzione de pagamento...

o quella parte de antagonista:

già me vedo ar cinema, ar firmamento...

Oscar Pettinari, l'attore-artista.

Vabbè, dormì allo "Sherathon" me sento,

stò fojo er lancio mio è 'n'apripista...

Aò, devo convince sta pischella

e divento anch'io 'na star...'na stella...".

*

*

*

27

*

*

*

"Bada,ariva...aò,sò la parte lesa...

c'è 'n'ingiunzione de cinque mijoni...";

"Ah, lei, mi sento proprio offesa:

le ho lampeggiato, ho fatto suoni...

e da quel fatto sono sempre tesa...";

"A lamentasse semo tutti boni,

però cjò la precedenza stavorta

e, per me, miss, pò esse 'na svorta.

*

*

*

28

*

*

*

E'lo "Sherathon Roma Hotel" e pensà 

Oscar parla alla Nancy nell'androne;

lì sa che non ha più l'alloggio...là

da lei che chiede le chiavi ar bancone:

"No miss, la "suite" non rinnova qua

mister Adams che adesso è in riunione...".

Da borgataro Oscar vede sta dea:

già sente de sta sur "set", è 'n'idea.

*

*

*

29

*

*

*

Gnente da fa, er produttore s'è dato

pe' poté aggiustà st'incidente qua.

Vabbè, se pò dì che ce s'è squajato 

e sta all'Assicurazzione pe' trattà 

er firm che sta storia ha compricato.

Così se la porta a casa p'aspettà...

a vedella, Oscar viaggia mille mija...

se dice ch'è un cojon se...nun la pija.

*

*

*

30

*

*

*

Ma questa qui sta ar verde come un prato

e cò Oscar se trova a st'appartamento

che da un lavatojo c'è ricavato.

Telefona e dopo è avvelenamento...

gnente, era "troppo forte", è sbomballato:

insomma questa qui se sarva a stento.

La matina Oscar cjà l'occhi de trija

appena la vede che socchiude le cija.

*

*

*

31

*

*

*

E se ne vanno ar mare cò la moto

e lui è cotto come 'na fettina,

però, così che ce se sente vòto

perché se vede 'na creatura...divina.

Lei se denuda ch'è un fior de loto

e, sotto l'acqua, je ce sta vicina...

Poco prima le poteva immagginalle...

le cose ce vò più a dille che a falle.

*

*

*

32

*

*

*

"Troppo Forte" svota l'"Alimentari":

Nancy vole solo cibbi esotici

e, così, a buffo ce sò elenchi vari

che se riempiono cò scritti "gotici";

insomma liquori sempre più cari,

cibbi pe' ricchi, mica pe' zotici...

Bella, certo, un trattamento...reggio...

se stava mejo quanno se stava peggio.

*

*

*

33

*

*

*

Oscar ar bijardo stava accampato

e lei era sempre a telefonà...

però in America e stò disgrazziato

le bollette se trovava a pagà.

Bella, sì, ma je costava er...fiato:

ogni parola li sòrdi a cascà.

Ormai era "amore" suo diletto...

ama l'amore tuo e er su' difetto.

*

*

*

34

*

*

*

Sempre de lei ce se parla ar "bivacco"

e, nell'aria, lascia er profumo lì...

gnente...è de continuo, senza 'no stacco:

questa la capoccia fa scimunì.

Ma Oscar sta giù, se sente fiacco,

fino che ar telefono lo vonno qui..

"Chi? Er produttore Adams der "Pianeta...",

sì, vengo...cò la bandana de seta".

*

*

*

35

*

*

*

"Ah, nun è 'no scherzo, ma ch'è davero...

sì, sono io Pettinari, attore-artista..

a Cinecittà...domatina... vero...

coosa, a me e' ruolo de antagonista...

me faccia vedé l'aggendina...spero...

cjò 'na recita ar Club romanista

e, poi, se vedemo verso mezzoggiorno,

aò, finarmente me se fa giorno".

*

*

*

36

*

*

*

"Cinecittà Studios", la produzzione:

Oscar ce sta dall'alba lì appostato.

L'annuncia l'uscere nella riunione

e la segretaria a entrà l'ha guidato.

Eccolo...un plotone d'esecuzzione?

Ma no, ce sta tutto lo staff schierato;

sarta fori un...risarcimento danni...

per lo stesso tre vite te cjaddanni.

*

*

*

37

*

*

*

Oscar firma tutto ma propio ar volo:

sò quaranta mijoni da pijasse,

ma j'entra er...Pigna e cò 'no schiaffo solo

lo blocca e sente la cifra a raddoppiasse.

Urla Adams, manco ha conficcato un...piolo:

ar tribbunale sarà a rincontrasse.

Va Oscar e sente 'na battuta fessa

ar Pigna: "Parigi vale una messa...".

*

*

*

38

*

*

*

Oscar resta strabbico a sta frase,

capisce ch'er Pigna è er mejo de' pazzi.

"Lìmorté i sòrdi lasciati alla...base

e li pijavamo lì pronti a mazzi...

parla de Pariggi, sta fori fase

e, cò l'espressione, a dimme "sti cazzi".

Uno de' proverbi de mi nonna Sara:

tutti i matti nun stanno alla Longara".

*

*

*

39

*

*

*

Ar mucchio de Oscar gnente fa impressione,

ma stò tizzio cò cento esclamativi

te li lascia lì senza discussione...

come de Marte a vedesse i nativi.

Vedono Oscar alla disperazzione,

e ce se ritrovano mezzi vivi:

"Batte tutti Oscar (la moto coccola),

anche er "Murena", fijo de zoccola".

*

*

*

40

*

*

*

"Murena", un marmo de Massa Carrara,

tutto er giorno in moto a Porto Fluviale.

Gira dapertutto, a tutta callara:

sarta li fossi e se legge... er giornale;

questo lo batti Oscar" e fa lui: "Magara,

bada, ogni sfida mijoni ce vale...

'Namo "Capua", annamoce boni, boni...

er monno nun è fatto pe i fregnoni".

*

*

*

41

*

*

*

"Er Murena" eccolo lì, va in picchiata,

ariva da lì ar pizzo der monte:

scenne in moto 'na valanga sterata

e t'ariva dò stanno a fa le conte.

"Capua" dice: "Dopo sta faticata

c'è Oscar che te sfida, dò gira er ponte...".

Dice solo così, un pò de sòrdi scava...

a chi dole la spina se la cava.

*

*

*

42

*

*

*

Già tutti a scommette li spettatori,

e tutti sur "Murena" ce puntano;

Sergio tiene la cassa lì de fori

e un pacco de sòrdi je spuntano.

Qui, perfino der cactus sò i fiori...

senza cavalli e cow boy che montano,

eppure sembra ch'è er Grand Canyon, penza...

ricorda er salame della prudenza.

*

*

*

43

*

*

*

Maché, se pija Oscar un carcio da dietro

e sterza sur percorso e va a finì

dentro 'na pozzanghera arta un metro;

ma lo raggiunge e je s'appaja lì.

Ner porverone "Murena" pija er vetro

e Oscar de filata se v'aricchì.

Pija er malloppo ma è un foco de paja,

che je fa la cappotta la marmaja.

*

*

*

44

*

*

*

Così a Oscar e "Capua" j'hanno menato,

er primo soccorso è la fontanella,

ma "Troppo Forte" l'hanno addobbato

che je ce vorebbe solo 'na barella;

allora "Capua" chiama l'avvocato

e je dice che vaneggia e sbarella.

E' legale pe' levà dai guai...

"Ama come se più tardi odierai".

*

*

*

45

*

*

*

De Cicerone er detto suesposto,

che ce fa bella mostra sur muro;

per lui ch'è giurista (ad ogni costo),

ne è stato sempre un ammiratore...puro;

la statua lì vicino sta ar suo posto.

Er suo motto è "vi assisto e vi curo":

"Giovane, sta male non è una balla?

Chi sa navigare sta sempre a galla".

*

*

*

46

*

*

*

"Giovane dovete andare a Frascati

a Villa dei Cipressi, dottor Cecconi,

e tutti e due verrete curati

che pratica giuste medicazioni.

Presso lui sarete ricoverati...

verrò a riscontrarne le condizioni.

Giovane è un bel posto con le aiuole...

pensa al malanno solo a chi gli dole".

*

*

*

47

*

*

*

Sala operatoria a Villa Cipressi:

sur tavolo operatorio Oscar sta;

je recide dall'organi connessi

la mirza, er chirurgo cò abbilità.

"Mica hai tajato pure l'annessi-

fa er Pigna a vedé la forma che cjà.

"Avvocà, questa qui è la forma esatta".

'Na bella scarpa, resta 'na cjavatta.

*

*

*

48

*

*

*

Intanto ar "lavatojo" c'è Nancy,

er "Capua" de' ricovero je dice...

mentre sonano alla porta de lì:

spunta Frank, er marito dell'attrice

che se la vò riportà a Brooklin.

La pò aspettà all'Hotel de via Nietsche:

pò darsi che se fa, cjanno er soriso:

'na mano lava l'artra e poi er viso.

*

*

*

49

*

*

*

"Ajoddiomamma..." dice sur letto

Oscar che sta a soffrì l'operazzione.

L'infermiera è lì e come a un piccoletto

je rimbocca e je prenne la pressione.

C'è Pigna:"Era un chilo, altroché un'etto...

finalmente non c'è più il capoccione...";

e Oscar tiene e' respiro ner sentillo:

se lo sente e nun vole contraddillo.

*

*

*

50

*

*

*

"Madeché... avvocà... nun parlà de fretta...

fatte capì... che nun capisco... gnente...";

"Giovane, la rimozione è perfetta:

la milza era una bomba, non un... niente.

Starai meglio e questa è la ricetta:

per quello che c'è scritto è sufficiente...

Giovane... Oscar, adesso stai male,

quando migliori andremo in Tribunale...".

*

*

*

51

*

*

*

Ridotto cò la testa abbandonata

Oscar nun sente, pare ch'è svenuto,

e fa tenerezza nella cammerata,

ortretutto senza show, resta muto:

st'avvocato j'ha fatto 'na frittata.

"Nun... je... la faccjo -ansima- nun... discuto...

a...quer...che...se...dice... nun te ce inganni...

chi... fa a... modo... suo... campa... cent'anni".

*

*

*

52

*

*

*

L'aula der tribbunale è gremita

e manca solo Oscar, ancora malato;

così a sta defezione, Pigna invita,

che viste le cause va scusato.

Der grido de dolore l'ha riempita

la gente che all'udienza ha presenziato.

"Bene, mi baso su ideali miei...

muoia Sansone e tutti i Filistei...".

*

*

*

53

*

*

*

"Vostro Onore,il giovane ha una sfilza

di proteste: da mancanza igienica...

poi l'asportazione della milza...

successiva malattia splenica...

giornate grige e uggiose, lui infilza:

non fa festa neanche domenica.

Quello spleen che dà la malinconia...(*)

che pensa sempre al peggio e...così sia".

*

*

*

(*) SPLEEN: milza (malinconia, umore nero)

*

*

54

*

*

*

"Il Piave mormorò...di quello straniero

che non doveva...nel nostro Paese,

invece nella fattispecie, invero,

qui è penetrato e ne facciam le spese:

nel Cinema hanno esteso il loro impero

e ne decantano le loro imprese...

No, il Pettinari non è un mattacchione

e salvo i Filistei e...anche Sansone".

*

*

*

55

*

*

*

"Ecco...il suo curriculum scorrete,

ed in breve vi verrà sottomano

delle folli acrobazie...vedete.

Ma nella "Palude del Caimano"

ha subìto atroci pene, credete.

Chiedo: blocco del Gruppo Americano,

quindi, ogni opposizione, se ci sarà,

non ha terreno fertile...taratarà...".

*

*

*

56

*

*

*

"L'arringa se fa melodrammatica

e l'avvocato cò voce in farsetto,

pensa de sta alla Filodrammatica:

fa smorfie de chi soffre poveretto

e se fa portà in via Emma Grammatica;

er portiere ce se turba un pochetto.

"Dove va -dice a Oscar- Dio l'ajuta...

sò che fijo maschio è panza pizzuta...".

*

*

*

57

*

*

*

"Panza pizzuta e gravidanza larga...",

dicevano alla madre le comari;

ar padre, mi' padre cambiava targa

e, pure a lui, che i mestieri sò vari.

Adesso sta a casa che balla e inarca

passi: "un, deux, trois, quatre",sò pari.

Fino a che je riprenne 'n'artro attacco...

siamo uomini o caporali, perbacco".

*

*

*

58

*

*

*

"Nò, nun ce posso crede, sor maé...:

a parlà in latino de Cicerone...

lustrà la statua...haj da vedé...

"verba volant" a toccà er capoccjone...

li sòrdi? J'ho detto, mannaggia a te...

du' palle sentije..."giovanottone..."...

Adesso... te apre 'na scola da ballo...

bè, Giuda tradì quanno cantò er gallo".

*

*

*

59

*

*

*

"Sor maé, sargo a salutallo... mò,

senza la mirza cjò le forze mosce...".

Fa er portiere: "Sempre se li scordò...

quelli de prima nun li riconosce...

aò... un nipote lo...dimenticò...".

Va su, aprono du' anziane, mezze rosce,

e forte: "Un, deux, trois, quatre" è l'eco:

lui urla e danza,Oscar è ar... vicolo ceco.

*

*

*

60

*

*

*

Eccolo...è lì danzante in carzamaja

che vorteggja anche cò quarche volo;

ner vedé Oscar è come se ce s'abbajja:

"Che giovanotto, chi sei il...fruttarolo...

così nutrito, hai una vita gaja...".

"Ma cjà avuto -fa Oscar- 'n'attacco solo...

ma de che se parla... de che discuto:

me cjà rimasto solo 'sto cornuto...".(*)

*

*

*

(*).. Monicelli:

*** Film, Audace colpo dei soliti ignoti.

*** (M'hanno rimasto solo 'sti quattro

*** cornuti).

*

*

*

61

*

*

*

"Che manicomio...vado a casa mò,

anvedi er cervello come funziona...

m'anvedi che buca che ho fatto, aò.

Ma per me er mejo posto che me sona

è er "lavatojo" e Nancy...dò sta, bò.

Tjè, ha lasciato i sòrdi e na letterona,

la vojo vedé, pò annà tutto storto...

bada che la ripijo all'aeroporto...".

*

*

*

62

*

*

*

"Come fosse un sogno, 'n'apparizzione-

dice a "Capua" dopo st'avventura-

metti ch'esce da 'no schermo...un telone...

me se porta ner firm, me tjè cò cura...

m'ha sbarellato er capoccjone

e conservo stò flash...la vita è dura.

A Nancy cjò provato a staje appresso,

ma 'n'oceano ce separa adesso".

*

*

*

63

*

*

*

"E stò tutti i giorni a...Cinecittà:

se vedete uno sopra er caretto,

quello lì sò io che stò a raccontà

e pare che all'amici je fa effetto.

Sull'occhi appare 'no schermo là,

pòi vive 'na storia da...folletto:

ce trovi l'aria de Sordi, Fellini,

Leone...l'incontri che ce cammini".

*

*

*

*

*

martedì, 2 luglio 2013******f i ne