Mercoledì 13 Dicembre 2017

IL PADRINO

...29 brani...

*

Colloquio privato:

casa Corleone;

ovattato ambiente.

Il rito e la funzione...

quasi da "Missione":

"Figliolo hai peccato,

tu sei andato altrove

per aver giustizia:

è tua imperizia...".

Don Vito s'inquieta,

ma niente gli vieta:

"Sei proprio bambino,

chiamami Padrino ".

Fa sentire in colpa,

però tutto risolve:

l'ospite...discolpa

e poi lui lo assolve.

Accarezza il gatto,

le parole massi...

e al rallentatore:

sussurra all'astante

e che, nell'istante,

avverte dei " sassi ".

*

2

*

" Padrino..." lo chiama,

e, come a un sultano,

si inchina solenne,

gli bacia la mano;

e, di lì lontano,

la "Banda" richiama

con la tarantella:

sposa di famiglia,

Corleone (figlia),

ha tanti parenti,

anche... militanti.

Il fratello Santino

trova un angolino,

e con l'amichetta,

ritmo a tammurriata

che è di  tutta fretta:

fanno l'indiavolata !

Sposa la sorella,

è la prima figlia...

Mentre scrive targhe

l' F.B.I. solerte:

sono schede certe

di questa "Famiglia".

*

3

*

D'America il suolo,

suono siciliano:

" C'èlalunamezzomare...

mammamiamemaritari...

Il Sud, sano-sano,

c'è tutto nel brano.

Il popolo-vivo

celebra emigranti

col suono ed i canti...

" figghiamia,acutedari...

mammamiapensacitu...

Bastimenti qui

vennero da lì...

tutti per bisogno;

ma non si tornava.

Oramai era un sogno...

però si sperava...

Il  " Sud " era acceso

dalla tradizione

e da la nostalgia.

"Mammamiamemaritari...

mammamiapensacitu...",

sempre  è  Meridione.

*

4

*

Vito Corleone,

che è detto Don Vito

è, tra i "paesani",

onorato, un mito.

Mai nessun attrito,

perché ne è il padrone...

anzi ne è il "Padrino".

La tendina un appiglio,

sta guardando il figlio

Michael, in divisa,

con Kay  la ragazza.

C'è, poco distante,

seduto un...gigante:

un uomo...istintivo

che sta farfugliando

( con dire furtivo ),

si sta ripassando

di cosa parlare

se ammesso...perfino.

E Michael ne parla

al suo genitore...

con tutto fervore

lo chiama...Padrino!

*

5

*

Don Vito con Tom,

figlioccio-avvocato,

commenta ogni tanto...

il suono ha evocato

di quando lui è nato:

poi  subì lo stop!

Fragranza di agrumi,

declivio di monti...

si guastano i ponti.

Qui è terra di affari:

è invalicabile

lo spazio del...cuore:

" Sud " rimane amore.

" In lista non c'è...

ma c'è Luca Brasi...

che ha un dono per te..."

dice a mezze frasi

Tom ( è "Consigliere"),

della terra amica,

e Luca introduce.

" Le regalo il...dono,

gratissimo sono,

vossia benedica."

*

6

*

" Cofu...che c'è... senti...",

grida lontane

vengono dal Parco:

c'è Johnny Fontane,

dello sving è immane

per le adolescenti.

A decine là

che lo circondano;

lo swoon non scordano

( l'effetto a svenire ).

Folla burrascosa,

poi abbraccia la sposa.

Esulta il Padrino:

" Da Holllywood...là sotto...

minghia...Giovannino...

è un bravo picciotto."

Ma in declino lo è:

ha la voce  fievole,

ma resta al "Cinema".

Minghia, è nelle vene,

quel che chiede, ottiene:

non è arrendevole."

*

7

*

Accenti improvvisi

accendono frasi

di ogni memoria.

Le proprie basi:

'inghia, cofu...rasi

senza preavvisi:

quelle le radici.

Ma belle le  mire...

ma vede soffrire

le genti del Sud;

di parole avare,

son da incanalare.

"Johnny...in declino?

Proposta da fare

e  chiddu cretino:

non può rifiutare...

Tom vai ad Hollywood:

primo della lista

ci sta Giovannino.

Grande Produzione

e ne dovrà essere

il...   protagonista !".

*

8

*

" Picciotto? Un pulcino...

l'hai visto...tremava:

" La vvoce...la vvoce...",

ci fu che cantava,

e grazia implorava:

" LLa vvoce...PPadrino...",

'inghia, lui piangeva,

però ha buone chance...

non vogliamo mance,

ma si entra alla grande

e con quell'offerta...

Lo schermo si accende,

e tutto noi si prende...

Tom, figlio, lo sente

deviare eventi:

l'approccio clemente;

poi anche tra gli stenti.

" Johnny (via in lacrime),

lo portiamo in alto:

è un figghio do' sud;

è testa di ponte:

faremo le conte:

nel bussiness un salto !".

*

9

*

" 'inghia, c'è la torta...",

chiude la tendina

sulla torta in...cielo;

l'ha chiesta...divina:

strati...fina...fina !

La gente si è accorta:

lo si sente qui.

" Non prendere sbornia,

parti in California...",

gli dice il padre:

fulminato Tom!

Al ballo scendono

e gioie prendono:

evviva gli sposi,

ognuno ha una storia:

qui tutti festosi:

un popolo in gloria

perpetua la razza,

la propria passione,

che dei bastimenti

ancora c'è il tarlo...

( è da tramandarlo ),

lutto al Meridione!

*

10

*

Prende il primo volo,

quello dell'albore

e va, a Hollywood scalo,

Tom, dal produttore;

con "ventiquattrore"

e chiede quel ruolo

per Johnny, cliente.

Woltz vede e non sente;

Tom parla ed insinua

quel  nome...fatato:

" Una buona azione

fatta a Corleone... ";

e apre il suo cuore...

ama la sua stalla

di enorme valore;

celebre cavalla...

senza morirebbe:

" Un brutto destino

ho avuto con Johnny...

Gene...donna  mia...

me l'ha portata via!

Ma ascolto il Padrino."

*

11

*

" Mister Woltz, due volte

non può rifiutare;

buoni i Sindacati,

lei può lavorare...

non si può ignorare...

le occasioni colte...".

Prorompe in un urlìo

Mister Woltz colpito:

" Johnny, mai esistito! ".

"Vado all'aeroporto...",

dice Tom uscendo.

Ma quali bisogni...

la Villa è dei sogni

e non c'è di meglio...

ma  grida d'orrore

di Woltz al risveglio...

è vero terrore..

una testa equina

si trova nel letto

lordato di sangue!

E' il Padrino...già,

e si capirà :

Woltz non gli è...diletto!

*

12

*

Tom torna alla...base:

missione eseguita.

Tra gli echi di...Hollywood,

Don Vito lo invita

a stare in...uscita;

non c'è questa frase:

lui è stakanovista;

gli dà di cozzo...

c'è il "caso Sollozzo".

Le pratiche scorre

come da una...diga.

Di ceppo tedesco:

"ci provo e riesco";

di sangue irlandese.

Quand'era bambino

lo vide e lo prese

per strada il Padrino.

Lo adottò per figlio,

era abbandonato,

ed entrò in famiglia.

Pensa, a  ogni risveglio,

come dargli il meglio:

la vita gli ha dato!

*

13

*

" E' megghiu muriri

che mali campari...",

e l'emigrazione

fece passar mari

con i propri cari.

E' leader chi ammiri

perché reagisce:

neanche ne piange,

e non si compiange.

Fremono bloccati

giovani  " leoni ",

e gli altri inaspriti:

chi li avrà  traditi?

Per la  terra cara

c'è tutto da osare;

nella terra amara

ci si vuol tornare...

però da arricchiti:

turisti...perbacco,

a smacchiare l'onta

l'inverso si conta:

rimane uno smacco!

*

14

*

Don Vito gestisce

i giochi-scommesse,

senza affari "sporchi".

Proposte le stesse

e sono malmesse:

le droghe... impazzisce.

Colozzo...consiglia

ed è infiltrazione;

però non lo sente

e niente conclude.

Glielo manda dietro

Luca Brasi, il tetro.

Da come si è mosso

aveva acquisito,

di quel "pezzo grosso",

le prove ed il sito.

E' l'ultima cosa

che ha saputo in vita:

venne accoltellato.

Ce l'ha nella tomba,

e scoppia  la bomba:

a la guerra invita.

*

15

*

" Potenzialità

di "Banda" inespressa...

breve cabotagggio :

è "Banda" dismessa?

l'attività cessa ?

Cessa attività ?

Ecco dove sbaglia...",

gli dice a Tattaglia

l'interlocutore...

di "traffici" esperto.

C'è da convogliarlo:

business a invogliarlo.

Don Vito... sovrano...

non è redditizio:

deve passar mano...

a qualunque tizio".

L'aria lì è pesante:

Padrino antiquato ?

Piccolo artigiano ?

Il grafico si alza:

potenziale balza...

così è designato !

*

16

*

Don Vito, a Natale,

quel rito lì svolge:

arance " La Motta ",

e la frutta avvolge

e poi si rivolge

del tutto augurale.

Il figliolo Fredo

( discreta distanza ),

ha quella speranza

di proteggerlo,

anche di lontano,

da quando sicari

( hanno spento i...fari ),

strisciano sui muri...

e se ne avvistano

degli  sguardi duri.

No, non acquistano:

prendono l'affare

e le " maestranze "

convogliano altrove.

Vogliono entrare,

ed amministrare.

Don Vito ha speranze?

*

17

*

Fredo, in limousine,

aspetta paziente

che il rito si compia:

le arance le...sente;

l'odore  di...gente;

le terre...vicine...

Ormai è abituato,

già da ragazzino:

feste col Padrino,

nostalgie del sud...

che lì è contagioso.

Con questi pensieri...

non sembrano veri...

colpi in successione:

lo scoppio insistito...

Fredo ha uno scossone:

colpito è...Don Vito...

cade lì riverso...

la frutta vicino:

soccorso ululante,

l'aiuto immediato:

sempre sveglio è stato...

bisbiglia  il Padrino.

*

18

*

"...qquello... sscalpiccìo...

ppoi..il..ppasso...aaffrettato...

ee...mmingghia...cche ccolpi..

qquant'hanno... ssparato...

ee...l'ho...immaginato...

mmingghiaa...che...bbrusio...

pperché nniente...sscordo...

ddebita...ddistanza...

Fredo...iin...llontananza...

'iingghiaa...rrimbalzato...

ttu...cchino...su...me...

ssentivo...la...vvoce...

ffiume...ddalla...ffoce...

" Don Vito... papàààà...

papààà... Don Vito...  ";

"Eed eecomi...qua...

sson...ben... aassistito... ".

I  figlioli attorno,

in questa disgrazia:

c'è da difenderlo

dal "colpo" più rozzo,

che cerca  Sollozzo:

il colpo di grazia.

*

19

*

Michael Corleone,

superdecorato

di Guerra Mondiale,

ai margini è stato;

ma questo attentato

gli dà l'occasione

per avvicinarlo

e dare l'amore

al suo genitore.

Nel suo ricovero

interviene sempre

e, personalmente,

lì cambia l'ambiente.

Stanze numerose

dei trasferimenti:

lì lui li propose

di questi interventi

fatti per sviare

e fu sufficiente

fino a dimissione

( piano, mica male ),

e dall'ospedale

fu convalescente.

*

20

*

Michael, così

il Padrino sorveglia

nel letto spostato,

e nel dormiveglia

un nome lo sveglia...

e lo risentì:

" Mechele...Mechele...",

in siculo chiamato

ci si è  emozionato.

La stessa emozione

di quando in Sicilia,

sulla Terra-Madre,

la voce del padre

sentì tra i cannoni,

fucili spianati...

fra eroiche azioni

dei più decorati.

Risentì la voce,

che nel Bastimento,

di un popolo in viaggio

( il padre narrò ),

che in pianto viaggiò

e non fu un momento.

*

21

*

Summit in famiglia:

lo stanno a sentire

Michael Corleone.

Aveva altre mire...

per  interloquire

non è "asso" che piglia...

" Louis Restaurant ",

loro...habitué...

incontrano me:

New Jersey, lì,

lo so da... segreto...".

E così--- disarma:

Michael vuole un'arma.

Dopo l'antipasto,

sempre rovistato,

al bagno ( al tasto ),

l'arma ha trovato:

mira il capitano

e in fronte gli spara

e a Sollozzo ovunque.

E su questa terra

c'è un'altra guerra...

che lui la dichiara.

*

22

*

Don Vito ritorna,

da convalescente,

con tutti in paranza.

Al suo letto sente

chiunque presente;

ma il conto non torna:

"...Mechele...Mechele ? "

Scossa in un momento:

" E' sul "bastimento...

in Sicilia un pò...

poi lo rivedremo...

Non è un " tiritiri " (°)

ma è uno che ammiri.

Stiamo a... "ranucchioni",

che siamo un gruppetto...

ma a lui canti e suoni...".

E gli fece  effetto :

guardava lontano,

bagnate le ciglia

e rimase muto;

con foto-ricordo:

lo pensava a bordo

che andava in Sicilia.

*

(°) tiritiri: bla-bla-bla

*

23

*

Tra aridi monti,

nature... ferite

dalla siccità;

greggi malnutrite...

sempre esistite.

Col passato i ponti

e le migrazioni

si concepiscono,

e si capiscono.

Ridotta a brandelli,

piange questa terra.

Triste è il siciliano:

è abbandono umano.

Ne sono andati via

milioni e milioni

con dolcezza e proni

salutando "vossia"

l'isola incantata

che è una meraviglia;

è un pezzo di cuore

di ognuno ch'è andato

e amore ha lasciato

in quella Sicilia.

*

24

*

Tornava...bandito

dove fu soldato

e, per eroismo,

venne decorato:

a eroe dichiarato...

dagli U.S.A. è fuggito.

Con picciotti armati

attende il...perdono;

già, come un condono:

fatto...commerciale:

"do ut des ", un'intesa...

Con i due percorre

tutto...dossi e forre;

c' è "don" Tomasino

passa in Fiat-berlina;

Michael, beniamino,

"sa"...se si avvicina...

tempo dilatato,

non aspetta invano:

sono in trattative.

Come indole...tace,

ma quanto gli piace

esser siciliano.

*

25

*

E...come quando ebbe

la scossa d'amore:

muto, la guardò

in tutto il fulgore;

pensò ad un errore...

la prova riebbe.

" Minghia, fulminato:

"La donna se è cara...

qui è come lupara...";

i picciotti allegri,

bevvero al locale.

Poi ci fu la festa

e il ricordo resta.

Michael se la sogna...

sogna mille cose:

foto di Apollonia:

idee...rovinose!

E' saltata in aria...

sull'auto...esplosivo...

l'ultimo sorriso.

Se l'odio si insinua...

la guerra è continua:

il ricordo è vivo!

*

26

*

E, difatti, guerra

era dichiarata

da spari al Padrino;

ora che è avviata

c'è quest'imboscata:

è ancora lì in terra

Sonny, il figliolo.

Lui, senza vendetta,

ma alleanza stretta

coi boss di New Jork:

le cinque famiglie.

Nel meeting ottiene:

si alleano bene.

Per Sonny, colpito,

onoranza vera

se l'avrà... "scolpito"

solo Bonasera.

Suoni siciliani:

senso di famiglia;

il clan si compatta.

Si trovano le vie:

ci sono garanzie:

virtù di Sicilia.

*

27

*

Dall'isola torna

Michael...patti chiari

con i cinque boss:

crescono gli affari

di interessi vari.

E tutto ritorna

(adesso dirige),

nella giusta luce:

è lui che conduce.

Don Vito l'ha eletto,

che ne vede il Capo.

L'avrebbe detto mai...

va a cercare la Kay.

Si danno il saluto

scolari e insegnante;

Michael è lì, muto,

la guarda incessante.

" Ti voglio sposare...",

le dice d'un fiato;

lei ne è spaventata.

Lui: " Ma è magnifico,

sarò pacifico...

credi... da sposato."

*

28

*

Punta sul Nevada,

Michael che dirige,

proprio su Las Vegas

del turismo effigie:

le famiglie ligie.

" Bene, mal che vada...

è gioco d'azzardo;

ma sì, non c'è male,

è quasi... legale.

Rivali e Moe Greene:

eliminati i capi.

Johnny ha...lavorato

da quando fu inviato.

Il "Don", consigliere,

a Michael lo instrada:

prendere il potere:

è l'unica strada.

Adesso Don Vito

respira l'odore

di piante curate:

è col nipotino

e gioca il Padrino,

e giocando muore.

*

29

*

Durante l'esilio,

Michael Corleone,

prendeva gli appunti

in meditazione...

e "scorta" in tensione.

Scelse quel consiglio

di don Tomasino

(siculo nelle vene):

"Pensaci bene...

Meghè scrivi, scrivi:

così devi fare;

si dice è logico

se è cronologico.

Basta eseguire

con tutti i picciotti

e devi esordire,

ma tra lampi e bòtti."

Tornò e fu mattanza:

un brutto destino

per quei nemici

vederlo tornare...

ed è, a quanto pare,

il nuovo Padrino.

*

sabato, 2 aprile 2016

*************************

POST SCRIPTUM

*

Rino, impellente, (°)

mi soccorre ancora:

l'odore del sud

e ci s'innamora:

radiosa aurora;

viene nella mente

"A me piace il sud"

un brano di Rino:

"...con quel contadino

la stessa mia strada

(percorsa da sempre),

sensazione esistita...

il sud calamita;

dell'uva parlare,

parlare del vino,

i chicchi mangiare

di un gusto divino.

Le voci sommesse,

poi quell'esplosione

delle tarantelle,

delle tammurriate

in parte stonate:

feste in meridione!

*

(°) Rino Gaetano:

*Youtube-Ad esempio a me

..........piace il sud.............

**********************

*

.......A ME PIACE IL SUD...........

*............RINO........................

*

Ad esempio a me piace la strada

col verde bruciato, magari sul tardi;

macchie più scure, senza rugiada,

coi fichi d'India e le spine dei cardi.

Poi mi piace scoprire lontano

il mare se il cielo è all'imbrunire

seguire la luce di alcune lampare

e raggiunta la spiaggia mi piace

..............dormire...................

Ma come fare non so

sì devo dirlo ma a chi?

Se mai qualcuno capirà

sarà senz'altro un altro

........come me..........

Ma come fare non so

sì devo dirlo ma a chi?

Se mai qualcuno capirà

sarà senz'altro un altro

........come me............

*

............RINO..............

*

**********************