Mercoledì 13 Dicembre 2017


***SCIPIONE DETTO ANCHE L'AFRICANO***
******FILM-REGIA DI LUIGI MAGNI*******
MARCELLO MASTROIANNI-VITTORIO GASSMAN
**************STROFE 51************
*
1)
*
E contro Annibbale i romani inermi...
se trovarono un  esercito de zanne:
cinquantamila sordati e...pachidermi...
ma, co' trombe e sonarelli...antinanne,
impazzirono, parevano...infermi !
Questa fu la rivincita de...Canne:
duecentodue avanti Cristo, Scipione
era diventato der monno er padrone.
*
2)
*
Dell'elmo, Scipio era cinto alla testa...
così, dopo anni, er popolo romano
ce s'entusiasmò e fece 'na gran festa:
lui ce fu proclamato "L'Africano"...
nella storia rimangono le gesta.
Battaja de Zama, giochi... de mano:
erano quasi la metà ma co' i trucchi...
divennero i nemici ... mammalucchi!(°)
*
*
(°) Cartaginesi.
*
3)
*
La mojie de Scipione, sòra Emija,
chiama i regazzini ma è 'na parola:
un regazzino gioca co' la fija,
che de Minerva cjà 'na cazzarola
e pensa, dice, che je rissomija,
ma lui dice...manca 'na cosa sola:
l'occhi da civetta e...strilla la madre:
"Va a casa che sei peggio de tu' padre!".
*
4)
*
'Sta "coccia pelata" era 'no stratega,
da tutt'er popolo era benamato;
poteva strillà:"machissenefregaaaaa!",
e, invece, quann'era che fu chiamato...
senza dì...."poco bene" o facce sega...
annò dai senatori...convocato...
Catone se voleva vede' i conti:
era come cercà pe' mari e monti.
*
5)
*
Nun te chiamavano mai pe'n'eloggio,
ma pe' fattece sempre un liscio e busso;
lui, anziché presentasse moggio moggio,
prese la scena da capo indiscusso:
"Senatori -disse- co' voi m'appoggio...
co'sta callaccia all'aperto che lusso,
qui ar...Senato co' voi pe'n pajo d'ore,
me tocca patì...Catone er censore...".
*
6)
*
Catone se li censurava tutti:
se incavolava...senza sbraità:
ce se sentivano de' farabbutti
e lui li incarzava senza pietà;
quanti de nome l'aveva distrutti...
già...da macchina della...verità!
"A Scipiò, de cinquecento talenti...
ce ne so' rimasti appena venti...".
*
7)
*
"Risponno coi nummeri... nò, coi fatti:
ve ricordate Annibbale alle porte,
e ce diventevate tutti matti...
ma chi c'è ar bon bisogno che te sorte?
Pubblio Cornelio Scipione...distratti?
Er temporeggiatore co' le scorte,
quer Fabbio Massimo co' la tunica
che s'evitava ogni guerra punica!".
*
8)
*
"Unico so' stato che nun s'è areso:
de piagne Annibbale ar deserto e solo
te l'hanno visto sulla sabbia steso
e ho sgravato Roma così ar volo.
Io, Pubblio..."; "Pensa se t'avessi offeso
a Scipiò...cinquecento, mica me sgolo...
te dico 'ndò stanno e te ce sei acceso;
e me insisti cor solito fatto
che Annibbale gira come un matto!".
*
9)
*
"Eccolo chi è 'sto Catone, Senatori
ve ricordo, visto ch'er tempo score
quanno imparammo dai Greci...i signori...
già, ce insegnarono co' quer...rasore
a fa' la barba sennò rode e ce mori.
Lui cjattaccò tanto de disonore,
ma co'sto tizzio se pò esse' soci?
Je venne ar volo de chiamalli...froci!".
*
10)
*
Qui ce s'arza er Principe der Senato:
"E quanno stavate in culo alla luna,
Appio Claudio, ch'era benamato,
nun avrebbe permesso accusa arcuna.
Doveva esse' solamente eloggiato
chi a distrugge'...più 'na pietra,nessuna.
Ahò, Appio era abbjoccato come un baco...
diceva sempre: "Delenda Cartago!".(°)
*
(°) Distruggete Cartagine!
*
11)
*
"E qui -continua er "Principe"- er tribbuto
va rivorto a Scipione l'Africano:
'na vorta che l'onore ha ricevuto
da parte der gladiatore romano-
se gira ar fratello...(pareva muto)-
ha rifiutato a esse' er Capo Sovrano...
e, adesso conteno le monetine,
ma che semo un popolo de formichine?".
*
12)
*
L'accompagnava er fratello ovunque,
che de nummeri e conti era pratico,
e qui stava co' quer libbro, comunque:
"spese de guerra" poco simpatico.
Lui quello che ha ricevuto ar dunque
l'ha avuto ar nome: "Detto l'Asiatico",
'na guerra vinta ma nò assoluzzione
che qui cjaveva a che fa co'...Catone!
*
13)
*
E Catone ce s'atteggia a giustizziere;
Scipione se 'ncazza... da generale
e le previsioni so' le più nere
perché 'sto libbro più sta e più ce vale;
e qui se rabbuiano l'atmosfere...
stamo ar cosiddetto conto finale.
Ma Scipione alla fine ce se scoccia
che je stanno a fa' li conti in saccoccia.
*
14)
*
Marco Porcio Catone che...fiutava
te beccava e nun te lasciava più:
era un seguggio che Roma votava
e, lui eseguiva su de se la virtù,
così su ogni fatto lo... rivortava.
Je prese in Africa, ar tempo che fu:
"Scipione, troppo ai sordati je vòi dà...",
e Catone se dovette... imbarcà...
*
15)
*
Probbo, moriggerato e senza..."calle"...
quer che pensava lo...faceva... fa.
Dopo un pò tutti a rompese le palle
che un...sadico pareva questo qua.
Ner pensiero, anche, e nun erano balle,
voleva... entracce pe' modificà...
Insomma un tizzio da sapé dò stava,
e così la gente te lo evitava.
*
16)
*
"So' ladro Catooo? Me te magno er còre,
co'sti talenti li fai a peperini,
e mò ve saluto, avoja a discore",
fa l'Africano a scenne li scalini;
l'Asiatico s'arza e se mette a core
e lo ferma: "Famo du' conticini...".
Catone sovrasta e j'esce de bocca:
"Nu me frega gnente, a chi tocca, tocca...".
*
17)
*
E Pubblio esce dai Fòri e s'è fermato
dove la gente te l'aspetta a frotte
e ce viene da quer coro acclamato;
loro resterebbero fino a notte:
"Facce un fischio, famo zompà er Senato...",
e li ne vede de crude e de cotte...
tipo 'na pischella, pe' lui sta a tòcchi...
j'appare, se scopre e: "Rifatte l'occhi...".
*
17)
*
Poi s'arampica a un Témpio li vicino
e, mentre sale, salutano i sordati,
pe' federtà je ce fanno l'inchino...
li ricambia, so' proprio affezzionati.
Sale e chiama Giove Capitolino,
che i fedeli l'ha sempre aspettati.
Te lo ritrova co' l'alloro in testa
che se lamenta...nun fa mai 'na festa!".
*
18
*
"A Gio' e mica me poi fa 'sti lamenti...
me ce faccio 'na scarpinata, anvedi
e te trovo che mò spiri a momenti:
aò, nun ce vjè più nessuno...vedi,
e prima nun cjavevi 'sti tormenti;
ce sei diventato 'na pizza...credi.
Stavo qui a riconsolammece, in fondo
pe' chi nun sa so' padrone der mondo!".
*
19)
*
"Me pijeno a pizze dovunque vado:
tutti salamelecchi e daje bòtte;
mò so' pure frocio perché me rado,
e su 'sti talenti s'è fatta notte.
In guerra ogni respiro era 'n'agguado...
padrone de casa? De crude e de cotte...
Me dicono: "Ogni tanto ariva e parte,
quanti amici: Giove, Venere e Marte!".
*
20)
*
"Mi' mojie ce s'è appassita, era un fiore,
e ce sta in giro pe' casa stralunata:
je sto troppo tempo lontano...ar còre,
ogni vorta pe' la guerra l'ho lasciata...
eccola, se me vede scappa e core:
è 'na cantilena tutta strascicata,
'na parola unica che vordì in fonno?
Poi me dicono padrone der monno!".
*
21
*
"Ar Circo Massimo ho fatto 'na prova:
pieno de gente, a disse...brulicante,
dico:" Racconto della guerra nova...
a combatte er nemico quant'è importante...",
nun c'era più nessuno e chi li scova,
me sentivo senza cavallo...un fante.
Padrone der monno...magno 'sta brugna
se dice qui: "A chi tocca nun se 'ngrugna".
*
22)
*
"Magari me ce starei a sentì
quella pischella che tant'anni fa
tante cose me voleva da dì:
c'era sempre 'na cosa pe' scappà.
Adesso tutti osanna de qui e de lì,
ma delle cose tue nun ne parlà;
se pò dì che nun so' manco romano,
oramai pe' tutti so' "L'Africano".
*
23)
*
"Però qui, dentro er Tuscolo so' nato,
e dentro casa mia stanno a sfollà,
perché dice Emijia che so' arivato...
e loro se ne vanno...devono annà.
Quer "satanasso" l'ho arivortato,
ma co' me nun ce se vonno sta.
Vabbè, m'abbiocco solo quanno è notte:
mò so' er Generale delle marmotte!".
*
24)
*
"Dice che divorzia, vanno a Literno,
mi' fijia Cornejia ce va contenta;
Emijia pe'na reggina me fa l'inferno...
però nun ce posso crede', ce se stenta;
e qui c'ero 'na colonna, ero er perno
e, adesso, cjandrò avanti de polenta.
Anzi, ma senti ch'odore de facioli...
se li magnano insieme... mica soli".
*
25)
*
"Avecce er tempo...bòni...bòni...scerti...
e poi de faccese 'na faciolata...
coi...gladiatori...anche libberti...
nun c'è de mejo de 'na tavolata;
spece quanno ce so' tempi incerti...
dentro de 'na taverna riscallata..
e de magnasseli cor guscio uno a uno,
poi, scolaccese er sugo, sarvoggnuno!".
*
26)
*
Co'sti pensieri uscì nella nottata
senza de fermaccese a quer banchetto.
Aò, sulle prime era 'na cavolata...
(dei talenti) je rodeva un pochetto.
E, vabbè, mò  era fatta la frittata,
mejo camminà che stassene a letto.
Tra er lusco e brusco vede sur balcone
e, vattelappesca, c'era... er Catone!
*
27)
*
Catone nella notte elucubbrava
de incastrà 'sti Scipioni pei talenti:
sveja la vecchia madre je parlava,
ma lui i conti se faceva tra i denti.
De notte 'sta storia continuava:
"Alla faccia ma'...a vivece de stenti!
Domani ma'...prenno er libbro e l'incastro!
Sicuro ma'... je prenno er libbro...mastro!".
*
28)
*
E stava a pensacce tutta la notte,
così fino a quell'ore lì...antelucane
che la lucetta le cijie l'ha cotte
ce s'abbiocca e a ciondoloni rimane...
ma...quer gallo(!) pensa de facce a bòtte,
e cocelo nelle magnere...insane...
"Me ce vòle sfotte...questo era svejo...
e, vabbè, m'abbiocco 'n'artro pò...è mejo!".
*
29)
*
Intanto er fratello stava ar Senato
co' quell'inquisitore de Catone,
ch'er pelo nell'ovo aveva trovato,
e ce faceva chiasso e confusione.
"Dimme te come l'avresti pagato
er mercenario...co'no sganassone?
E questi erano quattromilaventi:
hanno battuto Annibbale...contenti!".
*
30)
*
"Sor mae', mi' fratello è generoso,
e de vede' i sordati soddisfatti...
sì, prodigo, ma nun è misterioso;
vabbè, tutt'er bottino...da matti?
Contro Annibbale c'è stato furioso...
e sennò je stavamo a pulì i piatti!
Aò, è nobbile, nun lo poi capì...
tu un famoso taccagno devo dì".
*
31)
*
"Ce l'hai co' lui a causa dell'omaggi
che i sordati je cjanno riservato,
e perché trattava bene l'ostaggi.
Stavate in Africa e te cjà cacciato;
erano metà e senza belli ingaggi..
solo a vedello sarebbe scappato.
Cato' indaga che stamo tutti in fila:
loro erano cinquantacinquemila!".
*
32)
*
"Cato', m'hai provocato e me la canto:
mi' fratello pe' le donne c'è...matto
(comunque nun te sognà che c'è un santo),
i sordati a sceje la mejo cor patto...
a portajela ce se fecero un vanto:
ma fece...sposà i due promessi: esatto!
Lui, de regalà je brilleno l'occhi:
Cato' chiedeje scusa sui ginocchi!".
*
33)
*
"A Cato', adesso sai chi stai a 'ndagà...
ma devo appiccicà 'n'artra medajia:
de quanno su' padre volle sarvà;
se trattava de morì, nun se sbaja.
'Na carica je volevano dà...
rifiutò, e se sa quanto se...scaja.
Sordati? Stanno bene e salutano:
cjanno la ...salute e nun discutono".
*
34)
*
"Così diventa 'na divinità...
poi nun se sa  quello che ce combina:
c'è da faje le purci e de cercà,
e l'invenzione è bòna...fina fina;
ecco: co' la firma de "Scipione A."
vjè dalla Siria e mica dalla Cina.
Io de chi è stato me imaggino tutto,
e me ce immaggino chi è er farabbutto!".
*
35)
*
T'ariva, che ha sentito, l'Africano
e inveisce contro dell'Asiatico:
"Bella frate', hai allungato la mano;
pe' le privazzioni ce so' asmatico...
er nome nostro l'ho protetto invano,
e mò chi se sarva è...probblematico...
Intanto 'sto libbro lo faccio a pezzi:
nun dimo più "talenti" ma "sesterzi".(°)
*
*
(°) Sesterzio, moneta romana d'ottone.
*
36)
*
Prenne er libbro, la pelle de...bisonti:
da 'n'ordigno grosso, voluminoso
lo riduce a pezzi che nun li conti...
co'na botta, ce intignava...tignoso.
Spada de Damocle? Che me racconti...
Catone cor ticchio...vertigginoso.
" 'Sta cosa cjà le corna come er bue...
bòni, se la vedemo tra noi due...".
*
37)
*
Li Scipioni se ne vanno sulla riva,
e percorono er Tevere a...cazzotti:
se ricordeno mamma ch'era viva;
er padre che riempiva de rimbrotti
l'Asiatico perché nun reaggiva
ar vizzio che cjaveva: frega e fotti!
'Na lenza, sverto de lingua e de mano:
era proprio così...antico romano!
*
38)
*
E 'sto antico romano che te fa,
mentre se continuano a dà le bòtte,
se n'esce e je dice: "So' Scipione..."A",
e qui se bloccano tutte le lotte.
"Vjè ar Senato, lo devi raccontà...
hai finito de magnà le ricotte...
'n'omo così da condannà bisogna...".
"Aaa Pubblio, er più pulito cjà la rogna!".
*
39)
*
"Lucio, me trabbocchi dalla...caraffa,
nun te reggo più, devi da morì-
tira fòri dar fianco 'na bajaffa-
ecco, vedi dov'è che te poi corpì...
Fa l'urtimo bicchiere della staffa:
quanno torno devi sta steso...lì".
Poi se mette sotto 'n'arbero aspettà,
ma...te vede Lucio che sta a scappà...
*
40)
*
"Ma questo qui è veloce com'er vento:
ha preso er mejo cavallo de qui
(lo conosceva pure è quello argento),
va a Literno, me pare de capì...-
lo stalliere fa a Scipione- un momento...",
e questo sparisce de corsa da lì.
Ma dò voi che se ne pò annà Scipione?
Ma è chiaro a raccomannasse a...Catone!
*
41)
*
"A Cato', mi' fratello ha preso i talenti,
e tocca punillo come se deve...
s'è magnato tutto e...vive de stenti:
adesso la giustizzia se lo beve...".
Er "censore" sta bòno, l'occhi spenti:
"Ma questo s'è squajato come neve...
vedemo a Literno...questo scappa via...
nun ce se crede, er fratello fa la spia!".
*
42)
*
"A Cato', che freni? Annavi de fretta,
mò de 'sti talenti nun te ne frega;
mò lo trovo, abbiuh,come 'na saetta,
perché oramai la rabbia me cjaccega.
Lo porto all'assemblea tua diletta:
ner Senato pe' finicce 'sta bèga...
Li senatori a vede' sur più bello
che nun guardo nemmanco mi' fratello!".
*
43)
*


Er cavallo, ventre a tera, è partito
e Catone se scrive le strateggie:
"Aò, a questo che de corsa se n'è ito
bisogna che je blocco tutte le vie...
sennò questo cresce e diventa un mito.
Fammece scrive du' righe delle mie...
corriereee! Tu der progresso sei er perno:
co' le staffette mannalo a Liverno".
*
44)
*
Le staffette ce vanno trafelate,
e te incontrano Scipione ar trotto:
così le cose l'hanno preparate
pe' bloccà i du' fratelli lì sotto.
Le vesti dei senatori...inchiodate:
"dovecazzostanno" quest'era er motto...
Dice portava er fratello da...reo,
ma questi cjanno fatto marameo".
*
45)
*
Ma Scipione, detto anche l'Africano,
ha capito l'antifona...ch'era ora!
Metteva a patì qualunque romano
ner sapé che ormai ce stava a bonora
e senza de fa li giochi de mano...
lui, un dio a ch'era bòno allora?
Badaaa, te piomba ar Senato da solo
e lo sentono fino all'artro polo! ".
*
46)
*
"Eccome qua... solo davanti a Roma...
mi' moje Emijia, che me cjà...mannato,
m'ha detto che so'n'asino da soma
dopo che pe' du' ore m'ha interogato...
dopotutto er peccato cjà...l'aroma...
e ce n'ho 'na sequela, so' intossicato...
dispiacjuta me l'ha dovuto dì...
e così cjò pensato...eccome qui".
*
47)
*
"E della storia famose 'na scorsa...";
"Ma ce la sapemo..." je fa Catone;
"Nò nun ce li sai i conti della...borsa:
cinqu'anni in guera, ero detto "magnone",
e nun lasciavo gnente, ero 'na morsa...
de tutto, mica poco, ero un predone.
A comannacce su quarantamila...
aò, te li tenevo tutti in fila!".
*
48)
*
"Limorté- fa  er re de Mauritagna-
anche co' mi' mojie te sei struscjato;
me immagginavo tutta 'sta cuccagna,
ma così nun l'avevo mai pensato...".
E qui fa pe' ammollaje 'na papagna,
ma tre energumeni l'hanno fermato.
"Tu nun la vedevi, eri un fregno buffo...
però te sei preso er regno...cor tuffo!".
*
49)
*
"E quanno nun t'annava più...sei scappato,
e adesso che fai finta de incazzatte...
lasciatelo sta, che cjà ripensato...".
"Bella Scipiò, dove annavi, pe' fratte-
dice er censore più che mai ispirato-
se capiva...fatte conosce...fatte...
Mejo dell'artri...mai, nun è normale,
così se fa: all'artri devi esse' uguale!".
*
50)
*
"Senatori -fa Catone- padri coscritti,
ma mica je se pò fa 'st'indecenza...
de rimanecce così...muti e zitti...
e mò ce lo sapemo ch'è 'na lenza...".
Se arzano ar Senato...vecchi ma dritti:
come un sol omo strillano: "Clemenza,
clemenza pe' Scipione, de Roma l'argine:
'st'omo  che cjà sconfitto Cartaggine!".
*
51)
*
"Er Senato 'na cosa fa e una nega,
a loro ho detto ma n'è vero gnente...
viè da piagne, se pò dì che te frega?
Vonno bene coi vizzi, speciarmente;
e dev'esse' quello che te ce lega,
così nun je se deve dì alla gente.
Adesso so' scafato e posso... vede...
quello che vedo...nun lo posso crede!".
*
*
Giovedì 2 ottobre 2014
*
*
*********************F I N E***********