Lunedì 15 Ottobre 2018

*

GEREMIADE !

*

..6 STROFE..

*

Al lettore ignaro,

che a leggere incappa:

consiglio a smettere,

è meglio se scappa,

ed un vino stappa

con chi gli è più caro.

L'autobiografia

voglio raccontare;

di lacrime amare

c'è l'indisponenza;

e specie se si è in due...

perché ognuno ha le sue.

La vita in tre tempi

perlopiù si svolge

e  si riavvolge.

Già, nasco in collegio

tra tutti orfanelli:

m'è rimasto il pianto.

Pagava la retta

la cara zietta:

era unico vanto.

*

2

*

Le feste veniva,

e non si scordava:

sempre puntuale;

spesso  "mi" portava

e però lasciava,

mentre noi si usciva,

mio fratello...  lì !

Canzoncine e cori

al ritorno...muori !

Senza più fratello

fino a tarda età.

Lei, capostetrica...

era la sua...etica.

Casa in ospedale:

caposala esperta...

l'esperienza vale:

cinquantennio certa.

Era "istituzione"

delle partorienti:

una  "Autorità".

Da noi col Taxì,

veniva così,

e noi due contenti.

*

3

*

Mio fratello andò

a fare il soldato,

e dopo qualche anno

(zia aveva comprato

alloggio e arredato),

mi meravigliò

(bello, sì), perché

non volle abitare...

c'era altro da fare.

Dalla Direzione

era trattenuta:

ostetrica-nata;

ma, già pensionata.

Tornò mio fratello,

pure incattivito,

fu un mezzo-macello:

non ha resistito.

Quando zia veniva,

lui era arrabbiato

e la difendevo,

ma non potei più:

la lite ci fu:

venne allontanato.

*

4

*

Zia era religiosa,

con la coroncina

e, anche, l'altarino:

la chiesa vicina

per lei era divina.

In  chiesa gioiosa

e fuori piangente,

con il rosario e via:

questa era la zia.

E da lei mi impiccai..

salvato...non venne.

Quando ero soldato,

lei ha  traslocato.

Ritornai in permesso

e pensai ad un vizio:

non c'era... lo stesso,

però era  in...Ospizio.

In pianto la trovai

all' Addolorata;

qualche volta tornai.

E il "congedo" fu,

chiamava Gesù:

a casa è tornata!

*

5

*

Misi Caterina:

da donna affettuosa

le profuse cure,

ed era armoniosa:

portava una rosa

e la zia vicina.

Lei le immaginette

e quell'altarino:

le stavo vicino.

Non ho mai saputo

di mamma e papà.

Donna di comando,

se ne andò pregando

quasi novantenne.

E per cinquant'anni

con fiori si venne...

ma ora con gli affanni...

Senza adolescenza

e, nella testa mia,

io sono infantile...

e chiedo perché...

pleonastico è,

ma ti ringrazio zia!

*

6

*

Solo una volta

in sogno è venuta:

le  "tre e quattordici".(*)

Con la voce acuta

la faccio star muta...

si sveglia e mi sveglia

la cara Adriana.

L'ora...eccezionale

vedo al digitale.

" Franchino, ti dò...

cinquanta milioni...";

" Nò, non li voglio, zia...";

prendo e vado via.

Zia era religiosa,

ma giocava al Lotto:

ma che bella cosa...

un terno col botto!

C'è coincidenza...

le scuse e così sia:

quell'adolescenza!!!.

So che non li...bissi

cinquanta e i..."fissi":

cari saluti zia.

*

Sabato, 21 maggio 2016

*

(*) numeri fissi:

3, 14  e 50  del dono,

non li giocai e uscirono!

*

******************