Mercoledì 13 Dicembre 2017

*

DIO VEDE E PROVEDE !

*

In colleggio c'era

'no stanzino bujo:

scarpe ar montarozzo;

sempre, verso lùjo

( era tipo  intrujo ),

stavamo a cercà

e sempre con cura:

zoccoli a misura.

Smucchiai, ne trovai...uno;

cor "trofeo" a girà,

e cercai l'uguale,

me ce sentii...male!

La Sòra... 'na mano

dava volentieri...

ma era sovrumano:

c'ebbe nervi veri...

cò du' botte ar piede

( ce se stancò un sacco ),

mise scompagnato...

annai scarcagnato:

Dio vede e provede !

*

2

*

" IL MAGO DI OZ "

*

Stavamo a fà chiasso,

cjavevano detto

de un firm a colori,

e ce fece effetto:

dice era perfetto

e per noi era  l' Asso!

Solo in bianco e nero

noi li vedevamo,

e se li scordevamo...

e vabbè uno all'anno...

n'è  mejo de gnente?

Quella vorta...accesi...

aspettammo mesi:

"Ci stanno le fate...

ci stanno le streghe...

un altro pò aspettate...

fanno sette leghe...".

Quella sera, in fila,

era un parlatorio;

la Sòra...incazzata...

da... mazzabubù

ce disse  " Tu e tu...

via, nel  "Dormitorio!".

*

3*

*

ER PIROLETTO

*

" Nun ho fatto gnente...

e me vò menà...",

a dì er regazzino,

che stava a strillà,

pensanno a scappà...

manco a levà un dente!

Se stava ar cortile,

comunque, in effetti...

ma dò vai, pe' tetti,

se torna in aula:

pija er "piroletto" (°)

fa vedé le stelle

'na botta de quelle.

Mani in posa mette;

la Sòra è carica

e poi nun la smette...

de bòtte 'na scarica.

Tutti noi a guardà,

ma che brutta storia:

è  così in Colleggio.

Noi lì ,tutti boni,

a prenne lezzioni...

a futura memoria!

*

(°) piroletto:

bastoncino della sedia.

*

4

*

E N U R E S I

*

Notte in Camerata:

mosca nun volava;

file de lettini.

Chi er giorno scajava,

a notte...pisciava;

perciò prenotata

dalla sera prima

quella cerimogna...

una vera rogna:

cor lenzolo in testa,

spisciato a dovere,

e tutti a ridece:

" Piscioni...ditece...",

tutti lì schierati

a prenne l'insurti,

e mortificati

co' le pernacchie e urti.

Anche, i fortunati,

lì a cantacce in coro:

"Sempre tontoloni...

ve pisciate sotto...

chiamalo difetto...

ve pisciate a letto:

piscioni...piscioni! "

*

5

*

" IL CALCIO ILLUSTRATO "

*

Ner quarantanove

quer dramma ce fu

der " Grande Torino ":

l'aereo lassù...

nun tornano più.

Nino s'annà dove...

c'è " Il Calcio Illustrato ",

co' tutte le foto,

anche der più ignoto:

da Bacigalupo

a Mazzola, tutti

rimasti ner gelo,

finiti ner celo.

Vede' quer giornale...

lì seduta stante

( era madornale ),

ognuno un gigante:

foto in campo e dietro

le case e de peggio

( ch'è la  prospettiva? ),

per tanto lo pensai,

e dopo cancellai...

fori der Colleggio!

*

6

*

LA SIGNORINA ALMA

*

L'unica maestra

che c'era borghese:

la signorina Alma.

Cerimogne estese

e certe  pretese...

odor de ginestra!

Lei era filiforme,

le mode estetiche:

scarpe ortopediche.

" Buon giorno, bambini... ",

poggiava...l'ovatta,

in cattedra stava

e se cominciava

l'interogazzione,

ma chi risponneva?

Dell'alcool er flacone

allora prenneva:

quante vorte fece

rituale  strano,

dové sta impalati;

quann'era... rubbizza...

te dava 'na pizza...

poi a pulì  la mano!!!

*

7

*

ER GIUBBILEO

*

" Dal primo gennaio

dormite in due a letto-

disse quella Sòra,

e ce fece effetto-

però non è stretto,

state all'incontrario:

uno qua, uno là.

Nelle camerate,

poi ci ritornate...".

Er doppio a stanzone,

sembrava 'na stiva:

in tandem se stava...

er cane abbajava,

e nun la smetteva.

Guardai ar finestrone:

le file  a  vedesse.

C'era convinzione

ch'erano...l'operai.

Abbajava...Romeo,

fra tutta la gente:

prodiggi divini:

ahò, pellegrini!

Cinquanta: er GIUBBILEO!

*

8

*

LA PALLA  SGONFIA!

*

Venne un ex-allievo,

Esposito Riva,

co' 'na palla rossa;

me pareva...viva.

Tutti a dije evviva,

ma io nun lo facevo;

me ce misi a piagne:

co' un calcio più duro

la mannò ortre er muro.

Je fece impressione:

" Torno e  la riporto...",

nun s'è visto più;

chiedevo quiggiù...

ma sparì Esposito.

La palla  a 'na certa...

ner sognà era un mito:

stava  all'aria aperta,

bucata a sgonfià...

rimaneva sgonfia.

Anni dalle Sòre,

me piagneva er còre...

e stavo aspettà!!!

*

9

*

ER MAJALETTO!

*

Se passava all'orto

pe' salutà Picchio

fori dar recinto;

de grufolà er ticchio,

proprio un piripicchio.

Ma un Natale storto

je capitò de vive...

Era quell'orario,

tutti a dì er Rosario:

" Ave Maria, piena..."

e i cinque " Misteri :

Gloriosi, Gaudiosi,

Misericordiosi...

poi, d'un tratto,

miagolava forte

Ludovico er gatto...

ma aveva le scorte!

Dopo un pò sentimo

urlà  proprio male:

pregammo a strillà...

ma quell'intenzione

era der... Cenone

co' Picchio er majale!

*

10

*

A ME GLI OCCHI !

*

De frutta e verdura

veniva er furgone,

dar mercato là,

sotto ar capannone,

e noi cor fugone

lì intorno...era dura...

dové scaricà...

je stavamo  in mezzo.

De tabbacco un olezzo

che sembrava un...turco:

fumava de brutto.

" M'esce er fumo all'occhi...",

a piegà i ginocchi,

raschiava la gola,

bruciava la mano:

c'era 'na braciola...

guardavo...lontano

d'annamme a ripone

ma proprio de fretta:

maché bruciatura!

Cercai la mijore

pe' stacce le ore

sotto 'na  cassetta!

*

11

*

ER TRENO FISCHIAVA

*

All'età de sei anni

me pisciavo a letto:

ero disperato;

più de 'no scherzetto

e de quarche coretto

a famme dei danni.

Piagnevo de notte

finché m'addormivo...

purtroppo ero...vivo

a vedé er lenzolo...

e nun ero solo!

Notti cor veleno,

e me sarvò er treno!

Ce stavo aspettà

lo stimolo giusto

pe' corre a piscià,

ma proprio de gusto.

Ricordo 'na notte

che me ritardava,

successe 'na cosa

che me ce guarì:

aspettavo, ero lì,

ch'er treno...fischiava!

*

12

*

" CLUB DEI LETTORI "

*

A parlà era liscia,

anzi quasi gnente:

" CLUB DEI LETTORI "

questo venne in mente:

'na cosa decente.

Er fumetto a striscia,

però quello mejo:

"Tarzan" o "Tex" c'era;

"Tex" la prima sera.

Insomma, a 'na certa

s'arzammo a lègge

sei, stesso fumetto:

avevamo letto!

Pe' un mese parlammo,

cjanno fatto fòra:

a notte scappammo...

veniva la sòra!

Sulla tazza a lègge

nun ce sta de mejo.

Me capita ancora:

a notte me ce metto

anche se so' vecchietto...

finché ce sto svejo!

*

13

*

ALTRUISTA

*

Come parolaccia

pensavo "altruista"...

la sòra me disse ,

proprio a prima vista:

"primo della lista",

tutta seria in faccia.

A sei anni esentato

de dové annà a Scola:

come chi ce...vola!

Der soccorso un sogno:

tanti a fa er "bisogno";

pulivo a  lavà

chi  in crisi de pianto:

"Iaietto" a chiamà...

me sentivo un santo.

Quanno lo seppe zia,

cjannò in Direzzione:

proprio a baccajà.

Era giusto in effetti:

già ero " cretinetti ":

veloce... pensione!

*

14

*

E CHI S'ERA MOSSO!

*

La sòra reggeva,

ma a prima serata

ce se sbolognava

nella Camerata:

ahò, che nottata!

A noi nun ce piaceva,

così raccontava

quella der " Moretto "

che ce faceva effetto:

" Lui viene  di notte

e poi  se lo mangia...

quello del rumore,

anche fosse il cuore.

Se ne sta sul  tetto,

e come uno sente...

ecco, ve l'ho detto...

non si può far niente...".

Noi, testa coperta,

coi brividi addosso,

e pieni de fifa!

All'alba...bagnato,

ma proprio inzuppato:

e chi s'era mosso!

*

15

*

MACH'E'... ER PARADISO?

*

Dopo " OZ " a colori,

tutti parlavano

de' " L'OMO DE LATTA "

e se ricordavano,

e raccontavano.

Ma de che discori...

che cjanno cacciato...

Chi è " ZEKE ER LEONE ",

e giù a profusione...

" DOROTHY ",  la bella...

tutti parlavano;

e de quelle " STREGHE

DELLE SETTE LEGHE "?

Ma gnente da fa:

parevo emigrato

senza de parlà...

me mancava er fiato!

Me li stavo a sentì:

tutti cor soriso...

bella regà, bella:

co' pochetto er...bene;

la gioia poi  viene...

mach'è... Paradiso?

*

16

*

ZIA, MISTICA- CRISTIANA !

*

Mistica...cristiana...

però anche fascista:

tutto a piene mani,

stava nella lista,

dentro de 'na pista

pe' la " razza sana!"!

La " legge razziale "

nun je stava male;

per noi due " l'ebbrei "

c'era da applicare.

Per me l'idea insana

della "razza ariana":

mi' fratello "bruno",

però io tipo "bionno",

lei  ne voleva uno;

e  l' ottenne in fonno:

divisi per sempre.

Lui più grande, du' anni,

e io a nun capì gnente,

così a famme ...i cori;

me " esibbì " de fori :

che rabbia Giovanni !

*

17

*

ER CORO A CANTA'

*

Veniva a trovacce

la zia de papà:

la " capostetrica ",

dovunque a pregà:

corona a sgranà;

toccava stacce !

E quanno smetteva,

te miracolava...

Ahò, che inventava:

pe'na settimana

fòri me portava,

e pe' sta donna-pia:

" Cocchetto della zia..."

er coro a cantà;

de capì nun se sa...

Cjavevo  cinque anni,

quarcuno anche...giù;

a capì er perché...

Giova', nun capivo;

cor dubbio convivo:

nun parlavi  più !

*

18

*

MI' MADRE...OLANDA

*

Mi' madre Olanda ( ebbrea ),

dall'Umbria veniva;

nun l'ho conosciuta:

nun era più viva.

Zia nun se n'usciva:

misteri 'na marea.

Zia era un lucchetto;

papà, anche,mai visto,

e che brutto effetto

vedé er Clarinetto

de " Santa Cecilia ":

sonava e insegnava.

Chissà lo incontravo,

chissà... ce speravo!

Dopo anni ho saputo:

de mamma  ho trovato,

e qui  nun discuto,

quer certificato.

E ricoverata

( stava proprio male ),

'na breve deggenza,

fra dolori e affanni

ce morì a trent'anni

dentro l' Ospedale.

*

19

*

NUN C'ERANO TRUCCHI !

*

Tra noi regazzini

nun se litigava;

tutti solidali:

che ce capitava?

Nun se ne parlava:

ognuno a leccasse

i propri dolori...

senza pensà a fòri.

Rivedé er " clarino ",

da lì un pochettino

a pensà a mì' padre

e così a mi' madre...

un'ebbrea in famija:

figuramose zia...

laggiù mille mija!

Era devota e pia...

gnente nun se pò:

decisero i "crucchi"(°)

le "Leggi Razziali";

vaje a dì quarcosa:

mitra, bombe o cosa?

Nun c'erano trucchi !!!

*

(°)

Crucchi=tedeschi

*

20

*

BUCCIA TRASPARENTE

*

De capà patate

c'era la scoletta:

in cerchio a tajà,

senz'annà de fretta,

cor tajo a buccetta.

Quelli "maj tajate...",

patata ar ginocchio;

poi col  cortellino

un ber pezzettino

veniva tajato...

Sòra, a mano chiusa,

quanno  l'adocchiava

te  lo scanocchiava: (°)

"Ahò, ajo, ajo" a dì:

ar centro capoccia

pijava  così!

Dall'occhi... scocciato...

lì  la ritajava

Mach' era... terapia:

tajava  alla... lente:

in campana, piano...

Lei ce sobbarzò,

un salto se inventò:

"buccia trasparente!!! ".

*

(°) Canocchia:

colpo col

pugno chiuso,

rivoltato in basso,

a dito piegato.

*

21

*

L'EDICOLA

*

Giornalajo c'era

lì fòri der muro;

ce stavamo in fissa:

sabbato...sicuro

un salto da Arturo...

'na raccorta vera.

Quelle  figurine,

"Tarzan" e "Tex"...bella...

poi "Kit" co' la stella.  (°)

Tutti i regazzini

dietro de quer muro

stavano aspettà

quello de scavarcà;

era garantito :

scavarcava ancora.

Pure io cjò assistito:

rientrava da fòra!

Mi' fratello a mucchi:

faceva 'na confisca,

ne voleva cinque

pe'na figurina;

poi nella cestina...

sembrava 'na bisca!!!

*

(°) "Kit, il piccolo sceriffo"

*

22

*

MA STAVI A...DORMI'

*

Dentro quer cortile

tra le belle cose

( certo sempre poche ),

" Parco delle rose ),

ma in minima dose

e vedé co' le file!

Poi er giorno a giocà

sempre cor " cerchione "

e un ber manicone

pe' fallo girà,

e coreje appresso...

da poveri-cristi...

sempre tutti tristi.

Da ricordà...Dante:

fila e tutti dietro...

parevano lande:

metro dopo metro.

E co' tutti a disse:

"  e' sempre così...",

"cjò er sonno der ghiro...",

e girà inventavi,

er giro cambiavi...

ma  stavi a...dormì !

*

23

*

ER SANTINO

*

A Caino avvenne

che Dio nun la volle

la frutta e verdura

lì de quelle zolle:

venivano...bolle...

e da Abele venne

a prenne er bestiame.

Zia fece così:

ce separò lì.

Separati e muti,

a nun parlà più;

girava er..."tracoma"

( me sentivo in coma ),

er male da...mosche,

se lo prennevamo,

co' ste cose losche,

e s'ammalavamo

cor male de' cèchi.

Du' mesi senza zia,

stavo all'isolamento:

da lassù tra i panni

me chiamò Giovanni...

tirò...Santa Lucia!

*

24

*

AHO,' QUANTI TO'CCHI !

*

Alla   domenica

stavamo aspettà

dentro quelle aule

la speaker de là

a dové chiamà:

Sòra Domenica!

La Sòra portiera

ar portone stava:

visite annunciava

e quello chiamato

annava...in Cattedra.

Prima...allontanasse

da lì le ganasse

venivano prese:

forte  a zabbajone...

restavano accese:

che bòna impressione!

Ma s'era capito...

traspariva all' occhi...

cor tempo era chiaro.

E mò che s' inventa;

sempre  la polenta:

ahò,  quanti tòcchi!

*

25

*

LE SORE A SONA'

*

Quant'erano forti

le Sòre a sonà...

da quelle persiane

un sòno a sturbà

fino a noi de là:

sicuri l'ascorti.

Tra noi regazzini

c'era quella gara:

" Te ce "imparo"...impara,

spece dopo pranzo:

té, te cjavvicini,

fai finta de gnente,

e se nun se sente

imbocca lì dentro:

er piano sta là,

sur tasto fai centro...

poi devi scappà;

sentirai che sòno!

Nessuno...so' annato:

sòno, ma da dietro

'na Sòra cor baffo

me dette 'no schiaffo...

ma avevo sonato!!!

*

26

*

ORTRE ER NUVOLONE

*

Ero...autistico

( mo' so' chevordì ),

tutte le preghiere...

er latino così:

( sempre " che stò a dì"  ),

a chiede mistico!

" Pater noster qui  es... ",

garbuio...bilingue,

io ner sonno pingue:

 le parole  frecce...

preso sempre in pieno.

Er vangelo...un chiodo:

spiegato de fretta

( come l'hanno appreso ),

riletto usa e getta,

ad un filo appeso.

Nessuno è cristiano

( vordì "perfezzione" ),

e già c'è la scusa:

angelo sarebbe,

lassù volerebbe,

ortre er nuvolone!

*

27

*

CONFITEOR DEO

OMNIPOTENTI...

*

La festa è speciale?

La Messa cantata!

Era differente

dall'artra giornata;

ed era evitata

da chi stava... male:

"Ajhoddio...la panza";

ma er finto malato

veniva sgamato

e ar volo spedito

a formà quer coro

che, noi da stonati,

s'era designati.

Cantato così

da Mario...da Pino...

senza de capì...

cantato in LATINO!

Quei blocchi d'aria...

come meteorismi;

nessuno spiegava,

e du' ore a 'sto modo

te veniva er nodo...

poi... i gargarismi.

*

28

*

SOGNO RICORENTE

*

Mai visto 'no specchio:

nun sapé com'ero,

ma in tutti me vedevo;

ner sogno ero...nero:

"ognuno-io"...davero...

attacchete ar secchio!

Sogno ricorente,

e da regazzini

finanche...grissini

pe' strappà er soriso...

ch'era cancellato.

'Na palla ner sogno:

senza più bisogno

e, poi, ritornava

la voja a giocà,

e nun se parlava

de...mamma e papà.

La gioia a vedesse,

ma senza pigrizzia:

ottené radici,

ormai sradicate...

riappiccicate,

ma co' l'amicizzia!

*

29

*

E USCIVA AR TASSI'

*

Mi' zia, cor tassì,

annava a trovà

i nipoti ebbrei;

ce stava un pò là,

quasi senza...parlà;

er rosario...lì

se lo ripassava;

poi se sorprenneva

che lì...ce vedeva!

Annava in estasi:

viaggiava artrove.

" Zi', qui ce menano...",

" Come vi frenano? ".

Senza la tonaca,

no, nun s' attaccava:

come  'na  monaca

ce se comportava.

Se parlava a stento,

me inventai così

a scrive du' righe.

Ma a falla più corta...

lasciava la sporta

e usciva ar Tassì.

*

30

*

GRAZIE, SUOR VITALBA!!!

...............I°..........................

*

Suor Vitalba venne

come postulante; (°)

appena ventenne;

vedella...all'istante...

una come tante.

a vedecce... svenne!

Da  esaurimento

quella titolare

fatta abbandonare

da...gesti irrequieti...

a  metodi ingiusti.

" Bambini, attenzione,

questa è la lezione

che cambia la Classe...";

" Lo sapemo bene,

pronti a ribbellasse.

Intanto nun viene

la Sòra cattiva,

che, ancora, le botte

in Quinta, ce dava.

Facevamo chiasso:

era 'no sconquasso...

de crude e de cotte! ".

*

(°) Postulante:

Novizia richiedente

i veli da suora.

*

31

*

GRAZIE, SUOR VITALBA!!!

...........II°............................

*

In cattedra dava

tre corpi de getto

e s'annava ar posto,

ma che brutto effetto...

prese er " piroletto ".

" Ahò, anche lei è brava...

vedemo chi vince...".

" No, chi sbaglia viene...",

( " Ahò, annamo bene..." );

( "mi deve... picchiare

sul dorso, alla mano..." )!!!

Tutto l'anno boni

a 'ste condizzioni!

Da tonto riuscivo

quarcosa a capì:

me ce intesi...vivo...

finii de dormì.

Ero più giulivo,

semo nati allora:

quella è stata l'alba;

la luce s'accese,

l'affetto ce prese:

GRAZIE, SUOR VITALBA!

*

32

*

LI PRETI...

*

Venne cor Tassì

a portaccese via:

direzzione...i preti.

Er  rosario, la zia,

lo sgranava via-via...

che ce portò a " Upim ".

Così, abbiti novi

pe' la nòva vita...

sembrava 'na gita,

nun era così.

Ar " Borgo Don Bosco ",

scenario cambiava:

un "Forte" sembrava...

fatto a capannoni;

arangiati così,

ma senza cannoni.

Scola Industriale era,

scersi   " Tipografia ",

a  me congegnale.

" A' zi' so' contento...",

ce credevo a stento...

nun me rispose  zia!

*

33

*

ZIA TI MANDA LA'

*

Dopo, un "superiore"

me fece crollà:

" Vai a..." Meccanica ",

zia ti manda là...";

e senza pietà

ma senza vergogna!

Che zia de core!

Io già componevo

cor metodo giusto,

se pò dì de gusto,

quei pagginoni

da stampalli là.

La prima sgrugnata

era rimediata!

Bè, ero anccora vivo,

pe' quello che vale...

la voce squittivo

e ce stavo male:

ahò. un sorcio in gabbia;

zia...gatta " marameo ",

nun dava libbertà...

la  legge  speciale...

e quella  razziale...

ch'è  contro " l'ebbreo "!

*

34

*

LO SGUARDO LONTANO

*

Lo sguardo lontano

verso l'orizzonte...

senza parlà...strano!

Ma in cattedra pronte

parole alla fonte:

brano dopo brano.

Loro i "Superiori",

come c'era scritto

nella " sala  vitto ".

"Ieratici" ( in lingua ), (°)

vocabbolo giusto:

" Ce vole pazzienza...

senza confidenza...";

perciò tutti  muti.

Prete? Chi l'ha visto...

ma co' chi discuti...

"seguace de Cristo" :

la messa in latino?

La lingua der " tosco ",(*)

proprio accantonata.

" Nun so'...disumani...

mah, saranno umani...",

pensavo  ar  " DON BOSCO ".

*

(°) IERATICO= Solenne, austero.

*

(*) "TOSCO"= Dante Alighieri

*

35

*

TRA CAMPI FANGOSI

*

" Western " lo scenario

pe' annà a' Refettorio

tra campi fangosi;

poi là  ar Dormitorio

e, giù, ar Parlatorio.

Un percorso vario,

er giorno in "colonna"

( controllo de rango ),

se scarciava er fango.

Questo n'era gnente,

c'era un "Superiore"

dietro a noi, che bella:

nodi a funicella...

La fila inquadrava

e, se uno ne usciva,

in testa la dava:

sempre je riusciva.

Le file da tre...

valle a capì...valle,

però cjarivammo:

mani in spalla ( e avanti ),

su quelli davanti;

lui sempre a dì balle.

*

36

*

MESSA CANTATA

*

A "Messa Cantata",

lassù ce volava:

parecchio ispirato,

poi se rivortava

e, a noi, ce guardava:

" l'allegra brigata ".

L'occhiali da sole

e stava così

a vedé da lì;

e poi la Liturgia

prevedeva er canto;

ma du' note storte...

le strillava forte.

Se girava ancora,

sta vorta de scatto,

e usciva de fora

la faccia der matto!

Quer giorno de festa,

cinque ar colonnato...

e aspettà un ber pò.

Poi la scena...vecchia:

pijava  l'orecchia...

via dar porticato.

*

37

*

AL RIFORMATORIO!

*

Er maggico toccai,

fui miracolato!

Guidavo 'na fila,

dopo camminato

ar campo de lato...

a vedé m'abbioccai.

Tutti fermi dietro

( maché refettorio ),

perché all'oratorio

c'era 'na partita...

e tutti a guardalla.

De dietro, de slancio,

me ce dette un...gancio...

er don " catenella ";

fra i libbri buttati

( io giù a pennichella ),

vidi don Biavati

dijene 'na sporta,

ma proprio er "cibborio"

quella vorta svotò,

perché lo sentìì

che più vorte inveì:

" Al riformatorio!!! ".

*

38

*

" BORGO RAGAZZI " DON BOSCO "

****STATUA A DON BIAVATI****

*

Don Biavati...già,

er Capo 'no spasso;

fratello a inventore

ch'è der "doppio-passo".

Difese? Lo scasso:

vinse quer "mondiale"

( quello co' Meazza ),

te beveva in tazza

e poi se n'annava:

chi ha segnato? Piola!

Insomma  sto prete

der football...la sete.

Lui, Cadmo, de nome,

fondò la CADMEA.

Se vinceva...eccome:

squadra che sfonnò!

Se vinceva ovunque

dove semo stati.

Faceva allenà

come su' fratello.

Ar " Borgo " è un pennello:

STATUA A DON BIAVATI!

*

39

*

" ...ALLA " CARY GRANT..."

*

Don Cadmo Biavati

era scanzonato...

alla " Cary Grant ";

certo...titolato,

ma ha sempre smontato

casi disperati:

mezzo sorisetto,

e i due contendenti

( durante un ber chiasso ),

a fà er " doppio passo "...

sbottavano a ride:

fine della lite.

Era 'na parola:

bastava una sola!

" Capaci di tutto,

ma buoni da niente...",

era un suo "frutto"

pe' spronà l'ambiente.

E come rideva,

le liti a smorzà,

ed era amicizzia.

Quann'era partita

l'ha sempre seguita

cor dott. Zappalà! (°)

*

(°) Dottor Gaetano

Zappalà, Medico Sociale

Roma-scudetto del '41,

e anni successivi.

*

40

*

PROVINO A.S. ROMA

*

Co' lui lì...gnente vizzio,

gnente de bizzarro

e senza fantasia...

un pò da "Pizzarro"

dietro ad ogni..."carro"

co' l'assist e servizzio.

La sponda de prima...

gioco decollò,

e lui me chiamò

quann'era intervallo:

" Liedholm fa così: (*)

non ce ne sono altri;

tutti gli altri scaltri...

giocano per sé.

Caro don Biavati,

lo spazio ce n'è:

questo ce l'ha innati

gli stilemi giusti;

lo mandi al provino:

lo mandi, lo mandi...".

Provai, ma ero schivo...

nun me divertivo:

scordai er centralino!!!

*

*

1955: Liedholm, miglior

calciatore in Italia.

*

41

*

DAR BARBIERE

*

Quanno hanno saputo:

" Iaieto è lazziale! "

l'hanno scritto ar muro...

ce stavano male

( er tifoso prevale,

ma nun è mai acuto ).

Perciò co' l'istinto

je dissi 'na balla:

" nun ho toccato palla...

così so' tornato...

pe' nun ritornà " ).

Le partite vere

stavo dar "Barbiere";

io sentivo dì :

" Iaietto...dò sta...",

e stavo a...pulì

quer locale là.

Giocà senza voja...

ma nun è igenica;

pijavo la chiave...

e pulivo  dentro,

ce facevo centro,

lì alla domenica!

*

42

*

LA CREMAJERA

*

La "vaccinazzione"

pe' noi regazzini...

un prete "monchetto"

( finiva per " ini " ),

schiaffo sopraffino...

'n' esaggerazzione:

invece de " Ahjio...", UUUhujooo

te veniva a dì...

capitava quì:

sembrava la botta

da scossa...elettrica.

E vorà dì poco...

era un tipo roco,

anche seccardino:

manico de...mocho,

nun vedé perfino.

Co' la mano...secca,

senza er dito medio:

era a cremajera...

ululavi un pò,

l'odore lo so:

nun c'era rimedio!

*

43

*

C'ERA ANCORA GUERA!

*

De mamma ( già morta ),

vennero i parenti

de razza ebbraica:

" Che hanno fatto? Senti...",

e giù a dì lamenti,

e pe' falla corta

contro de papà,

prima- "senti un pò",

e dopo a go-go-

" dovete menaje:

l'ha trattata male;

ch'è bello...regà...

ve lasciano qua...

state da poracci...

guarda che colleggio...

annate pe' stracci...

certo è proprio er peggio...

dateje la sveja...

er peggio qui in tera...".

Nun l'ho visti più...

stavamo lì muti,

e de che discuti:

c'era ancora guera!!!

*

44

*

NUN L'HA FATTO APPOSTA!

*

Mi' fratello Iaione

annò militare;

zia nun ne parlò,

così ad...evitare

soste ner pregare...

e lui a...salutare?!

Chiesi in Direzzione

de  "Iaione" spedito

senza fasse vede:

nun ce posso crede.

" Pòro Iaione...", a dimme:

scoprii mi' fratello...

nò, nun s'accostava

e come... menava.

A Ping-pong er mejo

de tutti là dentro;

ma bòtte da...svejo

quann'ho fatto "centro" !

Me venne da ride...

fu 'na sveja tosta:

nun ce giocai più.

Pensa come stava...

d'annà lì pensava:

nun l'ha fatto apposta!

*

45

*

DA ZIA ANNAI LA'

*

Così, finarmente,

me finì la scola:

le medie e tecniche...

de rabbia ero viola:

per me era 'na sòla...

le macchine? Gnente!

De fa er tornitore,

chi vo' er regazzino,

anche se bravino?

I discorsi in colleggio

tra noi regazzini.

Ma chi se la pija...

girai la manija,

da zia annai là:

un discorso vecchio;

attaccato qua...

cerotto all'orecchio;

le pizze e quant'artro...

zia aveva da fa:

" La chiave, il portiere

la consegna a te,

e tu aspetta a me...".

La lasciai a pregà.

*

46

*

CHI ERA COSTUI?

*

Seee...proprio domani!

Quanno annai sordato(°)

se portò le cose,

fra quelle un "Grato",

sempre illuminato:

Rodolfo Graziani!

Mo' so' chevordì:

tre  ebbrei in famija?

Batteva le  cija...

pregava, pregava...

dentro da nun dì!

Ner frattempo Iaione

(nun tanto co' le bòne),

quanno capitava

sempre a liticà,

e ce se incazzava

a dije: " Giovà

lascia tutto a te...

(lui cjaveva er fiele)

te vede maturo-

e però ero er peggio-

ce tenne in...colleggio...";

proprio a...gonfie vele!

*

(°) uscito di collegio

a 16 anni: 1956;

zia  venne  a  casa

nel 1960!!!!!!!!!!!!!!

*

47

*

FORI COR FRATELLO

*

Nu' lo convincevo,

anzi provocavo

i brutti ricordi.

Sciolto ne parlavo

ma rinfocolavo,

e nun lo vedevo

che offesa cjaveva.

Maché te ribbatti

lì c'erano i fatti!

Voleva scordasse...

nun je la faceva...

la zia bona-bona

a dì la corona.

E che graditudine

(gesto proprio bello),

che d'abbitudine...

fori cor fratello!

Quella cosa lì

je c'era scappata?

Er sordato, allora...

'na cristiana vera,

n'era convinta, era:

un'artra..."Crociata" !

*

48

*

" PSICOLOGGIA "

*

Così, era destino,

l'odio aumentava

(ce l'aveva in pieno),

e come "sonava"...

alla porta stava,

de primo matino,

tutto er condomigno

e, venne co' la zia,

anche la Polizzia.(°)

Io rimasi in casa...

lui, vattelappesca;

zia, pe' legge er Vangelo,

nun sentì pe' un pelo:

sulla Bibbia c'è

la storia de Caino...

fu scansata, embè...

Un goccio de vino

ner bosco de mele,

Caino de brutto,

accoppava  Abele!

Ne la "Psicologgia"

è una malattia:

a noi cjà distrutto!

*

(°)Maresciallo Crocicchia

*

49

*

GRILLO PARLANTE

*

Da " Grillo Parlante "

avevo fallito,

perch'ero solenne

( un pò rimbambito ),

troppo insistito

co' quer tono orante...

copiato dai preti!

Ahò, artri orizzonti

li pensavo pronti

a potelli toccà

co' Iaione-fratello.

'Na partita a carte...

'sto racconto a parte.

Da zia me impiccai

e lì vidi, de scorcio,

che nun la interessai:

la fine der sorcio...

co' lei che pregava;

se soffiava er naso;

cose impegnative

pur de nun distrasse

e nun disturbasse:

poi cjà fatto caso!

*

50

*

SAREBBE DA PIAGNE !

*

La soggezzione,

che la zia me dava,

era ortre er normale.

" Vai lì",ne parlava

e me ce mannava...

io in adorazzione.

Poi...sempre de meno:

bè, sarto cinque anni

a quasi vent'anni

sempre sottomesso,

zia, ennesimo giro:

" Gli ho fatto un favore,

sa...sei tornitore...",

e lì me ritrovai:

" Tua zia m'ha detto,

però adesso mi fai

tutto quer muretto;

poi pulisci ovunque,

spala quella sabbia...".

Io ero alla..."FERMATA":

sì, saranno lagne:

sarebbe da piagne...

però quanta rabbia.

*

51

*

LA PRESI ALL'OSPIZZIO

*

A lei nun l'ho detto,

ma ero tramutato:

vidi cattiveria;

ma era meritato...

così in quello stato

io ero maledetto.

De lagrime è pieno

de libbri e scrittori:

perfino i mijori

hanno fatto piagne...

perfino le montagne!

Io me ne astengo,

ma tutto cambiò:

se ricordo svengo!

Lei, intanto, arivò

e annai militare...

artro precipizzio:

oramai...asociale!

E però ar Congedo

la zia te rivedo:

la presi all'Ospizzio!

*

52

*

RITORNO' A PREGA'

*

Quasi novantenne

ritornò a pregà;

nun sperava più

de potello fa

a 'sta casa qua.

Caterina venne,

la teneva cara...

da tornà la festa;

artra zia era questa!

Sette mesi visse,

poi, oramai sfibbrata,

morì che pregava:

er celo guardava.

Nei sogni recenti

ar "Lotto", pe' vince,

me disse vincenti

nummeri da...lince!

Quer tre e quattordici

letto ar diggitale

( aggiunto ar cinquanta ),

"assist"  assistiti,

e so' tutti usciti...

non giocati...è uguale!

*

53

*

CHIAMAVA...CHIAMAVA...

*

Ner sogno me venne...

chiamava...chiamava:

" Sono zia, Franchino...

quando si giocava

il "Lotto" ci dava

vincite  (solenne!);

cinquanta milioni (°)

tu li devi avere...

che mi fa piacere...".

Risposi a voce alta...

me svejò mi' moje;

così mica-male...

vidi ar diggitale

quer nummero fisso:

i sòrdi sicuri...

ma c'era l'abbisso!

" Frà, non te ne curi,

soldi spendi e spandi:

qui facciamo il bòtto".

Nun giocai... così...

delusione tanta

per "fisso e cinquanta"

a "Estrazione Lotto"!

*

(°) Valore in lire.

*

domenica, 30 ottobre 3016

*

****************************