Lunedì 19 Novembre 2018

<img src="http://www.thehouseofbard.com/sites/default/files/rioni.jpg" alt="http://www.thehouseofbard.com/sites/default/files/rioni.jpg" width="200" height="200 " height="300 Hspace="50" Vspace="50" border=”1″ align=”right”> <br /> </p> 

 

I XXII RIONI DI ROMA

*

*

*

I° RIONE:----------M O N T I

II°RIONE:----------TREVI

III°RIONE:---------COLONNA

IV°RIONE:----------CAMPO MARZIO

V° RIONE:----------PONTE

VI° RIONE:---------PARIONE

VII° RIONE:--------REGOLA

VIII° RIONE:-------SANT'EUSTACHIO

IX° RIONE:---------PIGNA

X° RIONE:----------CAMPITELLI

XI° RIONE----------SANT'ANGELO

XII° RIONE---------R I P A

XIII° RIONE--------TRASTEVERE

XIV° RIONE:--------BORGO

XV° RIONE:---------ESQUILINO

XVI° RIONE---------LUDOVISI

XVII°RIONE:--------SALLUSTIANO

XVIII°RIONE:-------CASTRO PRETORIO

XIX° RIONE:--------C E L I O

XX° RIONE:---------TESTACCIO

XXI° RIONE:--------SAN SABA

XXII° RIONE:-------PRATI

*

*

*

I° RIONE: MONTI

 

 

Sto rione parte dar Quirinale,

e fino a San Giovanni in Laterano;

poi a via Merulana ce risale,

e da via Cavour ar Foro Romano.

Per i colli Salutare e Nuziale 

ce s'è formato ma de prima mano...

La festa de sassate  era na scola:

cò l'artri rioni a  fa la sassajola.

*

*

*

Aò, che cè stato de bono qui,

perché a cercà de personaggi è dura...

all'antichi romani va a finì:

"Annate all'Esquilino, c'è aria pura"

disse Orazio er poeta e cjannò lì

chiunque lo conoscesse e per cura.

Già era rione de cure termali,

pieno de impianti pe curà dai mali.

*

*

*

********************************************************************

*

*

*

II° RIONE: TREVI

 

 

 

La mejo fontana, maché rione,

poi dì der monno e mica dici male;

sta zona è stretta e lunga: dar Tritone

du passi arivi a via der Quirinale;

dopo scenni giù, er Corso è de ste zone,

er Vittoriano e la statua reale.

Leggi qui, Frà, dar sonno te ce riscoti,

e leggi che dice der Bonarroti.

*

*

*

Questo qui t'ha fatto la Sistina,

ma mica me poi di a pezzi e bocconi:

le file che nemmanco vedi in Cina...

No, ogni anno vengono cinque mijoni;

artroché de dasse na sgrullatina:

è na pioggia de sòrdi a bocchettoni.

Frà, dice ch'era devoto a Sant'Anna:

sta de fatto è morto povero in canna.

*

*

*

********************************************************************

*

*

*

III° RIONE: COLONNA

 

 

 

Sta zona, da note vie c'è incrociata:

da via Veneto t'esce a Barberini,

e ce scenne er Tritone de filata;

poi a Colonna er Corso sui confini

che la "Camera" è sempre preparata

ner Parlamento e "Rotonda" vicini.

Poi piazza de Spagna a meravijà

pe quanto è duro a stacce a sede...là.

*

*

*

Sti rioni sò musei all'aperto,

sta "Ritonna" come se chiama qua,

de n'incendio cjaveva sofferto,

e Adriano avoja a restaurà.

E l'imperatore-artista, de certo

dedicò a li dèi dell'antichità.

Però cò diciotto carretti de ossa(*)

la Chiesa la consacrò...alla riscossa.

*

*

*

 

(*)con le ossa dei Martiri è stato

consacrato a Santa Maria ad Martyres

dall'anno 607 (papa Bonifacio IV).

*

*

*

********************************************************************

*

*

*

IV° RIONE : CAMPO MARZIO

 

 

 

Campo Marzio da Trinità de' Monti

attraverso via Margutta e "Ripetta"

ariva ar Tevere e cjà du tre ponti.

Dalla parte lunga, anziché la stretta,

c'è Villa Borghese (ma che tramonti),

fino a Piazza del Popolo è na fetta

che parte da via dei due Macelli

per via Condotti, per via Tomacelli...

*

*

*

Era "Campo de Marte" dei sordati,

er comando era dell'Imperatore,

ma dopo i re vennero adottati

(Trajano, Adriano...)e c'era l'onore

d'abbellì e i metodi sò cambiati.

Templi, Teatri, Terme con amore,

e tutta st'arte a quer tempo risale,

e Goethe definì: "morte immortale".

*

*

*

*********************************************************************

*

*

V° RIONE: PONTE

 

 

 

E qui se parte da Sant'Agostino

pe arivà a Lungotevere Sangallo;

sulla mappa è come no sfilatino,

de fianco Piazza Navona, no sballo;

in mezzo Corso Vittorio, perfino;

poi quattro ponti e tre ce sò dei re,

ma Castel Sant'Angelo è da vedé.

*

*

*

All'Albergo dell'Orso lì vicino

c'è stato ospite (quello più importante):

era pe i re (ch'era ghibbellino),

e scrisse de qui all'inferno...era Dante.

Passò stò ponte come pellegrino,

e der "montonaccio" scrisse abbondante:

"l'exstirpanda" della Chiesa sconvorge,(*)

e lui manna tutti alle "Malebborge".

 

(*)Nel 1252, con la bolla "Exstirpanda"

papa Innocenzo IV autorizzò l'uso della

tortura.

*

*

*

*********************************************************************

*

*

VI° RIONE: PARIONE

 

 

 

Pare sia un triangolo stò "Parione":

un lato der Corso der Rinascimento

va a finì a "Cinque Lune" all'angolone;

poi ai "Giubbonari", fermi un momento,

e a Campo de' Fiori fai 'na riflessione

sur frate ch'è bruciato a foco lento.

Poi prosegui da via del Pellegrino,

ai "Banchi Vecchi" stai all'artro angolino.

*

*

*

Piazza dell'Orologgio a destra giri,

e te ritrovi a via della Pace,

vai de novo alle "Cinque Lune", ammiri

Piazza Navona che a nessuno spiace;

poi da lì come te ce riggiri

ce stà Pasquino ch'è fatto alla...brace.

L'urtima parola l'ha detta mò:

pare che te guarda e dice:"Anvedi,aò...".

*

*

*

E stò "Parione" voleva dì "muro",

Navona se chiamava (gioco) agone;

quanno d'estate er caldo era più duro

chiudevano i chiusini ar fontanone:

s'allagava e poi sentivi dì: "sturo",

se svotava nemmanco 'no sciacquone.

Na vorta asciutto stavano a giocà

fino a che s'apriva er mercato qua.

*

*

*

********************************************************************

*

*

*

VII° RIONE: REGOLA

 

 

Sta mappa è 'na banana...mozzicata:

la punta è Piazza delle Cinque Scole,

poi ai "Giubbonari" ce sta 'na fiancata;

de là i ponti a chi d'annassene vole:

er Lungotevere è 'na scarpinata,

e qui è straripato, mica parole.

L'idrometro l'acqua sta a controllà:

coll'allagamento c'è ...da scappà.

*

*

*

Alla "Trinità", san Filippo Neri,(*)

de san Francesco l'emulo de qui

(fra la gente uno dei cristiani veri),

l'orme de Gesù voleva seguì.

Qui Goffredo Mameli ebbe guai seri,

dentro sta chiesa c'è morto così:

risorgimento e...l'Italia s'è desta...

a vent'anni, cor tricolore in testa.

 

(*)san Francesco d'Assisi 1182-1226

---san Filippo Neri, 1515-1595

---Goffredo Mameli, 1827-1849

*

*

*

********************************************************************

*

*

*

VIII° RIONE : SANT'EUSTACHIO

 

 

Sta mappa de' rione è 'na striscetta:

la prima strada lassù è "Portoghesi",

che cjà ar fianco via della Stelletta,

e via della Scrofa scenne ai "Francesi";

"Rinascimento" ar fianco è 'na cosetta,

de là un sacco de vicoli sò scesi

dalla "Rotonda" verso "Campo Marzio",

e te vedi er Pantheon ch'è 'n'intarzio.

*

*

*

Però, mica è finita sta cartolina

che cò "Dogana Vecchia" e quer cibborio

a Sant'Eustachio d'annà de matina,

e scenne le strade a Corso Vittorio;

dopo te ce trovi a Torre Argentina.

Ma bada ar sole ch'è 'no specchio ustorio,

perchè sui sampietrini è mejo che

ce giri quanno er sole nun c'è.

*

*

*

E te ritrovi ar...museo più raro:

le tele dell'artista meno saggio;

già, torna dietro che stai ar "Pallaro",

lì ai "Francesi" trovi er Caravaggio.

Margrado le ire è rimasto...preclaro,

e già a restà insigne era un pò servaggio.

Sto rione è un forziere a chiavistelli:

de quadri alla Cappella Contarelli.

*

*

*

********************************************************************

*

*

*

IX° RIONE: PIGNA

 

 

Da piazza Venezia er "Corso" te invita,

ed è tutto un lato de sto quadrato;

alla "Rotonna" viè da "Caravita",

e ce se forma giusto n'artro lato;

poi ce vò 'na camminata insistita

giù "l'Arenula" e resta un pò...de fiato.

Ce torni a "San Marco" dov'è er balcone

quanno chiamavano duce er padrone.

*

*

*

Pantheon, tempio de romanità,

fu trasformato ner culto cristiano

da imperatore e papa ner cenà.(*)

Poi er fijo ce se mise, mano a mano,

a smontaje la cupola e portà

a Oriente (nell'artro impero romano),

le tegole dorate a vestì un tempio;

lo rimproverò er papa: "Tu sei un empio".

 

 

(*) PAPA BONIFACIO IV, MARSICA (?)- ROMA, 615

----IMPERATORE FOCA, TRACIA, 547- COSTANTINOPOLI, 610

*

*

*

Ma sta cupola poi è stata coperta

dopo un secolo da Gregorio terzo;

fu adoperato er piombo e ricoperta.

Papa un Barberini, quasi 'no scherzo(*)

ce la spojò de' lastroni, a 'na certa...

e ce fece i cannoni a tempo perzo.

Pasquino: "Boni i barbari vicini,

percjò cjanno pensato i Barberini".

*

(*)Papa Urbano VIII (VINCENZO BARBERINI),

---Firenze 1568-Roma, 1644

*

********************************************************************

*

*

*

X° RIONE: CAMPITELLI

 

 

"Campitelli" vordì "campo sterrato"...(*)

però artri hanno pensato a Campidojo,

da "Capitolium", sto significato

è incerto che nun s'è scjorto st'imbrojo.

Piazza Venezzia er confine è marcato:

pe' "Fori Imperiali" va a San Gregorio,

poi svorta a via de' Cerchi de Sotto,

e a piazza Venezzia sali de botto.

*

*

*

(*)campus telluris: campo sterrato

*

*

*

Campidojo cjà un sacco de leggende:

l'invenzione ner tempo era incessante:

quella che la fantasia accende,

quella che qui c'è stato un rabdomante

pe' cercà un tesoro che...casca e pènde,

e potesse aricchì seduta stante.

C'era er Tempio de Giove cor tesoro...

potrebbe scoppià la febbre dell'oro.

*

*

*

********************************************************************

*

*

*

XI RIONE: SANT'ANGELO

 

 

E qui l'origgine der nome è certa,

senza stasse a lambiccà e così sia...

armeno...da sta mappa viè offerta

come de Sant'Angelo in Pescheria.

Da sta chiesetta l'angelo sta all'erta

pe' protegge er mercato su sta via.

Ancora de qui nun c'era er pendolo

ch'era Sant'Agnolo Pescivendolo.

*

*

*

L'Araceli se incrocia co' "Margana",

poi se imbocca pe' "Botteghe Oscure";

da "Florida" scenne "Arenula" e spiana

verso "Cinque Scole" e va ar Tevere...pure.

Poi "Cenci" e "Foro Olitorio" e ingrana

ar Teatro su "Margana" a...marce dure.

De poesia er Teatro de Marcello,

che der Colosseo è stato er modello.

*

*

*

L'ebbrei arivati erano...romani,

fino a che l'avversò er papa era un vanto

de formà un gruppo misto coi cristiani.

Poi, chiusi ar ghetto sentivano er pianto:

a piagne pe' loro a nun restà...pagani.

Li libberò l'Italia d'artro canto

da quella priggionia der papato,

e poi più de quarcuno è scappato.

*

*

*

********************************************************************

*

*

*

XII° RIONE - RIPA

 

 

Ce sta viale Aventino da 'na parte,

e dall'artra  er Tevere cò du' ponti,

poi da Porta Capena se riparte,

e su stò rombo se ponno fa i...conti

(cjà propio sta figura sulle carte);

c'è Bocca della Verità e le fonti.

Qui da Ponte Palatino s'ariva

fino a Ponte Subblicio lungoriva.

*

*

*

Ma c'è via Marmorata all'artro lato,

e cò sto nome se ricorda er Porto

ch'er marmo "marmora" era scaricato.

Poi è tanto grande, chiunque s'è accorto

der Circo Massimo: hanno galoppato

tanto che lo riducevano 'n'orto.

Li mejo cavalli a corece qua:

a vedé c'era tutta la città.

*

*

*

********************************************************************

*

*

*

XIII° RIONE : TRASTEVERE

 

 

Ma quanno cor paragone s'eccede...

però viè facile st'allegoria:

sto rione cjà disegnato un...piede

che fa er pediluvio...'na fesseria?

Sto disegno alla mappa se vede

co' la pianta ner Tevere, in posa...pia:

da fedeli orientali all'abbluzzione,

prima d'entracce se intigne er...ditone.

*

*

*

Sur "carcagno" ce sta Porta Portese

che gira ar "tacco" a Ponte Palatino;

poi cinque ponti co' l'acque distese;

sali ar Gianicolo e fai...'n'inchino:

Garibbardi ha libberato er Paese.

Adesso lì se trovano vicino

co' Annita a cavallo, stanno quaggiù:

cjanno mannato i francesi... lassù.

*

*

*

Er colle der Gianicolo è un balcone,

e sotto c'è Trastevere spianata;

a mezzoggiorno se spara er cannone,

e così la gente se tiè...svejata.

Pe' du' statue ogni giorno 'na funzione:

Belli e Trilussa, i "Re" de sta parlata,

er Belli, come Dante ma fra i...vivi;

Trilussa, l'animali...più giulivi.

*

*

*

'N'artro "genio" sentiva dì "magara":

Raffaello, annava via la matina,

e la sera tornava alla "Lungara"

dove l'aspettava la "Fornarina".

Sta pischella de...latino era avara:

ma era da capì... se stava vicina,

e se dice filavano come er vento...

tant'è lui fece er botto,lei ar convento.

*

*

*

********************************************************************

*

*

*

XIV° RIONE - BORGO

 

 

C'è na cartina da un aeroplano,

sta piazza sembra come na capoccia,

Borgo è come na sciarpa ar Vaticano...

e qui a cercà i confini me ce scoccia.

Da piazza Pia me cjavventuro piano

(sai coll'acqua fredda a fatte la doccia...),

sarà st'effetto, sarà n'allergia...

prima de San Pietro qui era...maggia.

*

*

*

Vaticano vordì dei vaticini;

venivano a fasse lègge la mano,

e je dissero ai preti lì vicini:

"Qui ce fate er cuppolone cristiano;

ce veranno a mijoni i pellegrini;

Bramante comincerà e farà er piano,

poi artri architetti...guarda stò quaderno:

Michelangelo, Raffaello, er Maderno...".

*

*

*

Ma, li morté, è annata propio così:

millecinquecentosei aprì er cantiere;

cor Bramante, capo-architetto, aprì,

e dopo un secolo, de quelle sere,

er Bernini er colonnato finì.

E già, le predizzioni erano...vere,

e su Garibbardi... che disse: "Insorgo,

Santità... aridatece pure er...Borgo...".

*

*

*

********************************************************************

*

*

*

XV° RIONE - ESQUILINO

 

 

Le figure ce stò in fissa a vedé,

e co' sta mappa ce vedo 'n'aquilotto

che punta cor becco quello che c'è:

magari se fionna sopra un leprotto.

E sta zona qui è "Santa Croce", mbè...

che Viale Carlo Felice, de botto,

te porta pure abbastanza lontano:

a Piazza San Giovanni in Laterano.

*

*

*

Poi te ritrovi su via Merulana,

ce vai in fonno a Santa Maria Maggiore,

e ai "Cinquecento" ('na storia africana)(*)

c'è "Termini" co' i treni a tutte l'ore;

attraversi sta Stazzione romana,

e a "Marsala" senti er caffè...l'odore.

Poi le porte: "Lorenzo", "Tibburtina"

e "Maggiore" dov'entri a..."Nova Cina".

*

*

(*)Obelisco di Dogali (P. Cinquecento)

*

Ai cinquecento sordati italiani

che so' morti in Etiopia Colognale:

se trova esposto all'occhi dei romani

su stò monumento cimiteriale.

Se diceva: "Se moverà domani...

ma, adesso sta qui sopra quattro scale,

e ce starà sempre, mica un momento,

dove se trova a Piazza Cinquecento.

*

*

*

********************************************************************

*

*

*

XVI° RIONE: LUDOVISI

 

 

A sta mappa vedo n'ala e du' piume,

e de...spalla via Crispi ce sta là;

da Piazza Barberini a Piazza Fiume

risali e via Campania li ce sta;

dopo a via Aurora c'è sto...lume

che attraversa Porta Pinciana qua.

Largo Fellini e vie delle reggioni,

poi via Veneto dei...paparazzoni.

*

*

*

Però in mezzo a ste strade e ste gincane

c'è via Lucullo, strada dedicata

ar magnone della storia più...immane;

nella notte era tutta na magnata:

carri pieni e portate luculliane,

che cjavevano na fame aretrata.

Era stato na vita a guereggià,

e n'artra  vita solo pe' magnà.

*

*

*

Co' l'antipasti na folla attaccava,

ma ch'erano d'obbligo da magnà:

scampi, ostriche, uccelli, e continuava

la cena vera e propia a comincià...

porchetta, pesce, l'anatra ce stava...

lepre, tacchino, pavone a...scoppià;

dell'avanzi erano stufi anche i cani,

e stavano qui all' "Horti Luculliani".

*

*

*

Dice, su Lucullo ce so' l'avvisi,

ma l'origgine der nome vòi dì...

Bè, er nipote der papa, Ludovisi(*)

(che ce se regolavano così):

"Zio-Santità, quelli me stanno invisi,

e te li vojo fa rosicà, sì...

pe' la festa mia, sta pensata è bona,

tu che lo pòi fa...intestame sta zona".

*

*

(*) 

Papa Gregorio XV (Alessandro Ludovisi)

Bologna, 1554 - Roma, 1623.

*

*

********************************************************************

*

*

*

XVII° RIONE -SALLUSTIANO

 

 

Po' esse un segnalibbro sta figura

se vedi sta mappa: da "Bissolati"

scenni a "Venti Settembre" alle mura;

qui é Porta Pia e la "Salaria" passati...

er "Piave" e "Calabbria " nun se trascura,

e dove i bersajeri ce so' entrati.

Er "quadrato ner cerchio" è...stato fatto,

poi, de lato, c'è la "Sallustiana",esatto.

*

*

*

Nell'anno settanta, a' Risorgimento,

Cadorna coi bersajeri ha attaccato;

così er Papa, pe' fermalli un momento,

disse che veniva scomunicato

chi cjavesse avuto quell'ardimento

de sparà per primo contro er papato.

Sparò n'ebbreo, un tenente de vaja,

la breccia aprì ar grido: "Viva l'Italia".

*

*

*

********************************************************************

*

*

*

XVIII° RIONE - CASTRO PRETORIO

 

 

Na mappa da pittori picassiani:

la faccia de Pinocchio...sò convinto;

qui c'erano i sordati pretoriani.

La punta der naso sta a..."Sisto Quinto",

e je cjanno dedicato i romani

l'ospedale a "Umberto Primo" de istinto.

De fori è circondato da vialoni,

ce saranno stati anche dei re boni...

*

*

*

Poi vai verso Porta Pia e de lato

a "Venti Settembre" giù alle "Fontane",

a "De Petris" c'è l'Esquilino...un fiato

e de "Termini" eviti le fiumane:

ar naso a "Sisto Quinto" sei tornato.

Pensa un pò che, in epoche lontane,

ce stavano i cavalli a tutte l'ore:

adesso è lo stesso...quelli a vapore.

*

*

*

********************************************************************

*

*

*

XIX° RIONE - C E L I O

 

 

Da quer Celio Vibenna, condottiero

che, avanti Cristo, Roma conquistò;

se prese stò nome da quell'Impero:

dice er più adatto che ce se trovò.

Era n'etrusco ma n'etrusco vero,

e quasi tutto er popolo qui portò.

Seguivano li dèi, er mago, la strega:

qui impararono a dì "chi se ne frega".

*

*

*

L'influsso loro ancora nun trabballa,

e su sta mappa sò rappresentati

da na forma precisa: na farfalla.

Vabbè, su sta cartina occhi puntati:

via delle Terme di Caracalla

(penso che tutti qui ce semo stati),

poi, lì alla curva, quella più vicina...

facce caso, c'è Porta Ardeatina.

*

*

*

Cjarivi pure se nun sei romano,

che queste sò le Mura Aureliane,

e vai fino a Porta san Sebastiano;

poi, muro-muro, passeggiate sane,

giri a Porta Latina e piano-piano

stai a Porta Metronia che rimane

alla "Navicella" su ar Colosseo,

e de stò spettacolo...me ce beo.

*

*

*

A san Gregorio scenni da st'artra...ala,

qui costeggi "Caracalla" de novo,

e se riesco a entrà da qui nun me movo:

"Celimontana" de aria c'è na...fiala.

Fiji e nipoti avevano e' ritrovo

a giocà sullo scivolo, alla scala,

e sempre allegri, sempre cor soriso,

a giocacce come fosse er paradiso.

*

*

*

********************************************************************

*

*

*

XX° RIONE - TESTACCIO

 

 

La forma de' rione, nun me sbajo,

che se pò notà ar disegno tarmente,

e cjà la sagoma propio a ventajo;

e stò nome che j'ha messo la gente

da stò grande mucchio d'anfore a incajo

che formano sta capoccia evidente.

C'era quer porto a scaricà le merci,

e s'ammucchiavano come serci.

*

*

*

Qui da Porta san Paolo se parte,

e sale sulla via Marmorata;

dall'artro lato a vedesse le carte

c'è viale Boario...divaricata

e fino ar Porto Emporio (mica d'arte),

dove la merce c'era scaricata.

Marmi e cibbi ar Tevere ce stavano:

grano, vino e l'anfore restavano.

*

*

*

C'è na curva ar disegno da seguì,

che li a Ponte Subblicio se collega,

e rispunta via Marmorata lì...

perciò sto ventajo nun fa na piega.

Er monte de cocci ar centro sta qui,

nun ce se bada e a chiunque je frega.

Traffico de secoli, un ber ficozzo:

mijoni de anfore a stò montarozzo.

*

*

*

********************************************************************

*

*

*

XXI° RIONE - SAN SABA

 

 

Dalle Mura Aureliane cominciamo:

da Porta san Paolo ch'è incrociata

a viale Giotto e poi se incamminamo

sotto le mura pe na passeggiata.

Ar Parco degli Scipioni c'entramo

pe' prenne d'aria pura na boccata;

poi arivamo dove stavano a galla...

su Via delle Terme di Caracalla.

*

*

*

L'Aventino vedemo a proseguì,

però a "Piramide" c'è da girà,

e a "san Paolo" te ritrovi lì.

Er periplo de stò rione qua,

che da monaci orientali (è così),

cjà er nome e intorno se volle chiamà..

Dopo ai "Castelli" questi se ne sò iti,

e ar Monastero ce sò i Gesuiti.

*

*

*

********************************************************************

*

*

*

XXII° RIONE - P R A T I

 

 

Qui de vedé "figure" faccio a meno,

e me la guardo sta mappa un momento;

ma sto rione de caserme è pieno.

Parto da piazza del Risorgimento,

a dove ce sta er Tribbunale...armeno,

e dietro via Belli (raccojmento).

Sto a Lungotevere de quattro ponti:

è na cacjara d'auto a fa i conti.

*

*

*

E così arivo alle "Cinque Giornate",

viale delle Milizzie tra i vialoni,

e le mura a n'artista intitolate:

Bonarroti, che fece anche i bastioni;

a' "Risorgimento" ce sò sboccate

tra artre cento vie de sti du' rioni.

E se chiude er cerchio tra Borgo e Prati:

sotto er Vaticano semo arivati.

*

*

*

All'epoca dell'antichi romani

era tutto quanto de Domizziano,

che dedicò, come "Orti Domizziani",

alla moje, de casato romano..

L'adocchiò Nerone e dall'indomani

"Prati de Nerone" ce scrisse a mano.

E vajece contro a uno ch'è così,

e da allora "Prati" c'è scritto lì.

*

*

*

martedì, 18 dicembre 2012

********************************************************************

********************************************************************

********************************************************************