Sabato 22 Settembre 2018

***100 STROFE ***

*

*

***ROMA SPARITA: ACQUARELLI DI ROESLER***(°)

*

*

*

Roma de 'na volta, oramai sparita:

prima de costruì l'argini ar fiume

er pittore stà tela l'ha riempita

de squarci spariti pure...cor lume.

E stò Roesler,ha dipinto cò l'occhi:

vedé ste tele tremano i... ginocchi.

*

*

(°)LIVIO JANNATTONI-ROMA SPARITA

********NEGLI ACQUARELLI DI*****

********ETTORE ROESLER FRANZ****

***TRADIZIONI ITALIANE NEWTON***

*

*

***PESCATORI PRESSO RIPA GRANDE***

*

*

Du' ragazzi giocano a quer pontile

sullo sfondo ce sò barche ancorate

dai pescatori... ner classico stile:

sò attaccate alle rovine affiorate.

Guardi st'acquarello pare sbiadito,

dopo c'entri e te ce senti smarito.

*

*

*

***PRESSO LA SALARA***

*

*

E' dietro riva sinistra er pittore:

se vede alla Mole de S. Michele,

sotto l'Aventino alle torri score;

ogni rudere affiorato è 'na stele.

Un mulino ch'emerge s'intravede:

porta via la corente, nun ce vede.

*

*

*

***ISOLA TIBERINA, I PONTI***

*

*

L'effetto luna sull'acqua inargenta:

Ponte Cestio, Fabricio sò n'inchino;

stà veduta a sopportalla se stenta,

ce se vò aritajà lì... 'n'angolino.

Te se stampano dentro flash a creta:

nell' esistenza prima e ultima meta.

*

*

*

***ISOLA TIBERINA DA PONENTE***

*

*

Fatte conto e da Ponte Garibaldi

te la vedi: c'erano i murajoni.

Notte de treggenda, Dio ne guardi,

crollò tutto, addio belle visioni.

A sistemà stò fiume era 'na guerra:

ce stava più tufo de sabbia e terra.

*

*

*

***ISOLA TIBERINA SOTTO LA NEVE***

*

*

Ottantotto la neve cade...quanta,

l'isola Tiberina è... congelata:

marron glacè, ce n'è propio tanta;

memorabbile, e allora decantata.

Le case rivestite e tutte così:

er fiume continua a scorece lì.

*

*

*

***AVANZI MEDIOEVALI SULL'ISOLA TIBERINA***

*

*

S. Pietro Montorio, ar centro,lontano

e se stà su Trastevere e  affacciati.

L'isola a volé smontà, piano piano:

volevano i tecnici...illuminati...

Ma se sò fatti un sonno, meno male:

a resiste è sta' Torre Medioevale.

*

*

*

***ISOLA DI S. BARTOLOMEO E TORRE DEI GAETANI***

*

*

Er ponte c'è attaccato alla torretta

e, dopo, è spuntato er campaniletto.

E vola er gabbiano che lassù svetta:

ar sòno de campana fa er pranzetto...

Sò centinaia d'anni e questo er rito:

lo tramandano e dar primo esistito.

*

*

*

***ISOLA TIBERINA E PONTE CESTIO***

*

*

Ai ponti Garibaldi e Cestio er fiume:

staccionata sbilenca in primo piano.

Vedé l'abbandono nun ce vò... acume

che de 'na barca nun c'è pezzo sano;

ma l'artra sponda e veduta... così

fa pensà alla vita che c'era lì.

*

*

*

***PONTE CESTIO E LA SPONDA TRASTEVERINA***

*

*

Stò ponte da capo è stato rifatto:

dumila anni ce veniva percorso,

ma s'era pensato ar proggetto matto:

de sbracallo, hanno cambiato discorso.

Chi vò andà a Trastevere ce se impara:

passa per     Lungotevere Anguillara.

*

*

*

***PONTE CESTIO E S. BARTOLOMEO ALL'ISOLA***

*

10°

*

Ponte Cestio, dall'isola er versante

lì ar sole s'illumina e... lì vicino...

eccola 'na costruzzione importante,

brilla e' rivestimento in travertino.

Sté tegole der tetto in bello stile,

e su che ce svetta quer campanile.

 

*

*

*

***PONTE ROTTO***

*

11°

*

Stò ponte è restaurato dar botto

ma ce rimaneva 'npò trabballante:

Michelangelo chiamò "Ponte Rotto"

e lo faceva ariparà all'istante.

Lo sfondo der celo grigio-nuvola

avvorge quella celeste cupola.

*

*

*

***PONTE ROTTO VERSO L'AVENTINO***

*

12°

*

Qui dell'Aventino se vede er verde,

le tre arcate,de fero quer tirante

e 'na travata a traliccio ce perde

la forma der ponte poco elegante.

Quer celo-ruggine er fiume colora:

sopra l'Aventino s'apre e s'indora.

*

*

*

***BARCHE DI PESCATORI A PONTE ROTTO***

*

13°

*

Se pò dì sotto l'arcate campava,

avrebbe voluto e tutto a colori,

e Ponte rotto ovunque disegnava...

quanno pure der ponte t'innamori.

Nun se sa quanno e neppure come...

s'inciderà sur travertino er nome?

*

*

*

***PONTE SENATORIO E PONTE CESTIO***

*

14°

*

Franz, alla sua arcata s'avvicina

e riprenne le mensole de imposta;

comincia a disegnà a prima matina

e der Comune pensa alla proposta:

de abbatte er ponte,senza loggica...

disse nò... l'Unione Archeologgica.

*

*

*

***ABSIDE DELLA CHIESA DEL SALVATORE PRESSO PONTE ROTTO***

*

15°

*

E' quasi demolita 'na chiesetta:

fa vedé linee de un Tempio antico;

laggiù  Palazzo Senatorio svetta

e s'intravede quarch'arbero amico.

'Na colonna de marmo è ritajata:

una tra le mille ch'è adoperata.

*

*

*

***PORTO DI RIPETTA***

*

16°

*

Dice, urbanistica sistemazzione:

già, piccola riva, piccola sponda;

e che fermento,n'esaggerazzione:

carico e scarico che sovrabbonda.

Nun se vede laggiù Prati lontana;

c' er barcone e vicino la Dogana.

*

*

*

***LA FONTANA CLEMENTINA AL PORTO DI RIPETTA***

*

17°

*

Ce stà laggiù Castello e Cuppolone

dietro de stà Fontana Clementina;

"tra caligini violacee il barcone...",

scriveva D'Annunzio alla Tibberina.

E' 'na passeggiata...sopravissuta:

piaceva ar poeta, nun se discuta!

*

*

*

***PORTO DI RIPETTA VERSO PONENTE***

*

18°

*

La Cordonata, i gradoni e gradini

scennevano stò fiume dorcemente.

D'Annunzio, de marsala bicchierini

se beveva, scenneva de frequente.

Scennevano a paranza tutti artisti:

cò i murajoni nun se sò... più visti.

*

*

****SPONDA DESTRA DEL TEVERE E SPONDA GRANDE***

*

19°

*

'N'arcata de Ponte Rotto se vede

su' lato destro de stò casamento;

vedé le case insieme che succede?

Un paese cor campanile ar vento;

poi, volete campà asciutti, boni...

presto cjariveranno i murajoni.

*

*

*

***IL TEVERE PRESSO LA LUNGARA***

*

20°

*

Nella foschia immerso st'acquarello:

sponde laterali, du' braccia aperte,

abbraccià Ponte Sisto c'è l'occhiello;

'na cuspide spicca e tra case certe;

via Giulia, dietro i murajoni interi

ner chiarore... Palazzo Falconieri.

*

*

*

***VEDUTA DEL TEVERE PRESSO PONTE SISTO***

*

21°

*

Risale la corente a macchie e piastre;

"Il Tevere appare-D'Annunzio scrisse-

lucido fuggente... case verdastre...".

Succede ar poeta e che cjà le fisse:

è crepuscolo per la... nebbia fitta;

seguirà "voce" sempre mano dritta.

*

*

*

***VECCHIE CASE MEDIOEVALI VISTE DALLA FARNESINA***

*

22°

*

Franz alla sponda della Farnesina,

punta er cavalletto su quella riva:

de costruzzioni 'na sfirza a cortina;

dar popolare er pittoresco ariva.

Come incannucciate,tovaje stese,

ce se intravede Palazzo Farnese.

*

*

*

***CASA SUL TEVERE PRESSO MONTE SAVELLO***

*

23°

*

Le case sbilenche ed agglomerati:

così a picco sur fiume, casolari

a forma gigantesca, rappezzati,

buchi e senza finestre regolari.

Scrivevano questo, con amarezza,

scrittori romani a tanta bruttezza.

*

*

*

***VECCHIE CASE MEDIOEVALI ALLA LUNGARA

***APPRESSO ALLA FARNESINA.............******

*

24°

*

Ma ne scrisse lo scrittore francese

Zola e ci si soffermò ner momento:(*)

"Sulla Lungara costruzioni estese,

e che incredibile accatastamento...".

La città ar Tevere ce s'affacciava,

mica se pò dì che ce se specchiava.

*

*

(*) EMILE ZOLA, Parigi,1840-1902,

**  scrittore.

*

***CASE MEDIOEVALI PRESSO S. GIOVANNI

***DEI FIORENTINI....................*********

*

25°

*

Era scenario e de miseria...estesa

sur fiume tra li sassi e sassolini:

chi l'ha vissuta l'ha discussa e resa;

fra l' altri c'è stato anche Petrolini.(*)

Er "proggetto": 'na furia distruttiva

ma, per fortuna, anche ricostruttiva.

*

*

(*) Ettore Petrolini, Roma 1884-1936,

**  attore, drammaturgo.

*

*

***PALAZZO ALTOVITI***

*

26°

*

Veloci barchette sotto "Altoviti",

palazzo nobbigliare pieno d'Arte;

e quanno se ne smisero l'inviti

venne demolito,la maggior parte

de quell'opere lì presero er volo

nella lontana America e nun solo.

*

*

*

***IL TEVERE PRESSO IL PONTE DI FERRO***

*

27°

*

Palazzina tre piani,abbitazzioni:

aperta sembrava un "ricreatorio";

e qui anziché dei soliti balconi

ce stà quer pittoresco ballatoio:

le famije a prennese 'na boccata;

e la gente der fiume c'è campata.

*

*

*

***LA PERGOLA DELLA TERRAZZA 

** DELL'OSPIZIO DI S. LUIGI***

28°

*

Qui a "San Luigi", arberi,pergolato,

è tra er Ponte Rotto e la Tibberina;

st' Ospizzio l'anziani cjà ospitato:

quì de sentì la Messa e ogni matina.

E metti da vecchi nun stam'a galla...

ce resta stò ricovero:"Santa Galla".

*

*

*

***PERGOLATO DELLA FARNESINA***

*

29°

*

E c'era verde denso de giardini:

l'ha scavato la ruspa de lavoro.

Mentre scavavano i... capitolini

s'accorgevano de trovà er tesoro

ch'emergeva da tutti quelli scavi:

le case, monete e statue dell'avi.

*

*

*

***SPONDA DEL TEVERE ALLA REGOLA***

*

*30°

*

Se c'è n'arbero avanti se impreca,

e qui l'arbero te fà n'artr'effetto;

anche se ce poi giocà a mosca ceca,

guardi de là vedi er mejo de getto:

Ripa Giudea e Ponte a Quattro Capi:

senz'annà in giro nun ridono i Papi.

*

*

*

***TERRAZZA DEI GIARDINI DELLA FARNESINA***

*

31°

*

E dalla Farnesina è stà veduta:

fra l'arberi pescano i regazzini

e ce stanno nella posa più astuta.

Laggiù la cuppola dei "Pellegrini"

sulla Farnesina la sponda opposta:

ce resti incantato ma fall'apposta.

*

*

*

***ABSIDE DELLA CHIESA DEI FIORENTINI***

*

32°

*

E' disegnata e dalla Farnesina:

ar fondale ce stà ponte de ferro:

na rigatura e così è...fina...fina.

Er cavalletto stà su quello sterro,

panni e'divieto der Papa (dai studi):

regazzini e se fanno er bagno nudi.

*

*

*

***CHIESA DI S. GIOVANNI DEI FIORENTINI

***VISTA DA SANTO SPIRITO***************

*

33°

*

Nell'ansa de Santo Spirito appunto,

per ogni incrocio Chiese ce stavano:

cò le case ( i murajoni lo spunto ),

vennero spazzate e muri s'arzavano.

Tra romani c'era d'uso "m'arancio":

Petrolini è der Vicolo der Grancio.

*

*

***************************************************************

***B R E A K***************************************************

*

*

*

***TANTO PE' CANTA'- ETTORE PETROLINI***

*

*

*

PARLATO...

*

*

Tanto pe' cantà,

pe' fa quarche cosa...

nun è gnente de straordinario

è robba der paese nostro,

che se pò cantà pure senza voce.

Basta 'a salute e 'n par de scarpe nove

pòi girà tutt'er monno...

e m'accompagno da me...

*

*

Pe' fà la vita meno amara

me sò comprato stà chitara,

e quann'er sole scenne e more

me sento 'n core cantatore.

La voce è poca ma 'ntonata

nun serve a fà 'na serenata,

ma solamente a fà in magnera

de famme un sonno a prima sera.

*

*

Tanto pe' cantà

perché me sento un friccico ner core

tanto pe' sognà,

perché ner petto me ce naschi un fiore,

fiore de lillà

che m'ariporti verso er primo amore

che sospirava le canzoni mie,

e m'arintontoniva de bucie.

*

*

Canzoni belle e appassionate, 

cantate solo pe' dispetto,

ma cò 'na smania dentr'er petto;

io nun ve canto a voce piena,

ma tutta l'anima è serena;

e quanno er celo se scolora

de me nessuna se 'nnamora.

*

*

Tanto pe' cantà..............

*

*

*

***************************************************************

***************************************************************

*

*

*

***PARTE POSTERIORE DELLA CHIESA DELLA MORTE***

*

34°

*

Alla Farnesina e de dietro gira,

putacaso,te s'inquadra 'na Chiesa;

"aò ammappela" dice chi l'ammira;

ar muro gente strilla senz'offesa.

E quer giardino sotto l'arcatelle...

le cose scomparse sò le più belle.

*

*

*

***PONTE DI S. GIOVANNI DEI FIORENTINI

***DALLA VIA DELLA LUNGARA************

*

35°

*

Ponte de ferro nun è come se deve...

'no scorcio dar terazzo stò pittore

dipigne asini a 'na tinozza a beve

e, sotto de lì, er Tevere ce score.

A quer porto imbarcazzioni de là:

manca poco a che tutto... sparirà.

*

*

*

***TOMBA DI SULPICIO PLATORINO***

*

36°

*

Stò Mausoleo è der Platorino

che da quell'arginatura sbucò:

cò li mattoni e fòri travertino;

ch'ogni archeologo se ne curò.

De quer fedele spirito romano...

è là nelle Terme de Diocleziano.

*

*

*

***GLI ORTI DEI FARNESE PRESSO PONTE SISTO***

*

37°

*

A Ponte Sisto e Villa Farnesina:

torri, ruderi dell'antiche mura;

sbuca 'na cupola e dalla rovina...

dalle pergole a tenelle cò cura.

E sò sparite per mille raggioni:

e una de queste erano i murajoni.

*

*

*

***OSPEDALE DI S. SPIRITO***

*

38°

*

Un boschetto l'ospedale nasconde,

ce sò chiese, cupole er campanile;

aò, ne sbucano fra quelle fronde:

e verde lì nun è solo bello stile.

E quer barcone sotto quella serra,

punta n'insenatura laggiù a terra.

*

*

*

***PRATI DI CASTELLO. CASTEL S. ANGELO***

*

39°

*

"Castello" ce stava impantanato,

e ar Tevere c'era... direttamente

er "forte" della difesa bagnato.

Quell'epoca viottoli e solamente

tra muri de confine, staccionate...

ce sò l'urla dell'anime bruciate.(°)

*

*

(°) Inquisizione: Giordano Bruno ecc.

*

*

*

***AI PRATI DI CASTELLO, DOVE SORGERA'

***PALAZZO DI GIUSTIZIA**************

*

40°

*

Vedi la campagna  cò stò covone,

poi quell'arberi e lo scenario lì;

laggiù  case de stà popolazzione

e ner centro 'n'aratro ar pino qui...

La gente a stà parata ce se vizzia...

dopo vedrà...Palazzo de Giustizzia.

*

*

(°) Palazzo di Giustizia di Roma:

*** ***costruzione 1889-1911***

*

*

*

*** IL PORTO DI RIPETTA DAI PRATI 

*** DI CASTELLO***

41°

*

Quella cupola de San Carlo al Corso

c'è ripresa dalla sponda de' Prati,

dove ce stanno pe' fass'er discorso...

sdrajati e per terra idue innamorati.

Lo sai der celo rosa quann'arbeggia...

sò stati a notte... la barca galleggia.

*

*

*

***AI PRATI DI CASTELLO. IDILLIO BOSCHERECCIO

*

(42°)

*

De là dar fiume, tra l'arberi...qui

ce stà quella zona de Via Leccosa:

perché quann'er fiume usciva de lì,

la terra alla strada era scivolosa.

A du' abbracciati nun je viè a mente:

se pò dì che nun je ne frega gnente.

*

*

*

***PRATI DI CASTELLO INCONTRO A 

***S. SALVATORE IN LAURO*******

*

43°

*

E cor proggetto de demolizzione

sté opere... ce dovevano sparì...

ogni volta c'era n'inondazzione,

stavano a mollo, nun se pò capì.

Er contadino stà cò la capanna...

questi vivevano poveri in canna.

*

*

*

***DAI PRATI DI CASTELLO, LE VECCHIE CASE

******DELLA VIA DI TORRE DI NONA.***

*

44°

*

E' 'na cintura de case affacciate,

a fiume riflette, ce sò compatte

le famije che stanno lì alloggiate

e pareno sui bastioni a combatte.

All'artra riva invece 'na baracca...

quarcosa, e se la porta la risacca...

*

*

*

***CASE MEDIOEVALI A S. CECILIA***

*

45°

*

Come le vecchie foto de Alinari:

le torri, merletti, Santa Cecijia.

Aò qui score a Via dei Vascellari...

nun c'entri mica m'ar core te pija.

Pensa te, qui c'è vissuto Pinelli:

cjà fatto sentì i romani fratelli.

*

*

*

****B R E A K**************************************************

***************************************************************

***LA MORTE DER SOR MEO***

***G. GIOACCHINO BELLI****

*

*

Sì, quello che portava li capelli

giù p'er grugno e la mosca ar barbozzale,

er pittor de Trestevere Pinelli,

è crepato pè causa d'un boccale.

*

*

V'abbasti questo, ch'er dottor Mucchielli,

vista ch'ebbe la merda ner pitale,

cominciò a storce e a masticalla male,

e poi disse: "Intimate li fratelli".

*

*

Che aveva da lassà? Pe fa bisboccia

ner "Gabbionaccio" de padron Torrone,

è morto cò tre pavoli in saccoccia.

*

*

E l'anima? Era già scomunicato,

ha chiuso l'occhi senza confessione...

cosa ne dite? Se sarà sarvato?

*

*

*

PINELLI BARTOLOMEO,

Roma, 20 novembre 1781

Roma,  1° aprile 1935 

(Pittore, scultore,incisore...

4 mila incisioni, 10 mila disegni...

sculture... acquerelli...).

*

*

****MARA-MEO***

*

*

Figurete, quattromila incisioni,

poi diecimila disegni cjà fatto;

quanno della morte sentì li soni...

chissà se je voleva fa e'ritratto.

Mah... dice chi j'abbitava vicino:

usciva solo pe' fass'er quartino.

*

*

*

***************************************************************

***************************************************************

*

*

***VIA DELLA LUNGARETTA***

*

46°

*

Stò scorcio de Roma rimane acceso:

dai Tolomei dentro Via Lungaretta;

le pozzanghere, quer bucato steso,

er fanale rosso de quella buchetta.

Stì sampietrini te danno 'n brivido:

che riflette a  terra... er celo livido.

*

*

*

***VECCHIE CASE DI VIA DELLA LUNGARETTA.

PALAZZO MATTEI*************************

*

47°

*

Casa signorile e ce rimane questa...

e stò Palazzo Mattei c'è scampato.

Fà lo scoparo: "Artra gente resta...

e questo li carciofoli ha rubbato...

aò, a regazzì, magni e scappi via...";

dar caretto a dì: "Boni alla giudìa".

*

*

*

***PALAZZO MATTEI ALLA LUNGARETTA***

*

48°

*

La cardarostara ce s'è addormita,

e n'omo gira cò na cesta addosso;

scenne pioggerella mejo insistita:

insomma lo scenario tutto mosso.

Nella bottega a lavorà 'na donna,

stò caretto a girà lì alla Madonna.

*

*

*

***INGRESSO DI PALAZZO MATTEI

***IN TRASTEVERE*************

*

49°

*

Sù stò portone e vedi 'no stemma,

ar sole, qui de fianco, panni stesi...

pensa i nobbili cò tutta la flemma

ritrovasse qui, se sarebbero offesi.

Ma pò essece palazzo, 'na casetta:

cjaveva la locanda "La Scjacquetta".

*

*

*

***VIA E CHIESA DI S. BONOSA***

*

50°

*

Se ne và er sole vers'er Gianicolo:

case che sò disegnate solo... qui,

e nun ce se trova manco un vicolo,

ormai la statua der Belli stà...lì.

Ar sagrato de chiesa stanno a sede:

però, bella Roma... nun ce se crede.

*

*

*

***VIA DELL'ARCO DELL'ANNUNZIATA***

*

51°

*

E'la Via dell'Arco dell'Annunziata,

e stò "nasone" stava all'angoletto;

'na cuppola er sole tjè illuminata;

alle pozzanghere c'è stò muletto;

panni stesi e sté strade rovinate:

ma sté bellezze  sò tutte passate.

*

*

*

***CORTE DEL PALAZZO DEGLI ANGUILLARA***

*

52°

*

Era stato er palazzo baronale

un casale comune è diventato:

abbiti de campagna, mica male

è lo scenario cò stò porticato.

Lì sotto ner cortile a radunasse...

ai sampietrini ce vole scallasse.

*

*

*

***FORTEZZA DEGLI ANGUILLARA***

*

53°

*

La torre ce svetta fori alle mura,

e sotto c'èr movimento... festivo:

alla "Madonna" la festa con cura;

ì romani cjanno quer còr giulivo...

La vita je se svorgeva all'aperto:

e sò più sedie fori quest'è certo.

*

*

*

***AVANTI DELLA CASA DEGLI ANGUILLARA

***SUL TEVERE************************

*

54°

*

Dice...e l'hai viste stè bifore là...

bè, le finestre cò la colonnina...

e quer campanile a cuspide,già:

cjannavano e cò la barca vicina.

A guardassela stà visione rara:

la casa sur Tevere d'Anguillara.

*

*

*

***VECCHIE CASE MEDIOEVALI ALLA 

***LUNGARETTA******************

*

55°

*

La sora ar centro gira cò la sporta,

e lì dietro quell'Emporio è protetto

a corna che s'attaccano alla porta;

giri l'angolo e te ce fai er goccetto:

vedi stà casa cor muro più spesso,

e guardi'n celo ce stà stò cipresso.

*

*

*

***VECCHIE CASE PRESSO LA LUNGARETTA***

*

56°

*

Propio case da carcinaccio queste:

mura pesanti e  balconi de legno;

e pe' stà gente nun c'erano feste.

Alle pozzanghere,vive 'n'impegno;

nell'artra riva er celo rannuvola,

ce se intravede de là 'na nuvola.

*

*

*

***ARCO DEI TOLOMEI***

*

57°

*

Sotto st'arco la gente a ritrovasse:

'na donna, per mano porta a giocà

e regazzino insieme pe' svagasse;

quell'artri gruppi se stann'a parlà.

Dall'arco e l'attenzione... ce li pija

a quer campanile de Santa Cecija.

*

*

*

***INGRESSO DELLA CASA DEI CASTELLANI***

*

58°

*

'Na cornice de marmo sur portone,

chissà de quale antico monumento;

du' pischelli e scarzi lì allo scalone;

gente ce st'a sistemà ner momento.

Ce se intravede quarcuno a brindà...

un cane, com'ar solito st'à...guardà.

*

*

*

***UN ARCO DEL CORRIDOIO DI BORGO***

*

59

*

Ce sò sei palle der papa nello stemma:

sò quelle araldiche...nun pens'à male...

è stò scudo 'na vera e propia gemma:

lì vicino l'Osteria "Le tre scale",

la donna cò la cesta, l'arotino,

du' scopini e pe' scordà un pò de vino.

*

*

*

***VIA DEL CAMPANILE IN BORGO***

*

60

*

Er mercato per la pioggia deserto

è tutto coperto ma propio tutto:

figure de donna a ombrello aperto,

e cercano a camminà dov'è asciutto.

Borgo Novo, la chiesa lì vicina

è de Santa Maria in Traspontina..

*

*

*

***VIA DEI PENITENZIERI***

*

61

*

C'è la colonnina de travertino

alla salita de Villa Cecchini;

stò campanile cjà er fiato divino:

a bifore sò tutti i finestrini.(°)

Contadine de villa principesca

strillano tutte che la frutta è fresca.

*

(°) Finestre con la colonnina centrale.

*

*

*

***PORTA ANGELICA***

*

62

*

Bè, c'era 'na volta Porta Angelica:

le sore alla Porta stanno a passà;

ar barbiere gira bene l'elica:

barba e capelli ce n'avrà da fa.

Lì vicino er vinaro nun stà in secca;

l'angelo custode ha fatto cilecca.

*

*

*

***BORGO ANGELICO***

*

63

*

Nelle case c'è latte delle capre:

se magnano tutto, nun sò mai sazzie;

spunta un filo d'erba, la terra se apre

e ripuliscono er vicolo delle Grazzie.

Le ruspe stann'arrivà...piano- piano...

resteranno le case der Vaticano.

*

*

*

***PORTA CAVALLEGGERI***

*

*

64

*

Case rustiche da poveri cristi,

la "Madonna" almeno ce deve stà

e c'è pure er murale dei ciclisti:

a qualcuno piace st'attività.

Er somaro, de peso caricato,

verso gianicolense s'è avviato.

*

*

*

***ARCO DI S. MARCO***

*

65

*

Questo "Arco de li tre re" sonetto

che Gioacchino Belli ce scriveva

e, proprio qui sotto, dò stà er caretto,

Michelangelo qui ce dipigneva.

Pe' poté fa' er "Vittoriano" de' re

è annato tutto all'aria, pensa te.

*

*

*

66

*

***VIA GIULIO ROMANO***

*

Sotto st'archetto i nummeri der lotto,

poi cartellini der tipo più vario:

"Supplì ar bon gusto...mejo cotto...";

"Elemosina a Maria de' Rosario".

Chi sotto la cupola vò pregà,

la campanella la deve sonà...

*

*

*

67

*

***CASA DI GIULIO ROMANO***

*

'Stà casa qui era de Giujo Romano,

mejo dicepolo de Raffaello,

se chiamò "Pippi" quanno fu romano.

Talento unico dell'arte der bello;

alla lapide commemorativa

la futura "memoria" resta viva.

*

*

*

68

*

***TORRE DI PAOLO III***

*

E 'sto pittore, prima che sparisse

stà gajarda Torre d'osservatorio

(er re: "Vojo er Monumento qui" disse),

la venne a dipigne da Campidojo.

Piazza Venezzia "cantiere romano"

pe' costruì l' "Artare Vittoriano".

*

*

*

69

*

***TORRE DEI MARGANI***

*

Cjabbitava la famija Margana

a stà Torre a portale ricamato;

viene adattato a 'n'attività strana:

spaccio de fieno e cavalli-mercato.

Ma sarebbe stato un ber monumento:

nun cjanno pensato manco un momento.

*

*

*

70

*

***ARCO DELLE AZIMELLE IN GHETTO***

*

Papa Paolo quarto l'ha bollati...

co' la "bolla" der millecinquecento:

così dentro er ghetto te l'ha lasciati...

e a Gesù nun cjà pensato un momento.

De sera la ritirata a dormì:

chi c'era e l'altri fòri... da punì!

*

*

*

71

*

***PIAZZA DELLE AZIMELLE IN GHETTO***

*

Pane senza lievito " l'Azimelle",

pe' l'ebbrei quer cibbo principale;

manco da ricavacce du' frittelle:

pane azzimo, senza ojo e senza sale.

Er primo "ghetto" ar monno, der papato,

e dentro quattro muri recintato.

*

*

*

72

*

***VIA RUA. IN FONDO IL PORTICO D'OTTAVIA.

*

E qui, dentro e fòri, c'è movimento

de merci varie e quella a prevalé

riguarda cjò ch'è dell'abbijamento.

Zì frate 'na vestaja, dimme te,

la prenne per pizzo co' la cura...

e la move come se la misura.

*

*

*

73

*

***AVANZI MEDIOEVALI IN GHETTO***

*

C'è 'na finestra che pare elegante,(°)

messa in mezzo dove c'è la rinfusa:

panni che se li stenne er mendicante;

scale che ce pò cadé chi le usa;

le pozzanghere in mezzo ai sampietrini,

e...giocano cor fango i regazzini.

*

(°) Finestra con la colonnina al centro:

**  bifora.

*

74

*

***VIA CAPOCCIUTO IN GHETTO***

*

A di via è dì de troppo, è un vicoletto:

ce so' case scorticate e 'na scala

cor palo a ringhiera (è lì, stretto-stretto);

ner cortile che te sembra 'na sala,

c'è la gente a fa' er crocchio...poi a giocà

regazzini ovunque de là e de qua.

*

75

*

***ANCORA VIA CAPOCCIUTO***

*

Undici catapecchie? Poco ce manca;

già, i papi ner ghetto li rinchiusero.

Qui tra un pò tutto je se sbanca

quer commercio che secoli c'ebbero.

All'inizzio er papa costruì er muro:

dimme te...rinchiusi com'era duro.

*

*

*

Trecent'anni prima, Paolo quarto,

l'ebbrei de questa comunità,

all'alba a Roma facevano un salto

e, ar tramonto, dovevano tornà.

E sennò? Je chiudevano er cancello,

e dovevano stà in giro...che macello.

*

*

*

E 'sta tela de Franz è popolata:

su stò spiazzo l'umidi sampietrini

quasi rispecchiano gente indaffarata

e ce corrono a frotte i regazzini.

Solo un regazzino stà sdrajato

sur carretto cor somaro slegato.

*

76

*

***VIA DELLA FIUMARA INONDATA

*

E qui ce stanno tutti fracicati:

'na fontanella ch'è mezza allagata,

e co' le barche ce se so' attrezzati...

insomma 'na scena ch'è squinternata.

Er cesto della spesa er barcarolo

lo faceva tirà su come ar molo.

*

77

*

***VENDITORI DI PESCE AL PORTICO D'OTTAVIA***

*

Er serciato de grossi sampietrini,

che p'annaffià er pesce stà brilluccicà:

ce sò arcate, tettoje e bardacchini

davanti a uno dei cancelli de là.

Er sistema de fa tardi er frate lo usa,

e ce rimedia 'na grossa medusa.

*

78

*

***PORTICO D'OTTAVIA***

*

'Sta scena è affollata:ce sta la gente

a vedé pe' strada dei ragazzetti

che stanno per terra...cose da gnente.

La tavola de marmo vòta, in effetti,

er pesciarolo ha chiuso a quanto pare;

stanno cor zinale e dorme un compare.

*

79

*

***CASA MEDIOEVALE AL PORTICO D'OTTAVIA***

*

Delle case der ghetto la sfilata

dei mattoni dall'arcone a raggera:

liggiù la pescheria è apparecchiata

pe' scejese er pesce a quella magnera

der "cottìo": quer prezzo popolare

ch'è l'asta a vende, un rito der pescare.

*

80

*

***INTERNO DEL PORTICO D'OTTAVIA***

*

Sotto la balconata de massicce mura,

ch'è movimentata da chi lavora,

è diroccato...tutto se trascura:

sampietrini divelti ed in malora;

emergono due colonne e se vede

er Portico d'Ottavia e chi sta a sede.

*

81

*

***CASE MEDIOEVALI PRESSO IL PORTICO D'OTTAVIA***

*

La sorella d'Augusto viveva,

Ottavia appunto e ce sò le colonne;

er resto della Corte ce splenneva.

Qui, dar mercato, tornano du' donne

e sotto d'un palazzo malandato

un gregge cor pastore s'è accampato.

*

82

*

***PRATI DI TESTACCIO***

*

So' stì prati der popolo romano

ner sonetto der Belli a "Tordinona",

co' na paciocca mano nella mano,

dove nun manca  nemmeno chi sona.

Così chi canta lo fa a squarciagola...

all'aria la sbronza passa da sola.

*

83

*

***IL CIMITERO PROTESTANTE E LA

***PIRAMIDE CESTIA***

*

L'antico "Cemeterio protestante"

dava impiccio alla "chiesa" coi cipressi,

e li tajarono seduta stante.

Dice: "Erano arberi..." a rimané...fessi:

ce so' seporti dei Poeti e i fiji

ch'erano un misto tra l'umani e giji...".

*

SHELLEY, KEATS...

*

*

84

*

***PORTA S. PAOLO***

*

Ce so' l'ombre lunghe der matino:

so' come i manti per terra distesi...

verso Porta San Paolo escono in cammino

dei carrettieri a spigne, ma che pesi...

e fortuna a permettese 'na bestia;

se intravede la Piramide Cestia.

*

85

*

***ARCO DI S. LAZZARO ALLA MARMORATA***

*

Passa sotto st'arcata de mattoni

quer sottopasso che dall'Aventino

porta ar Testaccio dell'anforoni:

anticamente Porto d'ojo e vino.

Er pittore all'acquarello colora

er celo griggio ch'er pantano indora.

*

86

*

***IL TEVERE ALLA MARMORATA***

*

Qui arrivavano i marmi da Carrara

e pei romani era la "Marmorata".

E' campagna e i greggi se curavano                                                                                                                                                                  

tra carretti e quarche pietra sbrecciata.

Eppure stà tra Tevere e Aventino

che adesso è centro de città...perfino.

*

87

*

***IL TEVERE PRESSO LA MARMORATA***

*

Laggiù,tra le case, fende er griggiore

quer campanile che fa capolino

tra un sacco de cose senza colore...

s'affaccia ar Tevere dall' Aventino.

Senza grandi attrattive er panorama,

però è quello ch'er pittore de più ama.

*

88

*

***VIA DELLA SALARA PRESSO LA MARMORATA***

*

C'era er magazzino der sale qua

co' lo stemma der papa sur frontale:

stava vicino a "Bocca della Verità",

e de quer campanile laterale.

Quell'Osteria era la cosa più cara:

ar... "VINO E CUCINA DELLA SALARA".

*

89

*

***VIA DELLA GRECA PRESSO BOCCA DELLA VERITA'***

*

So' le colonne der Tempio de Vesta ,

che s'intravedono in fondo alla strada,

e cor campanile è quello che ce resta

de quanno se usava de dà la biada.

Hanno rifatto tutto co' loggica:

c'è la Passeggiata Archeologica.

*

90

*

***SBOCCO DELLA CLOACA MASSIMA***

*

Der tempio e campanile st'angoletto

dalle barche se lo gustano in pieno,

ma la Cloaca Massima cjà er getto

in funzione da dumila anni armeno.

Plinio diceva...un carro ce passava,

appresso er tanfo via se lo portava.

*

91

*

***BOCCA DELLA VERITA'. VIA DI PONTE ROTTO***

*

Du' somari ar centro der quadro stanno,

e, sotto la pioggia, je vanno appresso

i contadini co' i spruzzi che fanno:

cjanno le cioce, per loro è lo stesso.

Ar centro er Tempio de Vesta e li sotto

ce stà la targa: VIA DEL PONTE ROTTO.

*

92

*

***COSI' DETTA CASA DI COLA DI RIENZO***

*

Qui serviva pe' stennece...i panni:

dalle case de fianco l'abbitanti

co' ganci, fili e forse un pò de danni

ce facevano i bucati importanti.

'Sto monumento doveva crollà:

lo dissero ar Duce e lo fece sarvà.

*

93

*

***UNA DELLE TORRI DEI PIERLEONI***

*

Ce s'erano arricchiti questi qua,

che dentro Roma erano signorotti;

e le case-torri de proprietà...

qui diroccate, chissà quanti botti.

Quest'er Vicolo de Porta Leone:

nun se pò dì ch'è delle mejo zone.

*

94

*

***CASE DEI PIERLEONI***

*

Ce stanno panni stesi de bucato;

ceste per terra piene de verdure;

er capraro, de pelliccia acchittato,

vende bestie e latte de capra...pure.

C'è l'abbacchio spellato appeso là,

e un lampione a gas...è la civirtà.

*

95

*

***VIA DEL RICOVERO. AVANZI DI UNA TORRE...

*

'Na parete senza finestre..un muro

dove sotto la gente è in movimento;

giri er vicolo ar "nasone",allo scuro,(°)

le contadine, ce se crede a stento,

portano pesi de verdura in testa,

e tanta ce n'è ch'esce dalla cesta.

*

(°)"Nasone", la fontanella stradale.

*

*

96

*

***CASTELLO DEI SAVELLI SULL'AVENTINO***

*

*

*

Castello diroccato, all'Aventino,

co' li stemmi a pezzi e merlature;

e' re Enrico, nemico fumantino,

oltre a marvaggio era invidioso pure.

Laggiù a valle, sotto un celo de vetro,

la vallata tibberina e San Pietro.

*

97)

*

***SANTA SABINA***

*

*

*

Descrive qui D'Annunzio, ner "Piacere":

"...e giù nella Via di Santa Sabina...";

quelle storie a cavallo erano vere:

e un romantico scenario s'abbina.

Poi aggiunge D'Annunzio ner racconto:

"Case imperiali incendiate al tramonto...".

*

98)

*

***INGRESSO ALLA CHIESA DI S. SABA***

*

*

*

Era meta delle gite d'amore

su quell'artra cima dell'Aventino:

immersi ner verde...scoppiava er core

dentro le vigne all'odore der vino;

e dei Gesuiti era trasparente:

a Messa nun se vedeva per gnente.

*

99)

*

***ARCO DI DOLABELLA***

***VILLA CELIMONTANA***

*

*

*

E' pervenuta a noi, intatta,'sta zona

de urbanistica in stile alla romana...

e ar portale l'edicola nun stona:

è l'ingresso a Villa Celimontana.

Qui se vede l'artro colle vicino:

dietro l'arberi ce sta er Palatino.

*

100)

*

***S.S. QUATTRO CORONATI***

***S. GIOVANNI*************

*

*

*

'Sta strada lambisce er Tempio isolato:

quella Via dei Santi Quattro...sterrata.

Da Guiscardo de' Normanni attaccato

(ed anche la chiesa venne sfreggiata),

de conseguenza distrutto er Convento:

dall'anni mille s'è ripreso a stento.

*

*

*

giovedì, 14 agosto 2014

***************************************************************