Lunedì 19 Novembre 2018

*******LA VITA DEI ROMANI***(24 STROFE)***

*

*

*

1   -GESTUALITA'

*

2   -DETTI E PROVERBI

*

3   -CORSA DELLE BIGHE

*

4   -GLI SCHIAVI

*

5   -VIGILES

*

6   -I PASTI

*

7   -CALZATURE

*

8   -CURE DI BELLEZZA

*

9   -VINO

*

10  -ABBIGLIAMENTO

*

11  -I GLADIATORI

*

12  -IL LATTE

*

13  -I PROFUMI

*

14  -LATRINE

*

15  -N A U M A C H I A

*

16  -I  VENTI

*

17  -L U D I ROMANI

*

18  -L'UOMO ROMANO

*

19  -LA DONNA ROMANA

*

20  -IL BAMBINO ROMANO

*

21  -V I V A R I A

*

22  -IN TRIBUNALE

*

23  -I CLIENTES

*

24  -LA VITA QUOTIDIANA

*

*

*

1)*******G E S T U A L I T A'**************

*

*

*

I romani se capivano a gesti:

er dito medio fori je spuntava;

poi "sarve",la mano a move lesti

e co'l'artra bassa se strofinava.

Raffinati, spece coi... gladiatori:

"pollex versus", però...che tesori.

*

*

*

2)*********DETTI E PROVERBI**************

*

*

*

I proverbi cantavano nei cori:

"Ab ovo", dall'ovo a cose lontane;

"Sursum corda"cantava in alto i cuori;

"Cave canem" chevordì attenti ar cane;

"vivi alla giornata" (a dije citrullo)

lo cantava "Carpe diem"... Catullo.

*

*

*

3)*******CORSE DELLE BIGHE*******************

*

*

*

A Roma se coreva all'impazzata

nei Circhi pe' cavalli a bizzeffe;

de corse ce n'erano ogni giornata

ma a Nerone nun je fecero...beffe:

dice ch'entrava co' dieci cavalli,

l'avversari gnente per monti e valli.

*

*

*

Adesso ar Circo suo c'è San Pietro

e lo stesso obbelisco stava lì.

In piazza ce pregano...dieci ar metro,

ma zitti c'è... l'eco de chi nitrì...

Ce vò un pò de fantasia e d'acume...

tutto fa, diceva e piscjava ar fiume.

*

*

*

4)*******GLI SCHIAVI**********************

*

*

*

A ogni guerra c'era più schiavitù,

co' i popoli sconfitti servitori...

ma 'n'artro modo pe' fa servitù

era nun pagà i debbiti...annà fori...

C'era scritto ar collare a penzolone:

"se scappo riportateme ar padrone...".

*

*

*

5)*******V I G I L E S*******************

*

*

*

Erano tanti e pronti a tutte l'ore:

li strumenti erano quelli vecchi;

er motto: "Stamo dove c'è er calore,

intervenimo pure cò i... secchi...".

A Trastevere, cò le case in legno,

dovevi da spegne, certo che impegno.

*

*

*

6)*******P A S T I*******************

*

*

*

Magnavano sur triclinio sdrajati,

er pasto principale era alle tre

e, ce se movevano l'invitati

all'alba, er giorno dopo, dimme te.

L'anfitrione ricco (a nun esse fesso),

coceva la "murena de Tartesso".

*

*

*

7)*******C A L Z A T U R E*************

*

*

*

Dopo la vittoria e la sottomissione

i primi contatti co' le artre culture

so' stati sempre (quella fissazzione):

provà dei vinti le carzature.

Sòla de ferro, mica...pellicola,

l'adottò e fu chiamato Caligola.(*)

*

*

(*)CALIGAE: calzature militari con

** suola ferrata.

*

*

8)*******CURE DI BELLEZZA************

*

*

*

Tutti usavano le noci...bollenti

pe' depilasse de' peli de troppo;

anche Cesare (delli più avvenenti),

dice se ne levava un ber... malloppo.

Se rasava e, all'urtimo co'no scatto,

lo strillava: "Pure 'sto pelo è tratto".

*

*

*

9)*******V I N O*************

*

*

*

C'era la scusa de brindà cor vino,

a ogni occasione se beveva, eccome:

alla salute, a 'n'idolo divino...

Per la donna,a ogni lettera der nome

a beve 'na coppa; a incontrà Lucilla,

la persona che brindava era...brilla.

*

*

*

10)*******A B B I G L I A M E N T O********

*

*

*

Plinio Vecchio de scandalo strillava

pe' i vestiti de seta dalla... Cina;

per 'sti gioielli sempre baccajava,

spece quelle perle d'acqua marina.

Però ce s'ammattiva,Plinio er Vecchio,

quanno vedeva bucato... 'n'orecchio.

*

*

(*)Gaio Plinio Secondo, detto il "Vecchio"

** .............23-79 d.C............................

*

*

11)*******G L A D I A T O R I************

*

*

*

Livio a dicce de sordati romani

catturati a Tarquinia dai nemici;

je fecero: "O contro, tra voi, domani,

o i leoni, che nun so' propio...amici".

Se presero er gladio da...lottatori:(*)

da qui so' nati i "Ludi gladiatorii".

*

*

(*)GLADIO: spada corta.

*

*

12)*******IL LATTE******************

*

*

*

Capra o pecora e' latte utilizzato

ner succo de fieno dei ruminanti,

che dopo e' rigurgito era scolato;

i ricchi a dinne bene tutti quanti.

Quello de mucca la plebbe beveva

cor vino na sbrònza se la prenneva.

*

*

*

13)*******PROFUMI********************

*

*

*

A quell'epoca nun c'era er sapone,

e co' la... cenere ce se...lavava;

nò nun era 'na bella situazzione;

ma perché dopo ce se strofinava.

Però a grattà s'apriva la ferita:

medicasse o improfumasse,che vita.

*

*

*

14)*******L A T R I N E*************

*

*

*

De solito era sotto un porticato:

tutti a sede sui sedili...bucati

e nessuno s'è mai meravijato;

ma fino a quanno ce s'è vergognati.

Dopo Cristo subbentrò la vergogna...

c'era anche l'assistente, ma che rogna.

*

*

*

15)*******N A U M A C H I A************

*

*

*

La nautica delle navi in...piazza

a chiudela e d'acqua se riempiva;

ce fece diventà la... gente pazza

che manco 'na battaja je sfuggiva.

Ogni nave er propio schieramento:

e nun ce se stava zitti un momento.

*

*

*

16)*******I  VENTI******************

*

*

*

Eolo, dio e signore dei venti,

c'ebbe dodici fiji pe' soffià:

e pure er freddo da batte li denti.

Co' Enea a Itaca lo volle aiutà:

sradicò arberi e volarono i rami;

i Trojani travorti dar...tsunami.

*

*

*

17)*******L U D I*********************

*

*

*

"Panem et circenses" de Giovenale

era er motto pe' regnà sui romani;

daje da magnà e giocà, mica male,

e nun c'era probblema der domani:

corse de cavalli... naumachie...

pe' chi governava erano maggie.

*

*

*

18)*******L'UOMO ROMANO**************

*

*

*

Dice all'inizzio erano... pecorari,

e già ce stava er padre famijare;

però i bellicosi nun erano rari:

co' artri popoli era da battajare.

Vince le guerre c'era un bell'effetto:

dopo, tra ricchi, c'era più rispetto.

*

*

*

19)*******LA DONNA ROMANA****************

*

*

*

Nella donna c'era la moda a fa

la "donna greca" ad esse importante;

ma la colta nun era da sposà:

je ce dava fastidio ar più ignorante.

Sta cosa volevano soprattutto

i parenti nell'organizzà...tutto.

*

*

*

20)*******IL BAMBINO ROMANO************

*

*

*

Ner primo secolo dopo de Cristo,

Seneca scriveva de' regazzino:

dice a lavorà era un novo acquisto

per padre che nun era...sopraffino.

Le madri, invece, l'affetto davano

e tutti i fiji li coccolavano.

*

*

*

21)*******V I V A R I A**********

*

*

*

Recinti pe' animali anche feroci:

e tutti i tipi, insomma, d'allevà;

ma questi ce facevano l'incroci

e pure l'elefante pe'...schiaccià.

Era 'na minaccia per disertore:

"Aò, sotto le zampe ce se more...".

*

*

*

22)*******IN TRIBUNALE*************

*

*

*

L'avvocato in tribbunale parlava

co'la clessidra a segnà l'orazzione;

però era l'uscere che la girava.

Ma capitava (pe'na distrazzione):

l'oratore, dopo er tempo a parlà,

se l'annava lì, da solo, a girà.

*

*

*

23)*******I CLIENTES***************

*

*

*

La classe dei patrizzi ce l'aveva:

erano quelli der ceto borghese

e, sempre a loro, je se rivorgeva,

li ricambiava co' ricche sorprese.

Due chiacchiere,guasi cor mutismo,

già je funzionava er clientelismo.

*

*

*

24)*******LA VITA QUOTIDIANA*********

*

*

*

Ce stanno l'abbitudini pe' scritto

dei romani nella vita der giorno:

lui ce s'arzava all'alba e zitto zitto

a lavà prima d'uscì (anche a' ritorno).

Certo usciva l'omo e la donna no,

ma a raccontalla in breve nun se pò.

*

*

*

25)*******